ViaDAmelio strage
ViaDAmelio strage
Attualità

Addio a Rita Borsellino. Barletta accolse il suo messaggio contro la mafia

Una vita contro la mafia che ha intrapreso dopo la morte di suo fratello Paolo Borsellino e della scorta

Elezioni Regionali 2020
"La memoria è vita che si coltiva ogni giorno". Un messaggio di speranza che, come un basso, lascia un vuoto assordante nello stomaco. Rita Borsellino, da anni gravemente malata, è morta ieri a Palermo all'età di 72 anni. Quelle parole sono state pronunciate alla vigilia dell'anniversario della strage di via D'Amelio, il 19 luglio. È stata la sua ultima apparizione pubblica.

Una vita contro la mafia, quella della sorella del magistrato Paolo Borsellino. Una missione che Rita ha intrapreso il giorno seguente la morte di suo fratello e della scorta. Nel 1995 diventa vicepresidente dell'associazione antimafia Libera, fondata da don Luigi Ciotti, di cui è stata successivamente nominata presidente onoraria. Alcuni anni dopo, Rita Borsellino fa tappa proprio a Barletta presso la Chiesa del SS. Crocifisso. In quegli anni il parroco era Don Rino Caporusso il quale, con il coinvolgimento di Mons. Giovanni Battista Pichierri, le conferì l'onorificenza per il suo impegno contro le mafie. "Organizzare la speranza" era il titolo dell'incontro, incentrato sui temi della legalità, ricerca della verità, diritto alla casa, e molto altro. Barletta si fece cantiere della speranza, vista non come rassegnazione ma come collaborazione per costruire la giustizia.

Una farmacista, madre di tre figli, rivoluzionaria e di sinistra. Rita Borsellino decide di candidarsi alla presidenza della Regione contro il noto Totò Cuffaro, il quale vinse lasciando molti siciliani con la bocca che sa d'amaro. Legalità, giustizia, lotta sono i messaggi che nonostante la dolorosa malattia sono stati personalmente consegnati, perchè Rita Borsellino non ha mai perso la sua voce.
  • Mafia
Altri contenuti a tema
Coronavirus, De Scisciolo: «Poca liquidità, le mafie puntano su turismo e ristorazione» Coronavirus, De Scisciolo: «Poca liquidità, le mafie puntano su turismo e ristorazione» L'allarme del vice presidente nazionale della Fai: «In questo momento le imprese sono le più esposte al rischio usura»
Il panorama criminale su Barletta nel report della Direzione Investigativa Antimafia Il panorama criminale su Barletta nel report della Direzione Investigativa Antimafia Importante l'influenza della mafia cerignolana insieme al permanere degli storici clan barlettani
Liberi dalla mafia, Assuntela Messina: «No alla paura» Liberi dalla mafia, Assuntela Messina: «No alla paura» Una manifestazione guidata dal fondatore di Libera don Luigi Ciotti per opporsi alla criminalità organizzata
Guerra tra clan a Trinitapoli, tra gli arrestati un uomo di Barletta Guerra tra clan a Trinitapoli, tra gli arrestati un uomo di Barletta Maxi operazione dei Carabinieri: riconosciuta per tutti l'aggravante del metodo mafioso
1 Operazione antimafia, confiscati beni per 52 milioni di euro Operazione antimafia, confiscati beni per 52 milioni di euro I beni erano di proprietà di un soggetto vicino al clan mafioso "Cannito - Lattanzio"
Vittime dei reati mafiosi: c'è un indennizzo Vittime dei reati mafiosi: c'è un indennizzo Lo rende noto la Prefettura della Bat. Scade il 12 aprile il termine per la richiesta
Libera Barletta, due incontri per dire no alle mafie Libera Barletta, due incontri per dire no alle mafie Anche a Barletta arriva l'iniziativa "Addiopizzo"
Criminalità in Puglia, 2489 terreni in mano alla mafia Criminalità in Puglia, 2489 terreni in mano alla mafia Indagine di Coldiretti ed Eurispes sulle Agromafie nella Regione Puglia
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.