Canne della Battaglia - 21 aprile 1958
Canne della Battaglia - 21 aprile 1958
Turismo

Canne della Battaglia, Grimaldi: «Quale futuro per il sito archeologico?»

«La sorte del sito annibalico assume un colore sempre più tendente al nero tetro»

Elezioni Regionali 2020
«Un innocente consiglio: se avete un po' di pazienza e possibilità, andatevi a rileggere tutto quello che viene detto e scritto ogni anno, da qualche tempo a questa parte, sul futuro (ma che vuole intendersi per futuro?) del sito archeologico di Canne della Battaglia e vi rendereste conto che l'enormità di parole scritte e pronunziate, sembrano "copiate" con, l'ormai scomparsa, carta carbone. In definitiva una tristezza senza fine, mentre la sorte del sito annibalico assume un colore sempre più tendente al nero tetro». Scrive così il Responsabile dell'Archivio di Stato di Barletta, Michele Grimaldi, soffermandosi su un'analisi in merito agli sviluppi futuri del sito archeologico di Canne della Battaglia.

«Si assiste alla solita parata di nani, ballerine e menestrelli che hanno il poco recondito obiettivo di rientrare nel lungo elenco di esperti. Seneca, nella Medea, faceva formulare l'interrogativo "Cui prodest?" e mai, come in questo caso, bisognerebbe porsi e soprattutto porre la domanda: a chi giova o a cosa giovano queste estemporanee tavole rotonde, di fronte a incredibili situazioni conferma di negligenza, noncuranza per la cultura, ritardi e contro qualunque valore di senso civico e di bene comune piuttosto che di decoro?».

«Quindi di tutto quanto "ridetto" resterà soltanto qualche foto, pubblicata sui mezzi di comunicazione e da inserire nel proprio curriculum, di amministratore o personaggio di varia estrazione. E mentre c'è il famoso (o famigerato?) rimpallo o se preferite, chiarimento sulle competenze e sulla "spartizione" dei meriti (ma quali?), la soluzione dei problemi è rimandata … a quando? In questi giorni si è veramente ascoltato di tutto e di più con figure istituzionali e non, che si sono ed hanno posto domande legittime, per carità, ma ripetitive sul futuro di Canne e la sua valorizzazione, bensì nessuno ha fatto il seppur minimo cenno alle voci, strane, che circolano sui dipendenti del MiBACT ai quali, in questo periodo critico, vengono chieste prestazioni straordinarie che poi non vengono riconosciute. Sarebbero questi i temi su cui dibattere e pensare seriamente a delle soluzioni».

«La situazione è ancora più grave soprattutto in un momento storico come questo che vede i lavoratori del MiBACT andare via via scomparendo. Nei vari incontri avuti con i responsabili del Ministero, tutte le sigle sindacali di settore, hanno evidenziato il caos e l'incertezza che penalizza molti Istituti periferici nonostante gli sforzi di colleghi e dirigenti seri e responsabili. La carenza di organico in tutte le aree e relativa a tutti i profili professionali, è ad oggi superiore alle 5.000 unità (non una decina!). Le stime dei prossimi pensionamenti, già effettuate fino al 2022, porteranno la cifra ad oltre 6.000 unità».

«Non valgono nemmeno, come non valgono nemmeno le classiche soluzioni tampone (quasi niente), le assunzioni "temporanee e straordinarie" di un paio di addetti perché il punto cruciale della critica (a voler essere ottimisti) situazione di Canne, non è il suo futuro parlando in astratto, bensì il nodo gordiano è quello della gestione (statale, comunale, privata, mia, tua, boh!) visto che attualmente il personale di custodia incardinato a Canne è di soli e miseri due addetti alla vigilanza. Credete stia scherzando? È molto facile verificarlo, basta recarsi sul posto e chiedere al personale stesso».

Se si continua così, andrà sempre peggio e sarà ulteriormente più difficoltoso continuare ad usare i dipendenti della cultura come bassa manovalanza (se non peggio!) senza aspettarsi reazioni forti. Qualche "esperto" del settore ha affermato, in una delle tante ed inutili tavole rotonde: "L'unione fa la forza e mai come in questo caso, determinante è risultata la collaborazione tra le strutture del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, dal Segretariato Regionale al Polo Museale della Puglia e dell'Amministrazione comunale. Il sito archeologico di Canne rappresenta un patrimonio da valorizzare e riscoprire, ogni sforzo messo in atto va dunque in questa direzione"».

«Sapete qual è il pesantissimo dubbio che mi rimane dopo queste affermazioni? Ma in quale direzione sono indirizzati gli sforzi? Un'idea forte l'ho, ma la tengo per me. Sino ad oggi le uniche immagini, fissate nella mia memoria, di politici che fattivamente si sono spesi per la nostra Città e Canne della Battaglia, sono quelle del Ministro della Pubblica Istruzione Aldo Moro immortalato mentre, il 20 aprile 1958, inaugura l'Antiquarium e precedentemente, quelle del Podestà Picardi il quale acquistò la collina di Canne e la fondamentale figura, sempre dimenticata, di Isidoro Alvisi che si spese, proprio intercedendo presso Aldo Moro, per ottenere finanziamenti utili al sito archeologico Poi 60 anni di inutili parole, degrado, parata di stelle e nulla più».
  • Canne della battaglia
Altri contenuti a tema
Coltivavano marijuana a Canne della Battaglia, due arresti Coltivavano marijuana a Canne della Battaglia, due arresti Rivendute illecitamente al dettaglio, le dosi avrebbero dunque “fruttato” ai due giovani fino a 4.000.000 di euro
Riapre il parco archeologico di Canne della Battaglia Riapre il parco archeologico di Canne della Battaglia L'Antiquarium resta chiuso per riorganizzazione
1 L'acquisto della collina di Canne, ma «Barletta non valorizza il patrimonio culturale» L'acquisto della collina di Canne, ma «Barletta non valorizza il patrimonio culturale» Michele Grimaldi: «Se 83 anni fa il Comune non avesse acquistato quel terreno, oggi non si sarebbe potuto celebrare niente nella nostra città»
Canne della Battaglia, un video sullo storico scontro sui canali del Mibact Canne della Battaglia, un video sullo storico scontro sui canali del Mibact La cultura non si ferma. Così il Ministero ha reso fruibili online le bellezze italiane
Canne della Battaglia, come rilanciare il patrimonio culturale Canne della Battaglia, come rilanciare il patrimonio culturale Anche la sede di Barletta fa proprio il manifesto dell’Archeoclub d’Italia Onlus
#ioleggoacasa con il fumetto dedicato a Canne della Battaglia #ioleggoacasa con il fumetto dedicato a Canne della Battaglia L’Antiquarium e parco archeologico di Canne partecipano all'iniziativa del MiBAC
Canne della Battaglia protagonista nella XIII giornata nazionale delle ferrovie dimenticate Canne della Battaglia protagonista nella XIII giornata nazionale delle ferrovie dimenticate Presso la stazioncina Barletta-Spinazzola, compilazione del sondaggio sulla valorizzazione della linea ferroviaria promossa dal Politecnico di Bari
Canne della Battaglia, il restauro dei mosaici della chiesa maggiore Canne della Battaglia, il restauro dei mosaici della chiesa maggiore I mosaici furono rinvenuti con gli scavi effettuati negli anni ’60
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.