Movimento Studenti
Movimento Studenti
Scuola e Lavoro

«Vogliamo essere noi a contare», protesta degli studenti

Rete Studenti Medi organizza oggi una manifestazione. Partenza alle ore 9:00 dal Liceo Scientifico "Cafiero"

Elezioni Regionali 2020
La recente manovra finanziaria del governo ha acceso nel panorama del nostro paese un grande dibattito su quelli che sono stati i temi e le conseguenze della stessa manovra. In un periodo di crisi economica come quello che da alcuni anni stiamo vivendo, nonostante tutti i tracolli finanziari avvenuti finora, si continua a rimanere nell'ottica che per arginare la crisi bisogna tagliare su tutti i settori. Viviamo in un paese in cui la disoccupazione giovanile cresce costantemente, fino a raggiungere il picco del 29%, nonostante questo nella manovra finanziaria approvata dal governo non c'è traccia di investimenti su scuola, università e occupazione giovanile, ma si continuano a mantenere intatti gli interessi dei soliti privilegiati adiscapito del nostro futuro. La crisi è ormai diventata il pretesto più forte del governo per continuare la sua politica scellerata di annichilimento dei diritti, ovviamente delle categorie più deboli. Si cerca di dividerela popolazione, trascinandola in una "guerra tra poveri", in cui ogni vittima di questo smantellamento dei diritti, non può che prendersela con chi si trova in condizioni ancora più disagiate.

La politica del "divide et impera" sta cercando di mettere contro le categorie più deboli come gli studenti, i precari, i dipendenti pubblici, gli operai, i pensionati, gli immigrati, le donne; ma da un po' di tempo a questa parte, ci si è resi conto che in casi come questi, bisognafare fronte comune contro questo empio sistema di fare politica. Il 15 ottobre rappresenta una data importante a livello nazionale ed europeo in quanto gli indignados italiani, insieme a tutta una grande serie di soggetti ed attivisti sociali, scenderannoin piazza per chiedere una democrazia reale, istanza quanto più necessaria oggi in Italia, amaggior ragione dopo gli esiti dei comitati referendari e della vittoria del referendum popolaredel 12 e 13 Giugno; in modo da ripartire da quelle che sono le basi ed i diritti sanciti nella nostra Costituzione.Il 15 Ottobre le studentesse e gli studenti barlettani manifesteranno il loro dissenso nei confrontidi questa inutile politica di austerity, promossa dal governo italiano, per le vie della propria città, portando quelle che sono le istanze che loro stessi, coloro che meglio rappresentano il futuro della città e del nostro stato, promuovono. I tagli del ministro Gelmini hanno distrutto la scuola pubblica italiana, sottraendo ad essa ben 8 miliardi di euro, rendendo questa inefficiente ed affossando completamente oltre che il sistema scolastico, anche il diritto allo studio. Pensiamo a indirizzi specifici che per via dei tagli non possono sfruttare i laboratori, pensiamo a edifici scolastici che non sono a norma, pensiamo a programmi obsoleti e ormai vecchi. E adesso, stanchi di pensare soltanto, vogliamo essere noi a contare e a gridare a gran voce qual è la scuola che vogliamo.
  • Protesta
  • Movimento studentesco
Altri contenuti a tema
1 Lavori in via Andria e via Callano, residenti in protesta Lavori in via Andria e via Callano, residenti in protesta Il comitato di cittadini chiede soluzioni al problema dei varchi pedonali
1 Mobilitazione nazionale, gli studenti di Barletta scendono in piazza Mobilitazione nazionale, gli studenti di Barletta scendono in piazza Oggi la manifestazione per il diritto allo studio e per un codice etico nell'edilizia scolastica
Timac di Barletta, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto Timac di Barletta, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto Pietro Fiorella: «Atteggiamento da stigmatizzare, nessuna risposta dall'azienda»
Riscaldamento a scuola, gli studenti del "Cafiero" a colloquio col sindaco Cascella Riscaldamento a scuola, gli studenti del "Cafiero" a colloquio col sindaco Cascella «Occorre far fronte alle persistenti difficoltà, senza interrompere le attività didattiche»
Sanità e sicurezza, i medici della Bat protestano contro la Regione Sanità e sicurezza, i medici della Bat protestano contro la Regione Luciano Suriano (Cimo) denuncia tutti i disagi del settore
10 Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Dopo la manifestazione del 29 settembre , la lettere del presidente
5 Inquinamento ambientale a Barletta: cementeria Buzzi e Timac Agro nel mirino Inquinamento ambientale a Barletta: cementeria Buzzi e Timac Agro nel mirino Circa 600 i manifestanti riunitisi presso il Castello Svevo, è protesta
Blocco Studentesco: flop dell'alternanza scuola-lavoro Blocco Studentesco: flop dell'alternanza scuola-lavoro Protesta in atto anche a Barletta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.