Residui di fuochi d'artificio abbandonati sulla costa di Barletta
Residui di fuochi d'artificio abbandonati sulla costa di Barletta
La città

Residui di fuochi d'artificio abbandonati sulla costa di Barletta

La segnalazione divulgata da Antonio Binetti sui social

«Stronzio, potassio, bario, ossido di carbonio, piombo, rame, zinco, leghe di metalli, alluminio, ecc.ecc. Ecco il contenuto dei famosi fuochi d'artificio che qualcuno, (involontariamente), ha sparato sulle nostre spiagge di levante». La segnalazione diffusa a mezzo social arriva da Antonio Binetti, subacqueo e ambientalista barlettano, che documenta con alcuni scatti l'abbandono a pochi metri dal nostro mare delle "cassette" da cui qualche incivile ha fatto esplodere fuochi artificiali, lasciando tutti i residui sulla spiaggia e generando un vero e proprio danno ambientale, oltre che lasciando traccia della propria inciviltà.

«Per quanto siano belli, colorati e divertenti - scrive Binetti - dopo lo sparo miliardi e miliardi di particelle di polveri sottili, precipitando, finiscono non solamente sulle nostre teste, ma anche sulla sabbia e nel mare. I danni ambientali, sono limitati nel tempo, ma sono comunque da tenere in considerazione, visto che provocano un incremento significativo delle polveri sottili nell'aria.

Vogliamo parlare del mare? L'alluminio, a contatto con l'acqua salata del mare, può modificarsi e rilasciare sostanze nocive. Inoltre, il contenitore, generalmente costituito da cartone e alluminio si disperde nell'ambiente e in mare, costituendo un vero e proprio problema ambientale e alimentando l'inquinamento già esistente.

Non dimentichiamoci dei nostri amici a quattro zampe, della fauna selvatica, ecc.» conclude Binetti.
  • Inquinamento
Altri contenuti a tema
12 "I love Barletta", la manifestazione per l'ambiente: «Chiediamo l'attenzione delle istituzioni» "I love Barletta", la manifestazione per l'ambiente: «Chiediamo l'attenzione delle istituzioni» Questa mattina la manifestazione in città
6 Emissioni odorigene, una proposta per rafforzare il monitoraggio dei dati Emissioni odorigene, una proposta per rafforzare il monitoraggio dei dati La mozione di Regione da parte del gruppo consiliare “Con-E”
Inquinamento, Barletta maglia nera per la presenza di PM10 nell'aria Inquinamento, Barletta maglia nera per la presenza di PM10 nell'aria Diffusi i dati del report di Legambiente "Mal'aria di città": nella nostra città rilevati 25 μg/mc di PM10
1 Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Prosegue anche il confronto sull'esito del biomonitoraggio sulle unghie dei bambini
1 Macerie edili sulla costa di Levante a Barletta Macerie edili sulla costa di Levante a Barletta Ritrovato anche amianto: situazione segnalata alle autorità preposte
15 Diffida per la rimozione delle macerie in via Cafiero, interviene Italia Nostra Onlus Diffida per la rimozione delle macerie in via Cafiero, interviene Italia Nostra Onlus «Questo materiale, oltre ad essere uno sconcio paesaggistico, espone le zone circostanti a rischi di inquinamento»
Torna nella notte la “puzza di formaggio” Torna nella notte la “puzza di formaggio” La nostra città come una piccola Miami? Così non si "campa" di turismo
Biomonitoraggio unghie bambini, convocati i firmatari del protocollo d'intesa Biomonitoraggio unghie bambini, convocati i firmatari del protocollo d'intesa Dopo la riunione tecnica di ieri, è calendarizzato per domani un nuovo incontro
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.