Donazione ventilatore polmonare e materiale sanitario
Donazione ventilatore polmonare e materiale sanitario
Territorio

Ventilatore polmonare e materiale sanitario: donati dall'82° "Torino"

L'iniziativa è nata dal desiderio dei militari di fornire un aiuto concreto ai medici impegnati sul fronte ospedaliero

L'82° Reggimento Fanteria "Torino", reparto dell'Esercito Italiano appartenente alla Brigata Meccanizzata "Pinerolo", ha donato un ventilatore polmonare e materiale sanitario al reparto di terapia intensiva dell'ospedale "V. Emanuele II" di Bisceglie (BAT).

La gara di solidarietà è stata prontamente condivisa da tutto il personale del "Torino", dagli ex e dall'Associazione fanti del "Torino" che, animati da valori di solidarietà e partecipazione attiva verso la comunità, nel giro di 48 ore, hanno raccolto, su base volontaria, i fondi necessari all'acquisto di un dispositivo di ventilazione polmonare presso volumetrico per terapia sub-intensiva del tipo "Resmed Astral 100" e materiale sanitario per un valore di circa 10.000 euro contribuendo a fronteggiare l'emergenza Covid-19 sul territorio. L'iniziativa è nata dal desiderio dei militari dell'82° di fornire un aiuto concreto ai medici impegnati sul fronte ospedaliero in un momento di grande sollecitazione dei nosocomi italiani e, in particolare, della provincia di Barletta - Andria - Trani. La consegna del prezioso apparecchio sanitario, avvenuta questa mattina alla presenza del Direttore Sanitario dell'Ospedale di Bisceglie, Dott. Andrea Sinigaglia, da parte del Col. Sandro Iervolino presso il reparto di terapia intensiva dell'ospedale "V. Emanuele II" di Bisceglie, testimonia il grande cuore degli uomini e delle donne del "Torino", il cui auspicio, in questo periodo di emergenza nazionale, è quello di essere uniti all'insegna del tricolore per vincere questa nuova minaccia ed un ritorno in tempi brevi alla normalità e alla vita quotidiana, più forti di prima, fieri ed orgogliosi di essere Italiani. Una risposta concreta alla gestione dell'emergenza sanitaria nazionale che si inserisce nel quadro delle attività istituzionali della Forza Armata al servizio del "Sistema Paese" che ha prontamente messo in campo dall'inizio dell'emergenza come quelle di supporto, a tutto campo, alla Protezione Civile, alle Forze dell'Ordine, al sistema sanitario nazionale e agli ospedali del nord Italia, con l'invio di personale sanitario militare nelle zone focolaio, in cui è impiegato, tutt'oggi, anche personale della Brigata meccanizzata "Pinerolo" e dell'82° Reggimento fanteria "Torino".

In questi giorni, caratterizzati da molti sacrifici per tutti gli Italiani, la solidarietà messa in campo dai "Fanti del Torino", conferma ancora una volta l'attenzione e la vicinanza alle comunità della provincia pugliese che ospita il reparto dell'Esercito Italiano. Un piccolo gesto, con l'augurio che si possa al più presto sconfiggere il virus e tornare alla normalità, a riprova che "noi ci siamo sempre, di più insieme!".
  • Esercito italiano
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, 6 nuovi casi nella Bat nelle ultime 24 ore Coronavirus, 6 nuovi casi nella Bat nelle ultime 24 ore Sono 76 i contagi registrati oggi in Puglia
Covid-19, sanificazione nella notte alla “Renato Moro”: domani riapre la scuola Covid-19, sanificazione nella notte alla “Renato Moro”: domani riapre la scuola La decisione dopo l'incontro tra il primo cittadino e la dirigente scolastica
Covid-19, a scuola in sicurezza: dalla Regione Puglia gli indirizzi per gestire i focolai Covid-19, a scuola in sicurezza: dalla Regione Puglia gli indirizzi per gestire i focolai Pier Luigi Lopalco: «Occorre senso di responsabilità da parte di tutti»
3 Scuole di danza, Cannito si scusa con le docenti e responsabili Scuole di danza, Cannito si scusa con le docenti e responsabili «Non era mia intenzione demonizzare le scuole di danza»
Coronavirus, 22 contagi nella Bat e 90 in Puglia Coronavirus, 22 contagi nella Bat e 90 in Puglia Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1456 test
1 Barlettano positivo al Covid-19 da 40 giorni: «Io, tra i primi casi di ritorno dalla Sardegna» Barlettano positivo al Covid-19 da 40 giorni: «Io, tra i primi casi di ritorno dalla Sardegna» Negativo al test sierologico, ma positivo al tampone: «Non sottovalutate il virus, state attenti e tutelate i vostri cari»
Covid-19, nella Bat 12 nuovi casi in 24 ore Covid-19, nella Bat 12 nuovi casi in 24 ore In Puglia si registrano 76 positivi su 2683 test effettuati
Coronavirus, in Puglia 51 casi positivi su 3514 test Coronavirus, in Puglia 51 casi positivi su 3514 test Nella Bat si registrano 5 nuovi contagi nelle ultime 24 ore
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.