Rocco Augelli
Rocco Augelli
Calcio

Da Barletta a San Marco: un quadro per ricordare Rocco Augelli

La scomparsa di Rocco Augelli ha lasciato un vuoto incolmabile. Barletta, città in cui ha giocato col fratello Paolo, ha deciso di ricordarlo con un quadro

Il Settembre 2020 del calcio pugliese è stato violentemente scosso dalla prematura morte di Rocco Augelli, 35 anni ed esterno d'attacco. Nel 2018 Rocco militava nel massimo campionato regionale pugliese con la maglia dell'atletico Vieste, quando una chiamata nel Novembre scuote indelebilmente la sua vita: un tumore cerebrale pediatrico rarissimo di alto grado lo costringe a dire addio al rettangolo di gioco, per spostare la sua battaglia su un altro campo e combattere contro il cancro.

Ma ha comunque deciso di non far mancare il suo appoggio alla sua squadra del cuore, quella in cui gioca anche il fratello gemello Paolo, ricoprendo il ruolo di vice-allenatore del San Marco in Lamis. A poco più di un mese dal tragico evento il San Marco in Lamis torna a calcare il prato verde del Manzi-Chiapulin, che nel 2017 aveva ospitato i due fratelli con la maglia del Barletta. E Barletta non si è certamente scordata di Rocco, "La Gazzella del Gargano", come era stato soprannominato nei suoi anni d'oro a Vieste, anzi, il ricordo è ben vivido nelle menti e nei cuori di tutti, tanto che la GSD Audace, avversaria di giornata del San Marco in Lamis, ha voluto omaggiarlo con un quadro, consegnato da Giuseppe e Vincenzo Lanotte a Paolo Augelli prima dell'inizio della gara.

Il quadro è stato realizzato da un'artista barlettana di nome Angela Ricatti e rappresenta Rocco Augelli in una delle foto più celebri, tanto che sul suo profilo Facebook è ancora la foto di copertina: Rocco indossa la maglia dell'Audace Vieste con tonalità di blu scuro e azzurro a rappresentare lo stretto legame della "Perla del Gargano" con il suo mare, mentre lo stemma dell'Atletico Vieste ed il numero di maglia, ovviamente il 7, come suggerisce la sigla "AR7" che lo rappresenta, sono di colore bianco, al braccio sinistro di Rocco appare anche una fascia da capitano di colore giallo, il tutto con lo sfondo sfumato del prato di un campo da calcio e del cielo azzurro.

Siamo sicuri che il ricordo di Rocco sarà una costante non solo per questa gara, ma per tutte le gare a venire di questa e delle prossime stagioni, perché è sempre stato, al di là dei colori indossati, il simbolo di un calcio pulito, onesto, di un amore sincero per il gioco del calcio, che veniva ampiamente ripagato da qualità tecniche che lo hanno reso per ben tre volte capocannoniere del campionato, ma soprattutto il modello di guerriero che non si è mai arreso davanti a nulla e ha combattuto con le sue forze fino a che ha avuto un briciolo di forza per farlo.
  • Calcio
Altri contenuti a tema
1 Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Amato, odiato, temuto: il racconto dell’inarrivabile Diego Cosa è stato Maradona per chi lo ha vissuto e per chi lo ha visto giocare
Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» Addio a Maradona, il ricordo di Lorenzo Amoruso: «Da esordiente con il Bari gli chiesi l'autografo» L'ex difensore biancorosso: «Rimase sorpreso perché a 17 anni ero più alto di lui. Quella partita del 1989 meritavamo di vincerla»
1 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Addio Maradona, il "Pibe de oro" segnò un gol contro il Barletta nel 1988 Allo stadio Partenio di Avellino si giocava la partita Napoli-Barletta di Coppa Italia
6 La A.S. Roma ha un nuovo Cassano, e stavolta è di Barletta La A.S. Roma ha un nuovo Cassano, e stavolta è di Barletta Claudio Cassano, classe 2003, firma il primo contratto da professionista della sua carriera, con la squadra della Capitale
1 Intervista a Irene Divittorio, stella del calcio femminile giovanile di Barletta Intervista a Irene Divittorio, stella del calcio femminile giovanile di Barletta Giovanissima, innamorata del calcio, «il mio sogno è quello di giocare in una grande squadra»
Caso Utd Sly Trani. I possibili colpi di mercato del Barletta e la crisi irreversibile del “calcio minore” Caso Utd Sly Trani. I possibili colpi di mercato del Barletta e la crisi irreversibile del “calcio minore” Il caso non è che l’ultima di una serie di tristi vicende che ormai caratterizzano il calcio cosiddetto “minore” made in Italy
Orgoglio Bianconero Barletta, l'avv. Antonella Crescente nuovo presidente Orgoglio Bianconero Barletta, l'avv. Antonella Crescente nuovo presidente La sede dell'associazione è stata trasferita al Circolo Amatori Tennis
2 Addio al grande Mariolino Corso: fu l’ultima salvezza in serie B del Barletta Addio al grande Mariolino Corso: fu l’ultima salvezza in serie B del Barletta È scomparso all'età di 78 anni. Allenò il Barletta negli anni 1989-1990 nel campionato di Serie B
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.