Azienda via dell'Industria
Azienda via dell'Industria
La città

“Olezzo” di spazzatura in via dell’Industria e via Vecchia Madonna dello Sterpeto

Nuovo opificio per la lavorazione dei rifiuti allarma le industrie alimentari. Inutili le istanze alla Procura della Repubblica

Sono i tutori ambientalisti di Barletta, Sabrina Salerno e Alessandro Zagaria (di cui alleghiamo in pdf il comunicato in merito) ad ascoltare e ripetere alla stampa e alle istituzioni il nuovo sconcertante allarme salute-vivibilità, che percuote l'aria industriale ed abitativa di via dell'Industria e via Vecchia Madonna dello Sterpeto dove numerosissime aziende alimentari, di trasformazione e di ricerca insistono su quell'area e in vari modi interessate dal nuovo opificio insediatosi che lavora rifiuti solido urbani con relativo traffico di mezzi pesanti che riforniscono in via continuativa l'azienda di assemblaggio di rifiuti.

Le plurali istanze della aziende all'indirizzo di enti tutelari dell'ambiente non hanno sortito efficaci interventi risolutivi. Eppure il verbale di sopralluogo dell'ARPA Puglia, pungolata dalla ASL (alleghiamo in fondo all'articolo il pdf) lascia intendere che maggiori e severi provvedimenti devono essere assicurati dall'azienda trasformatrice dei rifiuti, che deve ottemperare a precisi e imprescindibili dettami di legge. Fatto sta che è inoppugnabile il cattivo odore che 24 ore al giorno invade la zona a discapito di altre aziende e civili abitazioni. A soffrire della situazione è in particolar modo una primaria azienda che produce alimenti e pasta fresca. Proprio a ridosso di quest'ultima è stata concessa licenza all'opificio che per quanto osservante delle norme imposte dalla Asl, dai vari assessorati locali e provinciali, difficilmente riesce ad eliminare l'olezzo riveniente, inesorabile, dal materiale di lavorazione.

In modo dettagliato e dolente, titolari delle aziende penalizzate dall'imprevedibile nuovo insediamento hanno spiegato ai titolati responsabili delle associazioni ambientaliste e alla numerosa stampa le doglianze della clientela che oramai, sempre più malvolentieri, frequenta la zona contaminata quanto meno dal cattivo odore registrato anche in corso di conferenza stampa.
  • Inquinamento
  • Collettivo Exit
Altri contenuti a tema
1 Collettivo Exit: «Discariche nella Bat, i politici stanno a guardare» Collettivo Exit: «Discariche nella Bat, i politici stanno a guardare» La nota degli attivisti
Collettivo Exit: «Dirigenti Bat colpiti da inchieste, la politica che fa?» Collettivo Exit: «Dirigenti Bat colpiti da inchieste, la politica che fa?» La nota degli attivisti
Mancato aumento Tari, Collettivo Exit: «Ridcola sbornia collettiva della politica barlettana» Mancato aumento Tari, Collettivo Exit: «Ridcola sbornia collettiva della politica barlettana» La nota degli attivisti
Velivolo militare in via Foggia, il Collettivo Exit: «No a spese pubbliche per propaganda bellica» Velivolo militare in via Foggia, il Collettivo Exit: «No a spese pubbliche per propaganda bellica» La nota dell'associazione
1 Alberi, la protesta simbolica del Collettivo Exit sotto Palazzo di Città Alberi, la protesta simbolica del Collettivo Exit sotto Palazzo di Città «L'abbattimento degli alberi in via Vittorio Veneto è l'ennesimo schiaffo nei confronti del patrimonio arboreo»
2 Alberi rimossi in via Vittorio Veneto, interviene il Collettivo Exit Alberi rimossi in via Vittorio Veneto, interviene il Collettivo Exit “Ecco la modernità dell’amministrazione Cannito”, lavori in corso per il secondo fronte stazione
10 Sversamenti in mare a Ponente, attese le analisi dell’Arpa Puglia Sversamenti in mare a Ponente, attese le analisi dell’Arpa Puglia Ieri pomeriggio la segnalazione del sub ambientalista Binetti
Collettivo Exit: «Cannito mantiene per sè la delega all'ambiente, ma per fare cosa?» Collettivo Exit: «Cannito mantiene per sè la delega all'ambiente, ma per fare cosa?» La nota firmata dal direttivo
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.