Consiglio Comunale
Consiglio Comunale
Politica

Cambi di casacca, Coalizione Civica: «Il valzer degli assessori è pratica antica a Barletta»

I consiglieri Doronzo, Quarto e Filannino commentano le dichiarazioni del sindaco Cannito

Elezioni Regionali 2020
«Ci risiamo, a Barletta la musica è sempre la stessa: il Sindaco Cannito dopo aver promesso discontinuità rispetto al passato si scopre esserne un'esatta copia. Cambiano i sindaci ma attori e metodi sono sempre gli stessi: Il valzer degli assessori è una pratica antica nella nostra città e gli appetiti personali da soddisfare vengono sempre dai pochi che spesso nell'ombra fanno e disfanno a proprio piacimento - scrivono in una nota stampa Carmine Doronzo, Ruggiero Quarto e Michelangelo Filannino, consiglieri di Coalizione Civica Barletta».

Per non parlare della favoletta di certe liste civiche che in realtà altro non sono che un riciclaggio dei partiti per nascondere la propria vera identità, di cui forse si prova imbarazzo. Non stupisce che, in occasione delle tornate elettorali che contano, tutti i nodi vengano al pettine e che, tanto per fare un esempio, il vice sindaco Marcello Lanotte, dopo aver cambiato svariate casacche passando da destra a sinistra e viceversa, decida di comunicare con una conferenza stampa la propria adesione a Forza Italia.

«Esiste una vera e propria questione morale: i metodi con cui si fa politica e la concezione della politica stessa stanno portando a un annullamento del dibattito democratico e ad una degenerazione tale che si può dire di tutto e fare di tutto. Sono emblematici, in questo senso, i due cambi in giunta in rapida successione, non motivati dal Sindaco e messi in atto con metodi quasi triviali. Ma non è tutto: le dichiarazioni del sindaco in entrambe le situazioni sono forse ancora peggiori. Con un candore disarmante il Sindaco, responsabile delle nomine in giunta, ammette in Consiglio Comunale che ha solo risposto al diktat di una delle forze politiche che lo sostiene, nominando la dott.ssa Carbone e contestualmente dichiara che sa bene che è un'assessora che "non ha la competenza che vorremmo". Ancora peggiori sono le ultime dichiarazioni rilasciate alla stampa in occasione della nomina del neo assessore Salvemini che danno un quadro impietoso della situazione: il sindaco alla stampa parla di "miseria umana" e di 20 consiglieri di maggioranza che "rivendicano posizioni" mossi da "bisogni propri", senza che tali gravi affermazioni producano azioni concrete. Tutto va invece dimenticato in fretta e, dopo ogni sfogo, la polvere nascosta sotto al tappeto.

Se invece a Barletta la politica agisse in maniera trasparente, due cambi in giunta sarebbero stati al centro del dibattito pubblico e sarebbero stati politicamente argomentati e giustificati. Ci saremmo aspettati che i nuovi assessori fossero andati di pari passo con nuovi obiettivi da raggiungere, azioni strategiche da mettere in atto. Ma nel valzer della poltrona di Cannito non c'è spazio per le questioni concrete e i problemi che i cittadini vivono quotidianamente. A un anno e mezzo dell'insediamento infatti, senza potersi più nascondere dietro il poco tempo a disposizione, delle linee di mandato scritte ed approvate dalla maggioranza è stato realizzato poco quanto niente, mentre in città i problemi vecchi si acuiscono e ne nascono di nuovi. Insomma, della "Coalizione del Buon Governo" non resta né la coalizione, disgregata in una somma di 20 portatori di "bisogni propri", né il governo, con un'amministrazione inesistente su una serie di questioni cruciali, né tanto meno l'aggettivo "buon" che frettolosamente Cannito si era autoattribuito in campagna elettorale e che invece i cittadini stanno rimandando al mittente. Oggi ci chiediamo: è questo l'unico modo per amministrare la cosa pubblica? Non c'è altra scelta per la nostra città?

Sin dal lancio della nostra campagna elettorale avevamo messo in guardia dai rischi delle "grandi ammucchiate" senz'anima e non a caso abbiamo messo in campo un altro metodo, diametralmente opposto: un confronto pubblico e costante, aperto e trasparente con tutta la città. A Barletta esistono centinaia di cittadini che hanno a cuore le sorti dell'ambiente, dei servizi pubblici, dell'occupazione, persone che vanno ascoltate e coinvolte nelle decisioni che contano. Questo rimane il nostro metodo per individuare priorità ed obiettivi e per costruire un'alternativa all'attuale modo di vivacchiare. Nelle prossime settimane torneremo a discuterne pubblicamente con la cittadinanza per dimostrare che non tutto è perduto e che Barletta merita di meglio».
  • Consiglio comunale
Altri contenuti a tema
3 Immobile della Sfida, il Consiglio comunale dice sì alla prelazione Immobile della Sfida, il Consiglio comunale dice sì alla prelazione Sono stati venti i voti favorevoli espressi, questo pomeriggio, dall'assise cittadina
Consiglio comunale, domani si torna in aula Consiglio comunale, domani si torna in aula Convocazione alle ore 9: si parlerà di debiti fuori bilancio, immobile di via Cialdini e spazzamento meccanizzato
2 Strisce pedonali colorate davanti alle scuole: la proposta Strisce pedonali colorate davanti alle scuole: la proposta I consiglieri comunali Marzocca e Damato: «Un importante segnale di ripartenza nonché di sicurezza, fiducia e speranza»
1 Il Comune di Barletta paga i debiti, anche se non sembrano i suoi Il Comune di Barletta paga i debiti, anche se non sembrano i suoi Dubbi sono sorti sulla condanna al pagamento da parte del Comune di un debito di 19 mila euro nei confronti di un ex dipendente dell’Asp Regina Margherita
1 Maggioranza in affanno, ma le opposizioni non fanno da palliativo Maggioranza in affanno, ma le opposizioni non fanno da palliativo I numeri che vengono a mancare sono avvisaglie che dureranno il tempo di un’estate
1 Le opposizioni: «Maggioranza inconcludente, rissosa e incapace» Le opposizioni: «Maggioranza inconcludente, rissosa e incapace» I consiglieri di opposizione all'indomani del Consiglio comunale: «Farebbero meglio a spiegare le ragioni dello sgarbo istituzionale»
7 «Maggioranza in ottima salute», ma l'affaire Lasala torna in aula «Maggioranza in ottima salute», ma l'affaire Lasala torna in aula Erano 26 i consiglieri comunali assenti nella seduta di ieri, rinviata ad oggi in seconda convocazione
Consiglio comunale, il 27 giugno l'assise torna in aula Consiglio comunale, il 27 giugno l'assise torna in aula Dopo la seduta nell'auditorium del Liceo Scientifico, i lavori del Consiglio torneranno a svolgersi nell'aula di via Zanardelli
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.