Cantiere Lidl
Cantiere Lidl
Cara Barletta ti scrivo

«Cosa dirò ai miei studenti quando chiederanno chiarimenti su quanto sta accadendo in via Cafiero?»

La riflessione Giuseppe Francavilla, docente di Progettazione e Costruzioni

«Sono un docente di Progettazione dell'Istituto Tecnico per Geometri "Nervi", facente parte del Polivalente "Cassandro-Fermi-Nervi" di Barletta e desidero contribuire al dibattito riguardante la realizzazione di un supermercato in prossimità del Castello di Barletta. Nonostante sia un ingegnere, vorrei per un attimo tralasciare gli aspetti tecnici e burocratici, concentrandomi sull'aspetto culturale ed educativo della questione». Inizia così la riflessione che il professor Giuseppe Francavilla ha voluto condividere con la nostra redazione e con la città.

«Nei contenuti che propongo ogni anno ai miei studenti, fra calcoli strutturali e progetti architettonici, c'è una parte importante del programma scolastico relativa alla "Storia delle Città e dell'Architettura", a partire dall'antica Grecia fino ai giorni nostri. Tra i vari argomenti che espongo ai miei studenti è mia consuetudine citare vari esempi presenti nella nostra città: in particolare, prestiamo attenzione su vari casi di speculazione edilizia che hanno caratterizzato l'urbanistica di Barletta tra gli anni '60 e gli anni '80. Esempi conclamati sono i palazzi in cemento armato edificati di fronte e adiacente Palazzo della Marra, il cui balcone è un classico esempio di stile Barocco, ma anche il palazzo sito in via Cavour, inserito in un contesto di palazzi nobiliari costruiti tra il 1600 e il 1700.

Durante le mie lezioni, spiego come situazioni del genere avvenissero in un contesto nel quale mancava la valorizzazione e la conservazione dei centri storici, preferendo abbattere e ricostruire. Oggi una cosa del genere non sarebbe più consentita e tollerata dall'opinione pubblica.

Cosa dirò ai miei studenti quando mi chiederanno chiarimenti su quanto sta accadendo in via Cafiero con la costruzione del supermercato? Cosa dirò quando sul libro di testo è scritto che la maggior parte delle città italiane adegua il P.U.G. (ex P.R.G.) in media ogni cinque anni e a Barletta sono decenni che non viene adeguato, per responsabilità di tutte le amministrazioni che si sono susseguite?

Lo scopo di noi docenti è quello di far maturare nelle menti delle future generazioni il rispetto del passato, dell'ambiente, della sicurezza nei cantieri, ossia tutto ciò che rende le nostre città più belle, vivibili, attrattive ed economicamente produttive, con l'auspicio che le future classi dirigenti possano essere migliori di quelle attuali».
  • Castello di Barletta
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
1 Giardini del Castello, Cannito: «La nuova illuminazione merita una visita» Giardini del Castello, Cannito: «La nuova illuminazione merita una visita» L'intervento massivo di manutenzione a cura di Bar.S.A.
Per la Disfida nuova regolamentazione della circolazione dei veicoli Per la Disfida nuova regolamentazione della circolazione dei veicoli Nei tre giorni è stato disposto il divieto di sosta e la chiusura temporanea al traffico in diverse zone della città
18 Lavori per l'impianto di illuminazione sul tratto del cavalcaferrovia Lavori per l'impianto di illuminazione sul tratto del cavalcaferrovia Verrà sostituito l'impianto di vecchia generazione con quello a Led
Mennea day 2021: il Castello di Barletta chiuso al pubblico Mennea day 2021: il Castello di Barletta chiuso al pubblico L'evento avrà luogo l'11 e il 12 settembre prossimo
2 Viale Regina Elena, a Barletta un caso di «miopia urbanistica» Viale Regina Elena, a Barletta un caso di «miopia urbanistica» La nota della sezione cittadina di ArcheoClub
3 Senso unico di marcia in via Luigi Dicuonzo da venerdì 20 agosto Senso unico di marcia in via Luigi Dicuonzo da venerdì 20 agosto La richiesta partita dai residenti, automobilisti e pedoni
Lo strano caso barlettano della pista ciclabile di via Alvisi Lo strano caso barlettano della pista ciclabile di via Alvisi Quello che sulla carta dovrebbe essere un tratto di pista ciclabile, ma che in concreto è un marciapiede
99 Questione Lidl, l'intervento di Francesco Mazzola di Italia Nostra Onlus Questione Lidl, l'intervento di Francesco Mazzola di Italia Nostra Onlus «Il cantiere della Lidl rappresenta una vera e propria discarica di “rifiuti da costruzione e demolizione»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.