Manifesto omofobo
Manifesto omofobo
Associazioni

«Siamo indignati per quel manifesto omofobo»

La condanna dell’Arci ‘Cafiero’ contro un finto manifesto funebre. Atto goliardico o sintomo di omofobia?

E' apparso la scorsa settimana lungo via Libertà, fra le dolenti affissioni dedicate a defunti e a cari estinti, un curioso manifesto funebre chiaramente artigianale in cui ignoti beffeggiatori (nella sfumatura più infima del termine) esultavano per la dipartita di un fittizio personaggio dalle tendenze omosessuali, infarcendo il messaggio mortuario con turpiloqui e insulti gratuiti di natura omofoba. Per di più, il manifesto è stato affisso proprio di fronte all'ingresso della scuola media 'Giuseppe De Nittis', amplificando e aggravando il messaggio di grave discriminazione, probabilmente fonte di facili sorrisi fra gli ingenui scolari barlettani e gli anonimi autori della bravata.

I primi a prendere posizione contro questo scherzo di cattivo gusto sono stati i responsabili dell'Arci 'Carlo Cafiero' di Barletta, che così hanno commentato: «Siamo indignati per i manifesti omofobi comparsi a Barletta negli ultimi giorni. Non si possono tollerare discriminazioni nè di sesso e nè di razza. Condanniamo coloro che (con parole poco simpatiche) hanno espresso il loro disprezzo nei confronti degli omosessuali».

Abbiamo chiesto un parere a Michele Sciannamea dell'Arci 'Cafiero'.
Secondo te qual è sia il significato di questo gesto? Può essere considerato uno scherzo giovale di pessimo gusto oppure nasconde un ben più preoccupante retroterra omofobico radicato a Barletta?
«Non è solo un atto goliardico pensato da dei burloni, bensì l'espressione di una omofobia latente e di un machismo imperante. La cosa che mi fa più rabbrividire è che il vero obbiettivo di quel manifesto non è solo l'omosessuale in quanto tale, ma la creazione nell'immaginario collettivo di una "famiglia orizzontale" (come suole dire militia christi), di cui fanno parte gay, lesbiche, trans, inadatti a costruire una famiglia, e, al limite, a vivere in quella d'appartenenza. Penso che questa operazione culturale sia tanto più meschina in quanto li svuotano di umanità. Per questo l'Arci si schiera apertamente contro ogni forma e linguaggio omofobico e chiede pari dignità e riconoscimento per ogni tipo di persona, qualsiasi orientamento sessuale abbia».
  • Omosessuali
  • Circolo Arci "Carlo Cafiero"
Altri contenuti a tema
"Make your way", il progetto dedicato ai giovani e all'innovazione "Make your way", il progetto dedicato ai giovani e all'innovazione Ogni tappa sarà un grande evento socio-culturale che si svolgerà nelle piazze e nei cortili delle scuole pugliesi
Oggi la commemorazione di Carlo Cafiero a Barletta Oggi la commemorazione di Carlo Cafiero a Barletta Su organizzazione di diverse associazioni tra cui il Circolo Arci Cafiero
Quello zero alla voce "valorizzazione del territorio" per la Festa della Musica 2021 Quello zero alla voce "valorizzazione del territorio" per la Festa della Musica 2021 Le domande dell'associazione ARCI Cafiero dopo dodici anni dall'evento
«L'Amministrazione ha deciso di bocciare "La Festa della Musica 2021" di ARCI Cafiero» «L'Amministrazione ha deciso di bocciare "La Festa della Musica 2021" di ARCI Cafiero» Il lungo sfogo su Facebook dell'associazione e la spiegazione politica
Iniziativa Arci: a Barletta una piattaforma per combattere il fascismo Iniziativa Arci: a Barletta una piattaforma per combattere il fascismo La prima iniziativa pubblica si terrà il giorno 10 Giugno 2021 presso Piazza Aldo Moro
La tortura e le sue vittime oggi, se ne discute a Barletta La tortura e le sue vittime oggi, se ne discute a Barletta Due appuntamenti per approfondire il tema della tortura e della giustizia anche attraverso il teatro
Black lives matter, Barletta si unisce alla mobilitazione Black lives matter, Barletta si unisce alla mobilitazione Sabato l'iniziativa organizzata da Arci Cafiero e Unione degli Studenti Barletta
"Ti portiamo la spesa", attivo solo il numero mobile per le prenotazioni "Ti portiamo la spesa", attivo solo il numero mobile per le prenotazioni È possibile contattare i volontari tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 10.30, esclusa la domenica
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.