Cementeria
Cementeria
Cronaca

Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati

La sentenza sarà pronunciata il 18 settembre

La Procura della Repubblica di Trani (pubblico ministero Simone Merra) ha chiesto l'assoluzione di tutti gli 8 imputati del giudizio abbreviato sul presunto disastro ambientale provocato dalla Cementeria Buzzi Unicem di Barletta. Alle stesse conclusioni sono giunti, com'era naturale che fosse, le difese.

Ormai da tempo rinunciataria alla costituzione di parte civile il Comitato Operazione Aria Pulita Barletta-Andria-Trani: l'avvocato Michele Cianci ritenne debole l'impianto accusatorio per insistere nella propria istanza. Ancora presenti, invece, le altre parti civili: Regione, Provincia, Comune.

Il giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Trani Raffaele Morelli pronuncerà la sentenza il 18 Settembre.

In passato la Procura aveva chiesto il non luogo a procedere, disatteso però dall'ex gup Francesco Messina. Da quel provvedimento il fascicolo d'inchiesta dell'ex pubblico ministero tranese Antonio Savasta si diramò in due tronconi: da un lato il rito abbreviato con 8 imputati; dall'altro il dibattimento con altri 9. Anche quest'ultimo procedimento è ormai prossimo alla conclusione: a settembre sono previste le conclusioni delle parti.

L'inchiesta contestò fatti dal 18 febbraio 2012 in poi. Per quanto ricostruirono le indagini, ci sarebbero state "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti superiori al limite di legge prevista nell'ambito della tipologia dei rifiuti, trattandosi di un impianto ubicato nei 200 metri da insediamenti residenziali, con esposizione della popolazione al rischio d'inalazione di fattori inquinanti dannosi alla salute". A vario titolo e a seconda delle rispettive presunte responsabilità dei 17 imputati (tra i due procedimenti) il pm Savasta mosse le accuse di "delitto colposo di danno, delitti colposi contro l'ambiente, falso ideologico, abuso d'ufficio e violazione della normativa in tema ambientale sancita dal Decreto Legislativo n.152/2006".
  • Cementeria
Altri contenuti a tema
2 Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre
3 Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta «Speriamo che in questo enorme spazio possano sorgere percorsi e viali alberati»
La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta Oggi la cerimonia di presentazione del laboratorio scolastico “VivaIO Insieme”
1 Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Non si costituirà parte civile, verosimile la richiesta di assoluzione il 4 aprile
3 Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Oggetto delle indagini "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti"
Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Udienza fissata per l'8 gennaio 2018
2 Processo per disastro ambientale, Collettivo Exit: «Le vere parti civili sono i cittadini» Processo per disastro ambientale, Collettivo Exit: «Le vere parti civili sono i cittadini» Interviene Alessandro Zagaria: «Regione, provincia e Comune hanno responsabilità in questa crisi»
6 Rinvio a giudizio per i vertici della cementeria Buzzi Unicem di Barletta Rinvio a giudizio per i vertici della cementeria Buzzi Unicem di Barletta L'avvocato Michele Cianci: «D Barletta parte una nuova disfida in termini ambientali»
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.