Claudio Cassano
Claudio Cassano
Calcio

La A.S. Roma ha un nuovo Cassano, e stavolta è di Barletta

Claudio Cassano, classe 2003, firma il primo contratto da professionista della sua carriera, con la squadra della Capitale

Dici Cassano, dici Roma ed irrimediabilmente vieni trascinato nei primi anni 2000, quando la squadra giallorossa della capitale dava spettacolo in Italia ed in Europa con la coppia di attacco Francesco Totti-Antonio Cassano, "Batman e Robin", come lo stesso capitano della Roma definì il duo. Ma da oggi il "Pibe di Bari Vecchia" non sarà più l'unico Cassano dell' A.S. Roma, perché Claudio Cassano, nato a Trani il 22 Luglio 2003, ma di fatto cresciuto a Barletta sia calcisticamente che anagraficamente, ha firmato il suo primo contratto da calciatore professionista, all'età di 17 anni, proprio con la Roma, che dopo anni di corteggiamento lo ha preso con sé, per far parte del suo settore giovanile.

Claudio Cassano inizia a calcare il prato verde con la maglia della scuola calcio cittadina A.P.D. Brasilea, dimostrandosi sin da subito un talento da tenere d'occhio. Dotato di un'elevata tecnica individuale, di una propensione spiccata per il dribbling e di una naturale intelligenza calcistica, gioca prevalentemente nelle zone d'attacco come trequartista o esterno, ma anche come punta all'occorrenza, dato il suo spiccato senso del gol, caratteristche che gli attirano addosso le attenzioni dei maggiori club professionistici, tra cui la Juventus e la Roma, che molti anni prima già lo testa in qualche provino, mantenendo la pista calda per gli anni a venire. Dopo una breve esperienza con l'A.C. Bisceglie, i gialorossi tornano a farsi vivi e stavolta in maniera definitiva: nell'estate del 2018 Claudio viene preso sotto la loro ala e inizia a giocare insieme e contro i migliori prospetti italiani ed europei della sua età, scalando man mano le varie categorie, fino alla firma di questi giorni, che lo rende a tutti gli effetti un calciatore della Roma.

Il gol è il suo compagno naturale e continua ad esserlo anche con la casacca giallorossa, segnando con una buona media nel primo anno e replicando con 12 reti in 15 partite nella stagione 2019/20, con la selezione Under-17.

Sui profili social del ragazzo spunta una serie di foto significative, insieme al suo manager Frank Zotti, a Claudio Vigorelli, altra importante figura in mabito di manager sportivi, e a Morgan De Sanctis, ex-portiere giallorosso, ma soprattutto team manager giallorosso, accompagnate da una didascalia che riassume le sue emozioni e i suoi sentimenti in questo momento: "Orgoglioso e soddisfatto per questo primo traguardo, dopo tanti sacrifici è arrivato il mio primo contratto con la Roma. Sempre onorato di indossare questa maglia".
  • Calcio
Altri contenuti a tema
Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Da Barletta alla “scala del calcio”: la storia di Peppino Pavone Il romanzo dell’ala barlettana con l’Inter nel destino
Ripresa Campionato di Eccellenza: arriva il parere positivo del CONI Ripresa Campionato di Eccellenza: arriva il parere positivo del CONI Adesso, si attende il prossimo consiglio federale
3 Francesco Di Tacchio: non un eroe, ma un figlio della nostra terra di cui essere orgogliosi Francesco Di Tacchio: non un eroe, ma un figlio della nostra terra di cui essere orgogliosi Prodotto del calcio giovanile barlettano salva la vita ad un compagno di squadra
Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Campionato di Eccellenza: finalmente si riparte. O almeno così si dice Per qualcuno potrebbe essere una ripartenza, per altri no
Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani Calcio dilettantistico: tra favole inglesi e scempi italiani I giorni di gloria del Marine FC, e i salti mortali del calcio pugliese (e barlettano) per continuare la stagione
Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Addio a Paolo Rossi: l’eroe di Spagna ’82 e non solo Un male incurabile si porta via il calciatore italiano più discusso e più amato di sempre
1 Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Cosa è stato Maradona per chi lo ha vissuto e per chi lo ha visto giocare
Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» L'ex difensore biancorosso: «Rimase sorpreso perché a 17 anni ero più alto di lui. Quella partita del 1989 meritavamo di vincerla»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.