Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci. <span>Foto Cosimo Campanella</span>
Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci. Foto Cosimo Campanella
Eventi

Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci

L’ex membro della scorta di Falcone ha presentato il suo libro-intervista nel quale racconta la sua drammatica esperienza

"Sono un vecchio sbirro che ha deciso di fare un mestiere particolare". Queste le prime significative parole pronunciate dal palco del Teatro Curci di Barletta da Angelo Corbo, uno degli agenti che fecero parte della scorta di Giovanni Falcone quel tragico pomeriggio del 23 maggio 1992 e che fu suo malgrado testimone del terrificante attentato di Capaci costato la vita al magistrato palermitano, a sua moglie Francesca Morvillo, e agli agenti Vito Schifani, Rocco Di Cillo e Antonio Montinaro.

L'importante evento - nel quale è stato presentato il libro "Strage di Capaci" che racconta la drammatica esperienza di Corbo - è stato aperto dall'attore Christian Binetti, il quale si è esibito in una coinvolgente interpretazione del celebre brano di Giorgio Faletti "Minchia Signor Tenente". Brano che il compianto artista astigiano presentò al Festival di Sanremo del 1994 e che narrava l'amarezza e la frustrazione delle forze dell'ordine alla notizia della strage di Capaci.
17 fotoAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci
Angelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di CapaciAngelo Corbo racconta a Barletta la strage di Capaci
Dopo i saluti del sindaco Mino Cannito, quelli del segretario provinciale del SIULP (Sindacato Italiano Unitario dei Lavoratori della Polizia) Umberto Moscatelli, e del comandante della Guardia di Finanza di Barletta Pierluca Cassano, moderato dall'esperto giornalista Roberto Straniero e con ospite illustre l'avvocato penalista Carmine Di Paola, l'evento è entrato nel vivo della discussione con Angelo Corbo che ha iniziato a parlare della sua esperienza come agente di scorta di Giovanni Falcone, smentendo innanzitutto uno dei tanti luoghi comuni da fiction che negli anni hanno narrato di un rapporto piuttosto informale tra Falcone e gli uomini della sua scorta, ma soprattutto raccontando episodi inediti e particolarmente inquietanti avvenuti nei mesi immediatamente precedenti l'eccidio di Capaci, primo su tutti il depotenziamento della scorta a Falcone. E a proposito di quei primi mesi del 1992, Corbo ha raccontato con dovizia di particolari di come le voci di un imminente attentato mafioso ai danni di una personalità di rilievo fossero già particolarmente diffuse a Palermo. Del resto, a conferma di quanto affermato da Corbo, sono facilmente reperibili sul web le immagini di un preoccupatissimo Giovanni Falcone che circa un anno prima delle stragi, in una celebre trasmissione televisiva condotta da Corrado Augias, già parlava di segnali gravi ed inquietanti.

Segnali gravi ed inquietanti anche quelli raccontati da Corbo a proposito dei giorni che hanno preceduto la strage, come ad esempio gli alberi potati proprio davanti alla collinetta da dove fu attivato il detonatore, macchine "con la ruota bucata" ogni giorno proprio nel punto ove fu piazzata la carica esplosiva. E denso di particolari inediti si è rivelato anche il racconto degli attimi immediatamente successivi all'esplosione (con la valigetta ventiquattrore di Falcone e un rullino sottratto e mai più restituito a un fotografo del posto) e dell'indecente trattamento ricevuto in ospedale dagli agenti (tra cui Corbo) rimasti feriti dall'esplosione, ai quali fu trovata una stanza solo alla notizia dell'arrivo di TV, giornali e politici.

Tutte situazioni decisamente poco edificanti che hanno portato Corbo a considerarsi amaramente "un errore" in quanto sopravvissuto alla strage. Una triste esperienza che Corbo condivide con Giuseppe Costanza, un altro dei reduci di quel 23 maggio 1992.

Durante l'incontro si è inoltre discusso sul ruolo dei servizi segreti, sull'evoluzione della criminalità organizzata e sulla sua indubbia capacità di adattarsi alle varie epoche e su quella che dovrebbe essere la risposta dello Stato, un tema su cui Corbo non ha mancato di manifestare forti perplessità.

Non sono mancati infine cenni a quella che ai tempi del Pool antimafia fu definita come la "stagione dei veleni" e in particolare alla famosa vicenda del "Corvo" e di alcune lettere anonime che accusavano in sostanza Falcone di essere complice del pentito Salvatore Contorno e di permettere a quest'ultimo di poter tornare a Palermo per vendicarsi dei "corleonesi" che avevano ammazzato alcuni suoi parenti.

L'evento si è concluso con un intervento dell'assessore alla cultura Oronzo Cilli che ha parlato in sostanza dell'esistenza di uno "Stato buono" impersonato da magistrati come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici, Antonino Caponnetto e da poliziotti come Angelo Corbo, e di come in sostanza ogni cittadino sia Stato.
  • Teatro Curci
  • Mafia
Altri contenuti a tema
G7, inizia domani a Barletta il Summit internazionale di Filosofia G7, inizia domani a Barletta il Summit internazionale di Filosofia Partecipazione aperta al pubblico nelle serate del 23 e 24 maggio previa registrazione
Al via i Concorsi Musicali Internazionali 2024 al Teatro Curci di Barletta Al via i Concorsi Musicali Internazionali 2024 al Teatro Curci di Barletta Uno straordinario maggio musicale con partecipanti provenienti da oltre 30 Nazioni
Azioni in danza, domani la presentazione Azioni in danza, domani la presentazione Appuntamento alle 11 nel foyer del teatro Curci
Questa sera sul palco del "Curci" le coreografie del barlettano Enrico Morelli Questa sera sul palco del "Curci" le coreografie del barlettano Enrico Morelli La MM Contemporary Dance Company porta in scena "Skrik" ed "Elegia"
Fratelli d’Italia Barletta: «Il Teatro “Curci” monumento nazionale, grazie al Governo Meloni» Fratelli d’Italia Barletta: «Il Teatro “Curci” monumento nazionale, grazie al Governo Meloni» La nota dei consiglieri comunali Mele, Memeo, Cefola e Antonucci
1 Il teatro Curci di Barletta è monumento nazionale Il teatro Curci di Barletta è monumento nazionale La nota della parlamentare di Fratelli d’Italia Mariangela Matera
Barletta celebra la Giornata dell'impegno per le vittime innocenti di mafie Barletta celebra la Giornata dell'impegno per le vittime innocenti di mafie Il presidio cittadino si mobilita per un momento commemorativo nella parrocchia sant'Andrea
Presentati i Concorsi Musicali Internazionali 2024 Presentati i Concorsi Musicali Internazionali 2024 Si svolgeranno dall’1 al 12 maggio sul palco del Teatro Curci a Barletta
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.