Palazzo Madama
Palazzo Madama
Scuola e Lavoro

Premiazione in Senato di una Scuola Primaria di Barletta

Proposta di legge degli alunni sul tema dei pericoli del web. 5^E, 5^F in "Senato per i ragazzi"

Il 17 maggio si svolgerà a Palazzo Madama a Roma, sede del Senato della Repubblica, inserendosi nelle iniziative di "Senato per ragazzi", la cerimonia di premiazione del concorso "Vorrei una legge che.... " indetto dal Senato, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, al quale gli alunni della della 5^E e della 5^F della Scuola Primaria "Girondi" -Plesso Padre Raffaele Dibari di Barletta hanno partecipato con la proposta di legge: "Conosciamo il web? Rischi e pericoli della rete".

Tale Proposta, elaborata dagli alunni con la collaborazione degli insegnanti, riguarda la diffusa frequentazione di Internet anche tra i bambini che, per la loro comprensibile inesperienza e spesso per l'assenza di un adulto durante l'uso di tali mezzi, sono esposti ai maggiori pericoli. La Rete, se non è opportunamente utilizzata, può divenire un luogo di discriminazione, sopraffazione e violenza. Sta a noi insegnanti ed ai genitori accompagnare i più giovani ad avvicinarsi a questa nuova tecnologia educando ad una navigazione sicura, consapevole non solo delle innumerevoli opportunità, ma anche dei rischi presenti in rete.

Il punto di partenza della questione affrontata dal progetto è stata la lettura dei dati della Polizia postale e delle comunicazioni relativi al 2012 sugli arresti per pedofilia on line, sulle denunce e sul monitoraggio di molte migliaia di siti. Al termine di un lavoro di riflessione di gruppo, gli studenti hanno elaborato una proposta di legge indirizzata "ai genitori, agli insegnanti e a noi bambini, per utilizzare Internet in sicurezza, limitando al massimo i rischi e i pericoli della rete". Tra gli obblighi dei genitori, è previsto che rispettino "i momenti di vita familiare, impegnandosi a non utilizzare il cellulare, il computer o altra strumentazione tecnologica durante il pranzo o la cena" e utilizzando "dei filtri famiglia che permettano di limitare la navigazione". Gli insegnanti, dal canto loro, devono aggiornare le proprie competenze tecnologiche per dimostrare di essere più vicini a noi, informare i giovani sui rischi presenti in rete. Ma anche i minori dal canto loro s'impegnano ad informare i genitori e gli insegnanti nel caso in cui ci imbattiamo in contenuto non adatti alla loro età.

«Adesso però ti dico la soluzione:/Devi fare semplicemente attenzione,/non andare sui siti dell'«orrore»/E caro genitore, non avere timore:/Se hai educato bene il tuo bambino/Basta solo stargli vicino».
  • Scuola
  • Premio
  • Internet
Altri contenuti a tema
Scuola, governo verso l’impugnazione dell’ordinanza di Emiliano Scuola, governo verso l’impugnazione dell’ordinanza di Emiliano Mario Draghi: «Non abbiamo ancora preso una decisione»
Scuola, l'ordinanza di Emiliano lascia facoltà di scelta per le famiglie pugliesi Scuola, l'ordinanza di Emiliano lascia facoltà di scelta per le famiglie pugliesi Le nuove disposizioni del presidente della Regione
Scuola, si torna tra i banchi subito dopo Pasqua Scuola, si torna tra i banchi subito dopo Pasqua Mario Draghi conferma la volontà di far rientrare in classe almeno fino alle scuole medie
Scuola o DAD? Emiliano chiede di entrare nelle "chat delle mamme" Scuola o DAD? Emiliano chiede di entrare nelle "chat delle mamme" Un modo per conoscere le opinioni dei genitori per la ripresa delle lezioni
Anche la Puglia sciopera contro la DaD: tablet e pc spenti per un giorno Anche la Puglia sciopera contro la DaD: tablet e pc spenti per un giorno A partecipare studenti e insegnanti
Sabotavano la DAD, nei guai tre ragazzi beccati dalla Polizia Postale Sabotavano la DAD, nei guai tre ragazzi beccati dalla Polizia Postale Organizzavano interruzioni nelle lezioni online, adesso sono indagati: il fatto accaduto a Genova
2 Refezione scolastica, presentazione Isee per nuove tariffe Refezione scolastica, presentazione Isee per nuove tariffe La comunicazione diramata dal Comune di Barletta
DAD solidale, nasce a Barletta l'iniziativa per aiutare gli studenti in difficoltà DAD solidale, nasce a Barletta l'iniziativa per aiutare gli studenti in difficoltà È possibile donare componenti per PC in buono stato
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.