Barletta Corato
Barletta Corato
Calcio

Barletta 1922: e adesso?

La sconfitta shock contro il Corato scatena nei tifosi molti interrogativi sul futuro biancorosso

È davvero difficile da tifosi biancorossi non lasciarsi andare alla malinconia più cupa dopo la tremenda delusione di domenica pomeriggio. Ma il compito del cronista è quello di analizzare con quanto più raziocinio ed equidistanza possibili, sia quella che a meno di 48 ore di distanza possiamo ancora definire dolorosa cronaca, sia quale potrà essere il futuro del calcio biancorosso a breve termine.

Non nascondiamoci, quella di domenica 13 giugno 2021, con ogni probabilità verrà ricordata come una delle delusioni più devastanti in un secolo di storia di calcio all'ombra di Eraclio. In Brasile per giornate del genere sono stati coniati celeberrimi neologismi come "Maracanazo" o "Mineirazo", ma non è certo nostra intenzione scimmiottare i più famosi "lutti" sportivi brasiliani, se non altro per rispetto al santo al quale è intitolato lo stadio di Canosa.

Gli ingredienti per tirarsi finalmente fuori da un torneo - il cui format è oggetto di studio nelle facoltà di psicologia di mezzo mondo - c'erano tutti:
  • un organico di primissimo ordine per il campionato di Eccellenza pugliese e non solo;
  • un mister capace ed esperto, fino al momento della pesantissima squalifica sulla quale ancora attendiamo ancora di conoscere motivazioni che non siano il tentato omicidio di qualche componente della terna arbitrale;
  • una società che potrebbe tranquillamente assurgere a modello di serietà, puntualità e solidità per molte squadre di Serie D, quando non addirittura di Serie C.
Proprio quest'ultima, al momento, costituisce il più grosso punto interrogativo per i tifosi. In questo biennio l'attuale compagine societaria, guidata dal presidente Mario Dimiccoli, non solo non ha lesinato grossi investimenti, ma in piena emergenza Covid si è caratterizzata innanzitutto per non aver ridimensionato la rosa, e poi per la puntualità svizzera con la quale sono stati regolarmente onorati stipendi e spese varie, cosa non proprio frequentissima in una categoria nella quale distacchi di utenze e solleciti di pagamento sono quasi la normalità.

Inutile dire che la massima parte degli sportivi biancorossi vorrebbe l'attuale dirigenza ancora in sella. Non solo. Alla luce di quanto accaduto al Barletta nell'ultimo mese - tra denunce di presunte aggressioni, arbitraggi, diciamo così, poco casalinghi (anche contro il Corato c'era forse un rigore su Milella e un doppio giallo a Ngom), e le squalifiche a Cristian Quarta e mister Francesco Farina che più che dal giudice sportivo sembra siano state comminate direttamente dalla Corte di Assise di Palermo del "Maxiprocesso" a Cosa Nostra – sono sempre di più i tifosi che auspicano una domanda di ripescaggio in Serie D, tenuto conto della pesante situazione economica di molte squadre della quarta serie nazionale.

Certo dal punto di vista prettamente sportivo non è il massimo sperare di salire di categoria dalla porta di servizio, ma è anche vero che entrambe le volte nelle quali si è precipitati in Eccellenza lo si è fatto a Barletta ampiamente salvo sul campo in Serie C.

Naturalmente al momento si tratta solo di ipotesi formulate via social da un numero notevole di tifosi. Considerazioni che però lasciano il tempo che trovano.
Determinante in tal senso risulterà infatti la volontà dell'attuale società di andare avanti con il progetto Barletta, soprattutto considerando il fatto che gli sportivi barlettani dovrebbero, a settembre, ritrovare finalmente il tanto agognato Puttilli.

Tutto questo naturalmente tenendo conto della pesante incognita Covid, che alla luce delle incertezze legate ai vaccini, e la non certo scongiurata prospettiva di nuove restrizioni in autunno/inverno, rende del tutto problematico il solo pensare a una bozza di programmazione a medio-lungo termine.

Perché questo è il calcio dilettantistico made in Italy, signori. Un calcio dove non c'è la guerra a suon di milioni tra Sky e DAZN per accaparrarsi i diritti TV delle gesta dei Varsi, dei Trotta, dei Pignataro o dei Caputo. Un calcio dove senza pubblico sugli spalti non si va da nessuna parte, e dove non sono certo infinite le risorse economiche dei Mario Dimiccoli di turno che vanno solo encomiati e ringraziati per ciò che hanno fatto (e che magari continueranno a fare) per la Barletta calcistica.
  • Asd Barletta 1922
Altri contenuti a tema
Barletta 1922 e stadio Puttilli: tra importanti conferme, caute speranze e fastidiose incognite Barletta 1922 e stadio Puttilli: tra importanti conferme, caute speranze e fastidiose incognite Confermato sulla panchina biancorossa il mister Francesco Farina
ASD Barletta 1922: il progetto continua. Segnali di speranza anche sulla questione stadio ASD Barletta 1922: il progetto continua. Segnali di speranza anche sulla questione stadio Presto gli aggiornamenti sulla stagione 2021/2022
Futuro Barletta 1922 e questione stadio Futuro Barletta 1922 e questione stadio Il malumore dei tifosi mentre tutto tace e gli eventi si susseguono
Odissea stadio “Puttilli”: il “j’accuse” del presidente del Barletta e della tifoseria Odissea stadio “Puttilli”: il “j’accuse” del presidente del Barletta e della tifoseria La proprietà garantisce l’iscrizione al campionato. Futuro biancorosso legato alla questione stadio
Barletta 1922, la società esprime un bilancio della stagione calcistica 2020-2021 Barletta 1922, la società esprime un bilancio della stagione calcistica 2020-2021 "Senza stadio non avremo alcuna possibilità di programmare un torneo consono al blasone del Barletta"
Barletta 1922: è finita. I biancorossi dicono addio alla serie D Barletta 1922: è finita. I biancorossi dicono addio alla serie D Una squadra appannata e confusa che cede 1-2 al Corato
Barletta 1922 : contro il Corato fiducia e attenzione per avvicinarsi al traguardo finale Barletta 1922 : contro il Corato fiducia e attenzione per avvicinarsi al traguardo finale A due settimane dal rovente pareggio in campionato i biancorossi tornano a sfidare gli insidiosi federiciani
Super Varsi e un miracoloso Lovecchio "matano" il Manfredonia e regalano il primato al Barletta Super Varsi e un miracoloso Lovecchio "matano" il Manfredonia e regalano il primato al Barletta Al termine di una gara da romanzo i biancorossi vincono e disputeranno in casa sia la semifinale play-off col Corato che l’eventuale finale del Girone A
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.