Inquinamento
Inquinamento
Territorio

Inquinamento, Barletta maglia nera per la presenza di PM10 nell'aria

Diffusi i dati del report di Legambiente "Mal'aria di città": nella nostra città rilevati 25 μg/mc di PM10

In Italia l'emergenza smog resta un problema cronico. E la Puglia, pur facendo registrare numeri migliori del nord, desta comunque preoccupazione. Maglia nera nella nostra regione, stando ai dati del report Legambiente "Mal'aria di città. Quanto manca alle città italiane per diventare clean cities", elaborato basandosi su dati Arpa relativi al 2021, e a tutt'oggi suscettibili di qualche variazione, risulta Barletta con una media di 25 μg/mc con una riduzione necessaria del 40%. Per il PM2.5, a pari merito, le peggiori sono Andria, Bari e Barletta con 13 μg/mc e una riduzione necessaria del 62%. Per il N02, infine, è Taranto la "peggiore" con 25 μg/mc e una riduzione necessaria del 60%. Tali percentuali sono state effettuate raffrontando i valori delle città con i parametri suggeriti dall'OMS.

A Bari i valori di PM10 sono di 22 μg/mc quelli di PM2.5 sono di 13 μg/mc, mentre quelli di NO2 sono di 21 μg/mc. Rispettivamente, secondo le indicazioni dell'Oms la riduzione delle concentrazioni, necessarie per ritornare ai valori massimi stabiliti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità stessa, dovrebbero essere del 31% per il PM10, del 62% per il PM2.5 e del 52% per l'NO2. A Barletta, invece, sono stati rilevati 25 μg/mc di PM10, 13 μg/mc di PM2.5 e 18 μg/mc di NO2, per una richiesta di riduzione, rispettivamente del 40%, 62% e 44%. A Brindisi, poi, sono stati rilevati una media di 19 μg/mc di PM10 e 12 μg/mc di PM2.5 e servirebbe una riduzione, rispettivamente, del 21% e del 57%. Non è stato invece rilevare le concentrazioni di NO2.

Ad Andria i dati hanno rilevato un valore medio di 23 μg/mc di PM10, 13 μg/mc di PM2.5 e 21 μg/mc di NO2, per una richiesta di riduzione, rispettivamente, del 35%, 62% e 52%. A Foggia i valori medi del PM10 sono stati di 21 μg/mc, di PM2.5 12 μg/mc e di NO2 di 21 μg/mc per una necessaria riduzione, rispettivamente, del 29%, 58% e 52%. A Lecce, poi, la concentrazione media di PM10 è stata di 21 μg/mc e di 11 μg/mc di PM2.5 11 e dunque la riduzione dovrebbe essere, rispettivamente, del 27% e del 56%. Non rilevata la concentrazione di NO2. A Taranto, infine, i valori medi in un anno sono stati di 21 μg/mc di PM10, 11 μg/mc di PM2.5 e 25 μg/mc di NO2, per una richiesta di riduzione, rispettivamente del 27%, 55% e 60%.

«Le città pugliesi sono chiamate ad affrontare la problematica dell'inquinamento atmosferico in maniera trasversale e integrata con azioni efficaci, incisive e durature con misure integrate messe in campo dal governo nazionale, da quelli regionali e comunali – ha dichiarato Ruggero Ronzulli, presidente di Legambiente Puglia -. Il dato pugliese ci dimostra come le città maggiormente penalizzate sono quelle in cui la mobilità e le aree industriali sono i fattori che incidono negativamente sulla qualità atmosferica e sanitaria. Per questi motivi, da qui ai prossimi anni, per accelerare la transizione ecologica sarà centrale adottare misure che puntino davvero ad una nuova visione di città e centro urbano, incentrando la pianificazione sulla mobilità sostenibile, elettrica, intermodale, di condivisione ripensando anche gli spazi urbani. Sarà inoltre rilevante puntare anche sull'efficientamento energetico e bloccare la commercializzazione dei veicoli a combustione interna al 2030».
  • Inquinamento
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
In ricordo dell'on.Vittoria Titomanlio, un incontro martedì 19 luglio In ricordo dell'on.Vittoria Titomanlio, un incontro martedì 19 luglio Si terrà ai giardini Baden Powell in Via Leonardo da Vinci
10 Rifiuti bruciati in zona Fiumara, minacciato l'ambientalista barlettano Binetti Rifiuti bruciati in zona Fiumara, minacciato l'ambientalista barlettano Binetti Dopo diverse segnalazioni, stava svolgendo un sopralluogo sul posto
Legambiente Barletta denuncia il furto degli attrezzi usati nei giardini Baden Powell Legambiente Barletta denuncia il furto degli attrezzi usati nei giardini Baden Powell «Noi non lo meritavamo, ma ciò che avete fatto a questi meravigliosi ragazzi speciali, non ve lo perdoneremo mai»
Goletta verde a Barletta, in corso monitoraggio della acque di balneazione Goletta verde a Barletta, in corso monitoraggio della acque di balneazione L'associazione ringrazia Antonio Binetti e Massimiliano Vaccariello per il loro contributo
Panchina in memoria di Giulio Regeni ai Giardini Baden Powell Panchina in memoria di Giulio Regeni ai Giardini Baden Powell L’iniziativa fa parte del progetto "La Piazzetta del Volontariato"
2 Legambiente interviene sul Jova Beach Party 2022 Legambiente interviene sul Jova Beach Party 2022 «Condanniamo fermamente il luogo in cui si svolgerà»
12 "I love Barletta", la manifestazione per l'ambiente: «Chiediamo l'attenzione delle istituzioni» "I love Barletta", la manifestazione per l'ambiente: «Chiediamo l'attenzione delle istituzioni» Questa mattina la manifestazione in città
6 Emissioni odorigene, una proposta per rafforzare il monitoraggio dei dati Emissioni odorigene, una proposta per rafforzare il monitoraggio dei dati La mozione di Regione da parte del gruppo consiliare “Con-E”
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.