Disastro ferroviario
Disastro ferroviario
Cronaca

Strage ferroviaria, indagini concluse e avvisi di garanzia per 19 persone

Tra gli indagati anche un dirigente del Ministero

Si sono concluse le indagini sul disastro ferroviario del 12 luglio 2016 sulla tratta Andria - Corato nel quale persero la vita 23 persone e ne rimasero ferite 50. La Procura di Trani ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini a 19 persone. Tra gli indagati ci sono: Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, i capistazione delle stazioni di Corato e di Andria, il capotreno Nicola Lorizzo, e il dcc Francesco Pistolato.

Inoltre, nell'elenco ci sono anche due dirigenti del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti poiché non adottarono "provvedimenti urgenti" perché la rete venisse adeguata. Tra i 19 indagati ci sono dirigenti e amministratori di Ferrotramviaria, tra i quali il conte Enrico Maria Pasquini, sua sorella Gloria Pasquini, il direttore generale Massimo Nitti e il direttore di esercizio Michele Ronchi; 3 sono funzionari dell'Ustif, l'ente del ministero dei Trasporti che fino al settembre 2016 ha vigilato sulla sicurezza dei treni delle reti locali; e poi Virginio Di Giambattista ed Elena Molinaro: il primo a capo della Direzione Generale per i Sistemi di Trasporto ad Impianti Fissi e il Trasporto Pubblico Locale, la seconda altra dirigente ministeriale.

Il pool di magistrati che hanno condotto le indagini, guidate dal Procuratore Antonino Di Maio e affidata al pool di sostituti Michele Ruggiero, Alessandro Donato Pesce e Marcello Catalano, hanno contestato a vario titolo agli indagati i reati di disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose. Le indagini non hanno riguardato soltanto soltanto gli errori effettuati dal personale in servizio, ma anche responsabilità a livello superiore come il mancato impiego da parte di Ferrotramviaria di fondi per l'installazione del blocco conta assi, un sistema di sicurezza in grado di ridurre i rischi di incidente .

Inoltre, stando a quanto contestato dalla Procura, non sarebbero state rispettate le direttive sulla sicurezza del lavoro e non sarebbero stati comunicati alla DIGIFEMA (Direzione generale del ministero per le investigazioni ferroviarie e marittime) una serie di incidenti mancati tra il 2012 e il 2016.
  • Indagini
  • Ferrovie Bari Nord
  • Disastro ferroviario
Altri contenuti a tema
Sei anni dalla strage dei treni, la commemorazione a Bari Sei anni dalla strage dei treni, la commemorazione a Bari «Non dobbiamo scegliere tra la sicurezza e la velocità dei treni, il diritto alla mobilità è un diritto di tutti», le parole di Decaro
1 Sei anni fa il disastro ferroviario della Bari Nord Sei anni fa il disastro ferroviario della Bari Nord Alle 11:06, orario del tragico impatto, un momento di silenzio
Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Secondo l'ipotesi degli inquirenti, il corpo di Cilli sarebbe stato distrutto
Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Le indagini erano partite dalla denuncia dei genitori di un bambino di quinta elementare
Obbligo Green Pass sui mezzi Ferrotramviaria dal 6 dicembre Obbligo Green Pass sui mezzi Ferrotramviaria dal 6 dicembre La decisione sarà in vigore fino al 15 gennaio 2022
Strage ferroviaria, il grido di giustizia: «Sia fatta luce sulla tragedia» Strage ferroviaria, il grido di giustizia: «Sia fatta luce sulla tragedia» La nota del Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani
Michele, il barlettano morto nel disastro ferroviario. L'amico: «Si spendeva per gli altri» Michele, il barlettano morto nel disastro ferroviario. L'amico: «Si spendeva per gli altri» Le parole di Giovanni Ferrini a cinque anni dalla tragedia sulla Andria-Corato
Oggi 5 anni dal disastro ferroviario. Anche Barletta non dimentica quel 12 luglio 2016 Oggi 5 anni dal disastro ferroviario. Anche Barletta non dimentica quel 12 luglio 2016 Il barlettano Michele Corsini fu tra le vittime della tragedia. Il primo soccorritore: «Situazione mai vista prima»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.