Pozzo
Pozzo
Territorio

Pozzo artesiano con acqua pericolosa ad Andria, possibile allerta a Barletta

Le acque vengono utilizzate per irrigare numerosi campi

Con apposita ordinanza sindacale, la n. 380 dell'8 agosto 2018, é stato disposto alla famiglia Ferri di Andria di non emungere e di non utilizzare le acque del proprio pozzo artesiano, situato nella loro proprietà su via vecchia Barletta, in merito al rischio per la salute umana derivante dalla non conformità delle acque ai valori di parametro.

Questa è la decisione che è stata presa dal Primo Cittadino di Andria, quale massima autorità in tema di igiene e salute pubblica, a seguito di rilievi che nel corso di questi mesi la famiglia Ferri, abitante appunto in via vecchia Barletta ha effettuato, prima privatamente e poi attraverso certificazioni di enti pubblici, i quali hanno stabilito la presenza di Cloruro di Vinile e Tetracoloroeilene. Non solo, nella stessa acqua, per gli aspetti biologici è stata evidenziata la presenza di carica batterica a 22°C pari a 20 UFC/ml e quindi la tossicità delle acque analizzate. In parole semplici quest'acqua è altamente pericolosa per la salute degli esseri viventi.

Adesso si teme che un vicino pozzo di proprietà della Regione Puglia, il numero 4, che emunge anch'esso acqua dalla sottostante falda freatica, possa avere immesso nelle tubazioni per l'irrigazione di campi, di un vasto bacino riguardante terreni posti anche nei vicinori territori di Barletta e Trani, la stessa acqua inquinata. La vicenda, partita su impulso della stessa famiglia Ferri -che tempo addietro aveva notato strane presenza nell'acqua del proprio pozzo e seguita dall'emittente televisiva TeleSveva- ha visto intervenire su questo caso varie istituzioni, tra cui l'ARPA Puglia, i NAS dei Carabinieri e la Asl/Bt (Dipartimento di Prevenzione), che a seguito di apposito campionamento, ha quest'ultima dichiarato tali acque "pericolose per la salute".

Adesso, alla luce di questa grave situazione di pericolosità verificatasi, la collettività si chiede se persistono pregiudizi igienico sanitari e di incolumità per la salute pubblica e privata anche riguardo l'acqua che viene emunta dal pozzo di proprietà regionale, appunto il n. 4, situato anche'esso su via vecchia Barletta e vicino a quello di proprietà della famiglia Ferri da cui viene emunta acqua che serve per irrigare i tantissimi campi situati non solo in territorio di Andria ma anche verso quelli posti a ridosso e situati nei comuni di Barletta e Trani.
  • Andria
  • Inquinamento
Altri contenuti a tema
Revocata facoltà d'uso alla Timac, Cianci: «Non è un fulmine a ciel sereno» Revocata facoltà d'uso alla Timac, Cianci: «Non è un fulmine a ciel sereno» «Non vi è più l'indifferenza di una volta, noi dell'OAP siamo soddisfatti»
Legambiente Puglia dice no all'impianto di ossicombustione Newo Legambiente Puglia dice no all'impianto di ossicombustione Newo Francesco Tarantini: «Occorre puntare alla realizzazione di impianti di compostaggio sostenendo la filiera del riciclo»
2 Forum Salute e Ambiente: «L’intesa tra comune e Arpa affossa la delibera popolare» Forum Salute e Ambiente: «L’intesa tra comune e Arpa affossa la delibera popolare» «Non possiamo accettare che la nostra delibera sul monitoraggio delle aziende insalubri venga stravolta»
Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Buzzi Unicem, Cianci: «Partecipare attivamente al processo» Udienza fissata per l'8 gennaio 2018
3 Barletta Cinque Stelle, Barbara Lezzi interroga il Ministero della salute Barletta Cinque Stelle, Barbara Lezzi interroga il Ministero della salute Gli effetti della MCS si accentuano in funzione della distanza dalle fonti inquinanti
20 Una colonna di fumo si innalza dai forni della Buzzi Unicem Una colonna di fumo si innalza dai forni della Buzzi Unicem Cianci: «i dipendenti riportavano sui social l'inattività del forno. Evidentemente così non è»
12 Inquinamento a Barletta, la Buzzi Unicem precisa Inquinamento a Barletta, la Buzzi Unicem precisa «Prima di essere un’azienda, siamo donne e uomini responsabili»
10 Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Cianci: «Ecco la storia di OAP, Barletta è tessuto sano» Dopo la manifestazione del 29 settembre , la lettere del presidente
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.