Pesce
Pesce
Scuola e Lavoro

Pesca in difficoltà, Flai Cgil: «Servono aiuti per il rilancio»

Gaetano Riglietti e Dora Lacerenza dettano le priorità urgenti per il comparto dopo l’emergenza sanitaria

Nelle marinerie della provincia Bat, come in tutte il resto delle marinerie d'Italia, l'emergenza sanitaria del Covid-19 ha avuto gravi ricadute economiche e occupazionali nel settore della pesca. L'attività di pesca si è ridotta notevolmente avendo, almeno nella prima fase, una riduzione quasi totale dell'attività.

La chiusura a causa dell'emergenza sanitaria di tutte le attività di vendita al dettaglio, mercati ittici e nello stesso tempo della ristorazione (ristoranti, sale ricevimenti, ecc..) ha inciso molto sulla situazione perché su queste tavole finiva molto del prodotto pescato ed è questo che ha determinato il crollo dell'intero settore della pesca" dichiara Dora Lacerenza, segretaria Flai Cgil Bat.

Un comparto che viveva già precedentemente una crisi e che per varie ragioni non riesce più ad essere attrattivo per le nuove generazioni. La Flai Cgil è stata sempre vicina ai lavoratori del settore della pesca per garantire l'assistenza di tutela relativa agli ammortizzatori in particolar modo in quest'ultimo periodo, facendo in modo che nessun lavoratore rimanesse senza alcuna fonte di sostegno al reddito. Ed è per questo, che in questa fase all'indomani dell'emergenza sanitaria, le imprese di pesca hanno bisogno di certezze per il futuro di questo settore, ma nello stesso tempo ai lavoratori vanno garantite anche prospettive future affinché il settore non sia abbandonato da tutti.

"Oramai è il momento di decidere su ciò che se ne vuole fare di questo settore", sostiene il segretario generale Flai Cgil Bat, Gaetano Riglietti. "Siamo convinti che quanto prima si debba convocare un tavolo specifico per affrontare le problematiche della pesca, coinvolgendo i rappresentanti del settore, il Presidente della Provincia, i Sindaci dei Comuni delle marinerie della Bat e la Capitaneria di Porto per discutere le problematiche evidenziate dai pescatori. Tutti devono essere partecipi nel dare attivamente il proprio contributo alla discussione".

I decreti "Cura Italia" prima e "Rilancio" dopo hanno previsto aiuti ma serve un sostegno economico forte sia per i lavoratori che per le imprese della pesca per il rilancio dell'intero settore. Il fatto che gli aiuti nazionali tardino ad arrivare (stessa cosa si può dire per quelli europei) non mette nelle condizioni tutti gli addetti del settore di avere certezze.

"Siamo invece fortemente convinti che le risorse devono essere immediatamente trasferite ad un settore, che ancora oggi soffre per i ritardi dei pagamenti del fermo pesca obbligatorio per gli anni passati alle imprese, le indennità del fermo obbligatorio dello scorso anno ai lavoratori dipendenti ed infine per la Cassa Integrazione in Deroga. E certamente non per ultimo, vorremmo che quanto prima si arrivasse anche nel settore della pesca all'applicazione del D.Lgs. 81/2008 per garantire salute e sicurezza di chi lavora in mare. Siamo convinti che il confronto per rilanciare il settore sia un opportunità per tutti, nella consapevolezza più assoluta che la pesca e quindi i pescatori sono una risorsa per l'intera collettività", concludono dalla Flai Cgil.
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Risorse Pnrr, Cgil Bat: «La carenza di organico rende difficile gestire progetti» Risorse Pnrr, Cgil Bat: «La carenza di organico rende difficile gestire progetti» Ileana Remini e Biagio D’Alberto chiedono deroghe sulle assunzioni soprattutto per i Comuni in dissesto e pre-dissesto
Cgil Bat, organizzata un'assemblea pubblica per giovedì 22 luglio a Barletta Cgil Bat, organizzata un'assemblea pubblica per giovedì 22 luglio a Barletta Si discuterà anche sul futuro di casa Regina Margherita
Presidio provinciale in Prefettura a Barletta per lo sciopero del 30 giugno Presidio provinciale in Prefettura a Barletta per lo sciopero del 30 giugno Allo sciopero si aggiungono anche il settore elettrico e quello del gas e dell'acqua, oltre quello del ciclo dei rifiuti
Diritti in marineria, la Flai Cgil torna a incontrare i pescatori Diritti in marineria, la Flai Cgil torna a incontrare i pescatori «Serve un ammortizzatore sociale strutturato, altrimenti settore sempre più alla deriva»
Aggressione dipendente Bar.S.A. a Barletta: «Rispetto per questi addetti» Aggressione dipendente Bar.S.A. a Barletta: «Rispetto per questi addetti» L'intervento del sindacato Cgil della provincia Bat
Una piattaforma per l'antifascismo, l'iniziativa parte da Barletta Una piattaforma per l'antifascismo, l'iniziativa parte da Barletta Domani si svolgerà la presentazione di questa iniziativa che riunisce diverse organizzazioni
Assistenza domiciliare integrata, assemblea davanti al Comune di Barletta Assistenza domiciliare integrata, assemblea davanti al Comune di Barletta FP Cgil Bat: «La Martina 2000 rispetti la regolarità nel pagamento degli stipendi, il Comune intervenga»
Contagi dimezzati nella Bat, Fp Cgil: «Ecco come migliorare la qualità dell’assistenza offerta» Contagi dimezzati nella Bat, Fp Cgil: «Ecco come migliorare la qualità dell’assistenza offerta» Ileana Remini, Rosa Matera, Luigi Marzano e Michele Gorgoglione intervengono dopo i dati diffusi dalla Asl Bat
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.