Sergio Silvestris
Sergio Silvestris
Territorio

«Tutti in piazza per difendere la nostra agricoltura»: la nota di Sergio Silvestris

I gilet arancioni scendono in piazza questa mattina a Bari in difesa dell'agricoltura pugliese

«È dovere di tutti - cittadini, politici, commercianti e imprenditori - partecipare domani a Bari alla manifestazione organizzata dai gilet arancioni in difesa dell'agricoltura pugliese. L'adesione deve essere delle famiglie intere. Perché l'agricoltura, nonostante tutto, è ancora la ricchezza, il futuro e il fascino della Puglia - scrive in una nota Sergio Silvestris».

«La grave calamita che si è verificata a febbraio dello scorso anno non ha congelato solo gli ulivi, ma anche gli stipendi di migliaia di braccianti (un milione di giornate agricole perse) e i ricavi dei frantoiani (si contano 1.600 frantoi chiusi). L'olio prodotto quest'anno è il 20% di quello prodotto l'anno scorso, e i frantoi che macinavano olive fino a marzo hanno fermato le macchine all'Immacolata. Aggiungiamo pure i danni che nel sud della Puglia sta facendo la xylella, giunta a Monopoli. Il totale è una perdita netta di 800 milioni di euro solo per l'olivicoltura. Ma un disastro di tale gravità non riguarda solo gli agricoltori, i braccianti, le aziende dell'indotto. In una situazione del genere a soffrire è l'intero territorio. Pensiamo ai mancati incassi dei bar che ogni mattina servono i braccianti che vanno nei campi, o a quelli dei negozi, di alimentari o di abbigliamento, e dei supermercati: senza stipendi e senza il lavoro nei campi, in quanti avranno fatto spese in queste ultime settimane? Quanti operai rimasti senza ingaggio avranno rinunciato alla spesa per i regali di Natale e per il cenone di Capodanno? Ed è tutta ricchezza del nostro territorio che si sta perdendo.

L'agricoltura è ormai il simbolo stesso della Puglia. Gli ulivi monumentali, i paesaggi rurali, le nostre tradizioni contadine sono la materia di cui è composto il successo mondiale della nostra Regione. Rischiamo di disperdere anche questo patrimonio. Ma l'agricoltura è soprattutto il nostro futuro. Di fatto, è l'unico e ultimo settore che, nonostante tagli e ridimensionamenti, continua e continuerà a ricevere sostegni dall'Unione europea, attraverso la PAC. Il prossimo orizzonte temporale è il 2027, ma si andrà ancora oltre. E saranno i nostri figli a ragionare sul da farsi. Per cogliere l'occasione non serve solo firmare un paio di documenti, presentare un paio di domande in carta bollata: serve una programmazione, una visione. Servono scelte. E serve competenza, conoscenza, presenza, sopratutto in sede europea.

Se, dunque, l'agricoltura è tutto questo, è inaccettabile che non sia stata approvata la declaratoria della calamità avvenuta 11 mesi fa. I tre stralci dai provvedimenti del Governo e i ritardi della Regione Puglia suonano come un'offesa a tutti i pugliesi che lavorano e producono. Non è più tempo di capire chi, tra Regione e Ministero, sia più responsabile di questi ritardi. Occorrono soluzioni serie e immediate. E per chiederle, tutte le famiglie pugliesi scenderanno domani in piazza accanto ai trattori dei nostri agricoltori».
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
Case in Puglia sul mare: le zone più belle per acquistare Case in Puglia sul mare: le zone più belle per acquistare Un investimento che coniuga bellezza e accoglienza
Sviluppata un nuova tecnologia per la realtà virtuale, protagonisti tre barlettani Sviluppata un nuova tecnologia per la realtà virtuale, protagonisti tre barlettani «Dopo anni di studio e ricerca, abbiamo deciso di aprire il primo centro a Barletta»
Bando regionale Puglia capitale sociale 2.0, un incontro a Barletta Bando regionale Puglia capitale sociale 2.0, un incontro a Barletta L'obiettivo: promuovere percorsi e processi di innovazione e rigenerazione sociale e urbana
Spazio ai giovani con "Luoghi Comuni", il bando sarà presentato a Barletta Spazio ai giovani con "Luoghi Comuni", il bando sarà presentato a Barletta Il bando regionale finanzierà i progetti da realizzare in spazi pubblici per incentivare l'innovazione sociale
Olio d'oliva ai minimi storici, Coldiretti: «La Regione deve darsi da fare» Olio d'oliva ai minimi storici, Coldiretti: «La Regione deve darsi da fare» Il presidente Muraglia: «Siamo preoccupati che la diminuzione di olio extravergine faccia crescere le importazioni di olio dall'estero»
In Puglia una casa vacanze su due è irregolare, le indagini della Finanza In Puglia una casa vacanze su due è irregolare, le indagini della Finanza Puglia, Toscana e Lazio sono le tre regioni presenti sul podio della classifica delle case affittate in maniera irregolare
Tutto esaurito in Puglia nel weekend di Pasqua Tutto esaurito in Puglia nel weekend di Pasqua La soddisfazione di Loredana Capone: «Adesso affrontiamo le criticità»
ZES, la zona Adriatica farà riferimento al polo di Barletta ZES, la zona Adriatica farà riferimento al polo di Barletta La zona Ionica sarà legata al porto di Taranto e aeroporto di Grottaglie
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.