Timac Agro. <span>Foto Mario Sculco</span>
Timac Agro. Foto Mario Sculco
Scuola e Lavoro

Timac di Barletta, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto

Pietro Fiorella: «Atteggiamento da stigmatizzare, nessuna risposta dall'azienda»

Garanzie sui livelli occupazionali, continuità nel pagamento degli stipendi nonostante lo stop e predisposizione di un piano aziendale per conoscere il futuro produttivo dell'azienda. Queste le tre richieste che, in sintesi, Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, avanzano alla Timac Agro di Barletta all'indomani del blocco dell'attività dello stabilimento che produce fertilizzanti fermo perché il Tribunale di Trani ha respinto la richiesta di proroga della facoltà d'uso fatta dai legali dell'azienda per mettere in sicurezza e bonificare del sito.

«Stigmatizziamo l'atteggiamento della Timac che non ci ha ancora convocati per farci capire come stanno le cose, ciò di cui siamo a conoscenza l'abbiamo appreso nelle scorse ore in un incontro con il sindaco di Barletta, Pasquale Cascella» spiega Pietro Fiorella, segretario generale Filctem Cgil Bat/Foggia. «Dai vertici dell'azienda, mentre i lavorati protestano insieme alle Rsu davanti ai cancelli dello stabilimento, non abbiamo avuto alcun tipo di informativa. Ciò che ci preoccupa sono, naturalmente, le sorti dei dipendenti per i quali chiediamo certezze sul futuro occupazionale e continuità nel pagamento degli stipendi, visto che sappiamo bene come in casi simili non siano previsti ammortizzatori sociali di nessun tipo. È necessario anche che la società ci illustri il proprio piano aziendale, se ce n'è uno, per la continuità della produzione. Per tutte queste ragioni, insieme ai colleghi di Femca Cisl, Giuseppe Anaclerio, e Uiltec Uil, Filippo Lupelli, ci stiamo attivando su più fronti per sederci subito attorno ad un tavolo con i vertici della Timac e con i rappresentanti delle istituzioni. Abbiamo chiesto al Prefetto della Bat di intervenire con urgenza ed avviato il percorso per l'attivazione della Task Forze regionale. Intanto, oltre al sit-in già organizzato dalle nostre Rsu, andremo avanti con altre iniziative di lotta e mobilitazione» chiarisce Fiorella.

«Visto che il provvedimento di sequestro risale al 2016 nell'ambito di un'indagine su un presunto inquinamento ambientale (al 2015 risale invece l'ordinanza della Provincia per la bonifica), ci piacerebbe sapere fino ad oggi cosa sia stato fatto per evitare questa drammatica situazione che mette in contrapposizione salute e lavoro ed una contro l'altra le esigente dettate dalla produzione e quelle della salubrità dello spazio in cui viviamo. Dalla stampa apprendiamo che il Tribunale non ha concesso la nuova proroga perché il piano per la messa in sicurezza presentato dall'azienda sarebbe insufficiente, è impensabile che le organizzazioni sindacali vengano tenute all'oscuro da queste questioni che riguardano da vicino i lavoratori e che hanno conseguenze sulla loro pelle. Siamo convinti che sia necessario individuare immediatamente tutte le soluzioni possibili atte a salvaguardare e coniugare lavoro, livelli produttivi e ambiente. Ci auguriamo che in questa vertenza non ci sia il muro contro muro come sta avvenendo ancora, purtroppo, con l'Ilva di Taranto» conclude Giuseppe Deleonardis, segretario generale Cgil Bat.
  • Cgil
  • Protesta
  • Timac Agro
Altri contenuti a tema
1 Le parole del senatore Quarto su Franco Dambra: «Sono davvero costernato, ci conoscevamo sin da ragazzi» Le parole del senatore Quarto su Franco Dambra: «Sono davvero costernato, ci conoscevamo sin da ragazzi» «Sei stato un fulgido esempio di cittadino operoso e attento»
1 La senatrice Messina: «Franco Dambra ha dedicato la sua vita ai diritti dei lavoratori» La senatrice Messina: «Franco Dambra ha dedicato la sua vita ai diritti dei lavoratori» «Sempre attento e sensibile, ci legava un rapporto di amicizia vera»
Sanità service e internalizzazioni, la Fp Cgil Bat manifesta davanti alla sede della Asl Sanità service e internalizzazioni, la Fp Cgil Bat manifesta davanti alla sede della Asl Appuntamento ad Andria il 17 maggio. Ileana Remini: “Gli impegni non possono essere disattesi, servono risposte certe subito”
Pescherecci ormeggiati nel porto di Barletta: «Non conviene uscire in mare» Pescherecci ormeggiati nel porto di Barletta: «Non conviene uscire in mare» Il caro carburante ferma la pesca, interviene Flai Cgil Bat
Anche la Cgil Bat in piazza a Barletta contro la guerra in Ucraina Anche la Cgil Bat in piazza a Barletta contro la guerra in Ucraina La sigla sindacale si associa all'iniziativa delle associazioni
Protesta autotrasportatori, camion anche a Barletta su via Trani Protesta autotrasportatori, camion anche a Barletta su via Trani La mobilitazione continua sulle strade della provincia, senza intralci alla mobilità
Pace in Ucraina, mobilitazione regionale: oggi a Barletta in Piazza Prefettura Pace in Ucraina, mobilitazione regionale: oggi a Barletta in Piazza Prefettura Gesmundo (CGIL Puglia): «Serve un impegno serio delle istituzioni per far cessare questo conflitto»
1 Protesta autotrasportatori, coda di tir su via Andria Protesta autotrasportatori, coda di tir su via Andria La categoria colpita da rincari carburante e pedaggi: chiedono al Governo provvedimenti chiari, urgenti e risolutivi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.