Carmine Doronzo. <span>Foto Cosimo Campanella</span>
Carmine Doronzo. Foto Cosimo Campanella
Politica

Consiglio comunale di Barletta alla deriva, «questa è apologia del fascismo»

I consiglieri comunali di Coalizione civica: «L'amministrazione farebbe meglio a rassegnare le dimissioni»

«Siamo stanchi. Dopo quanto accaduto nella seduta di Consiglio Comunale di oggi intendiamo denunciare pubblicamente la pericolosa deriva autoritaria in cui tale organo istituzionale rischia di sprofondare definitivamente». Lo scrivono i consiglieri comunali di Coalizione civica Carmine Doronzo, Michelangelo Filannino e Ruggiero Quarto dopo le parole pronunciate questo pomeriggio dal consigliere Flavio Basile e la gestione dell'intera seduta.
«Da mesi ormai - proseguono da Coalizione civica - denunciamo una gestione del Consiglio a dir poco discutibile. Questo pomeriggio abbiamo assistito increduli a due episodi preoccupanti per la tenuta democratica dell'intera città. Il primo riguarda la negazione del tutto arbitraria, da parte del Presidente del Consiglio Comunale Sabino Dicataldo, dell'esposizione di una domanda d'attualità sui disservizi della biblioteca comunale da noi presentata a seguito della petizione on line lanciata da alcuni nostri concittadini in data 19 maggio. Alle nostre ripetute richieste di motivare la censura del nostro diritto di espressione, il Presidente non ha ritenuto di rispondere e, anzi, ha più volte interrotto il nostro capogruppo Carmine Doronzo ed infine ordinato di spegnergli il microfono.

La seconda riguarda l'intervento del Consigliere Comunale Flavio Basile, già candidato sindaco leghista e oggi interno alla maggioranza del sindaco Cannito, nel corso del quale ha impunemente asserito: "io non mi offendo se mi chiamano fascista, lo stupido e il mentecatto si offende perché il fascismo ha fatto tante cose belle". In questo caso non è intervenuta nessuna interruzione e nessuna censura a frenare le mostruosità affermate da tale consigliere.

Ci chiediamo in che mani siamo finiti se a rappresentare la Barletta insignita della duplice medaglia d'oro al Merito Civile ed al Valore Militare siano politici di questo calibro. Esprimiamo il nostro grande disagio umano ed istituzionale nel condividere sedi pubbliche con chi compromette il dibattito democratico o, peggio, con chi si dichiara fascista e con chi gli consente di farlo.

Siamo seriamente preoccupati per la nostra città che ha già fin troppi problemi irrisolti e che sperava di aver chiuso i conti con i fascisti, la cui violenza è scolpita nei fori di proiettile ancora oggi visibili sull'ex palazzo delle poste.

Chiediamo a tutte le forze sociali e democratiche di tenere alta la guardia e di far sentire forte la propria voce per evitare altre spiacevoli "sorprese" da parte di un'amministrazione che farebbe meglio a rassegnare le dimissioni».
  • Consiglio comunale
Altri contenuti a tema
«Se oggi Cannito è il sindaco di Barletta la responsabilità è anche la nostra» «Se oggi Cannito è il sindaco di Barletta la responsabilità è anche la nostra» Il gruppo Cantiere Barletta spiega perché non sosterrà più l'amministrazione
A Barletta Rosanna Maffione (Pd) si dimette da presidente della Commissione Bilancio A Barletta Rosanna Maffione (Pd) si dimette da presidente della Commissione Bilancio La lettera di dimissioni inviata al sindaco Cannito
«A Barletta i 5 stelle “salvano” Cannito, ma ne chiedevano le dimissioni» «A Barletta i 5 stelle “salvano” Cannito, ma ne chiedevano le dimissioni» La nota di Italia Viva dopo l’ultimo Consiglio comunale
Cosa serve adesso all’amministrazione di Barletta per arrivare al 2023 Cosa serve adesso all’amministrazione di Barletta per arrivare al 2023 Il sindaco Cannito dovrà trovare una nuova maggioranza e forse anche un presidente del Consiglio
I 5 stelle e l'appoggio esterno di Dipaola. A Barletta Cannito va avanti I 5 stelle e l'appoggio esterno di Dipaola. A Barletta Cannito va avanti I pentastellati si astengono dal voto e dal Pd Mennea vota a favore
Cannito: «Caracciolo pensa di poter decidere del destino dei barlettani» Cannito: «Caracciolo pensa di poter decidere del destino dei barlettani» In una nota il primo cittadino si dice preoccupato per la città e fa nomi e cognomi
Amministrazione di Barletta a rischio, 4 consiglieri Pd voteranno "contro" Amministrazione di Barletta a rischio, 4 consiglieri Pd voteranno "contro" La nota firmata dal gruppo del Partito democratico. Manca Ruggiero Mennea
1 Da cosa e da chi dipende il destino dell'amministrazione di Barletta Da cosa e da chi dipende il destino dell'amministrazione di Barletta Oggi il Movimento 5 stelle incontrerà gli attivisti e il Pd renderà note le sue intenzioni
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.