Solitudine
Solitudine
Servizi sociali

Se tu, neo-assunta, venissi molestata sul lavoro…

Quando la non-morale prevarica le giuste riflessioni. Perché la risposta non è sempre così ovvia

Immaginiamo una ragazza, una giovane neo-assunta non ancora trentenne, vittima di una molestia sul luogo di lavoro: un luogo importante, autorevole, e una professione per cui ha speso fatica e impegno. Immaginiamo una storia infelice, privata, che – divenuta di dominio pubblico – ha portato la donna a rifugiarsi in casa, nell'anonimato e nel silenzio, senza denunciare mai l'accaduto.

227mila vittime negli ultimi tre anni. Quasi nessuna di esse denuncia l'episodio. Secondo l'Istat la metà delle donne italiane fra i 14 e i 65 anni è stata soggetta almeno ad una molestia sul luogo di lavoro. E' quello che si vocifera, con forza, sarebbe avvenuto nel Palazzo della Provincia e che i più hanno definito, non molto gentilmente, 'palpata', è atto deprecabile ma senza ipocrite stigmatizzazioni del giorno dopo.

Mentre i più hanno ignorato o sarcasticamente sottovalutato la vicenda come sintomo di un generale maschilismo che predomina l'attualità del Bel Paese, le associazioni hanno preso – pur se tardivamente – severe posizioni nei confronti dell'accaduto. «Quanto sarebbe accaduto presso la sede legale di Andria della Provincia Barletta-Andria-Trani è grave e deplorevole – scrive il presidente dell'associazione 'Io Ci Sono!' Savino Montaruli - siamo vicini alla dipendente molestata e ci auguriamo che la sua denuncia formale alle forze dell'ordine rappresenti un deterrente per quanti dovessero continuare a pensare di potersi appropriare dell'altrui dignità e, in virtù di non si sa quali poteri conferiti, credere che le Istituzioni possano essere un luogo di gioco e di divertimento o peggio ancora di appagamento dei propri appetiti, economici, di potere e di piacere, trovando magari anche chi tollera, condivide e sminuisce». Anche l'A.Di.M.A. (Associazione Difesa Mamme Andriesi) si è mobilitata in difesa della giovane vittima, esprimendo solidarietà e sollecitando la denuncia per prevenire ulteriori episodi del genere. Per ultima arriva la dichiarazione di Annabella Corsini del movimento 'La Buona Politica': «E' necessario svegliare la nostra società dall'intorpidimento dovuto a secoli di machismo. Non possiamo certo accontentarci del tam tam mediatico. Ben presto una notizia più nuova e ghiotta lascerà cadere nell'oblio il fattaccio. E' il momento di responsabilizzarci».

Dove sono le donne scese in piazza lo scorso 13 febbraio per rivendicare la dignità femminile? Dove sono le comuni cittadine che lottano per la loro indipendenza e che dovrebbero solidarizzare per difendersi contro questo malessere? Il malessere è maschio; la solidarietà è femmina. Rincresce davvero pensare che siamo giunti nel 2011 e che ancora si debba parlare di 'pari opportunità', si debbano richiedere a gran voce le quote rose, si debbano scrivere articoli per condannare l'assuefatto maschilismo delle istituzioni.

Immaginiamo una ragazza, vittima di una molestia. Sollecitiamo una denuncia per punire il colpevole e liberare finalmente dal silenzio la protagonista di questa vicenda, e forse non consideriamo il timore di una neo-assunta che rischierebbe così il proprio posto di lavoro, che uscendo allo scoperto verrebbe ancora una volta assalita da quel 'tam tam mediatico' di cui si parlava. Questi incresciosi episodi – veri o presunti che siano - in un mondo perfetto, dovrebbero diventare automatico spunto per una riflessione morale, per una responsabilizzazione di tutti quanti, per la risoluzione di un problema vecchio quanto il mondo. E non focolai di inutili discussioni e sessiste banalizzazioni.
  • Lavoro
  • Violenza
Altri contenuti a tema
22 “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta Percorso per la promozione del welfare aziendale attraverso il lavoro "family friendly"
Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Programmati alcuni lavori di pavimentazione, prevista viabilità alternativa
Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Tutti i dettagli diramati dai Centri per l’impiego Arpal
L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici Le domande per i progetti scadranno il 5 settembre 2022
Oltre 100 persone al recruiting day del Centro per l'Impiego di Barletta Oltre 100 persone al recruiting day del Centro per l'Impiego di Barletta Le offerte di lavoro saranno condivise su un apposito canale Telegram
Lavoro, giornata di recruiting al Centro per l’impiego di Barletta Lavoro, giornata di recruiting al Centro per l’impiego di Barletta Saranno illustrati i nuovi servizi digitali della Regione Puglia
Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Ragazza aggredita, l'appello degli avvocati: «Smettete di far circolare il video» Scrivono i legali dei genitori della giovane vittima della violenza in strada
1 Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Ragazzina aggredita in strada, «siamo dinanzi ad un problema di deformazione educativa» Interviene l'Ordine degli Psicologi sul caso di bullismo in strada a Barletta
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.