Storie da giovani
Storie da giovani
Viva

Nasce su BarlettaViva "Storie da giovani" per i giovani barlettani

Una nuova sezione in cui puoi raccontarci la tua storia

Da domani mercoledì 19 maggio 2021, BarlettaViva inaugurerà una nuova sezione dal nome "Storie da giovani" per raccontare tutte quelle storie che, per un motivo o per un altro, non hanno avuto grande risonanza mediatica. Un modo per raccontare la vita dei nostri ragazzi e di chi abita la città.

Lo faremo proprio attraverso i canali che meglio i giovani prediligono, cioè Facebook e Instagram, cercando di passare la penna proprio a loro, che proveranno ad essere scrittori della loro storia per un giorno, per questo "da giovani".

La sezione ha avuto già dei protagonisti come Davide Simeone, il giovane infermiere di venticinque anni contagiato e poi vaccinato, che ha vissuto sulla propria pelle una forma molto aggressiva dovuta a Covid-19, per poi essere uno tra i primissimi vaccinati. O la storia di Sara Binetti e Martina Curci, pallavoliste e sportive, da cui traspare l'impegno e la costanza che ci mettono in quello che fanno: ci hanno raccontato la difficoltà nell'essere donne, studentesse e pallavoliste a soli vent'anni.
Storie di vita quasi quotidiana che hanno qualcosa di molte forte da insegnarci, perché a volte i giovani possono davvero darci dei messaggi di forza ed educare tutti, a qualsiasi età.

Questa sezione diventa un modo per riscrivere autonomamente la propria storia, per questo se qualcuno sente di avere un messaggio da comunicare, potete contattarci sulla nostra pagina Facebook o Instagram, o all'indirizzo mail info@barlettaviva.it.
Storie da giovani

Storie da giovani

Un modo per i ragazzi di raccontare la loro storia

11 contenuti
Altri contenuti a tema
1 «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» «Vivo la mia sessualità e credo in Dio, dov'è il peccato?» È cresciuto a Barletta, come seconda casa la Chiesa di San Nicola, adesso è libero di essere se stesso a Milano
«Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» «Ho portato a Siena il dialetto barlettano e ne sono orgogliosa» Il lavoro di laurea di Aurora Diella sulle origini del nostro dialetto
Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Chiamatemi solo Saso: «Tutto il dolore mi è stato utile» Salvatore nasce come ballerino a Barletta, ma l'istinto l'ha portato in un'altra direzione
Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? Perchè anche a Barletta ci sono sempre meno giovani disposti a fare i camerieri? La storia di Alessandro e i ristoratori che lamentano la scarsità di proposte di lavoro da parte dei giovani
Campagne sotto assedio: imprenditori chiedono intervento dello Stato Campagne sotto assedio: imprenditori chiedono intervento dello Stato Si sono riuniti a Montaltino frazione di Barletta
Stefania: ho capito di essere omosessuale, ma Barletta non è ancora pronta Stefania: ho capito di essere omosessuale, ma Barletta non è ancora pronta La storia di una giovane ragazza che a quattordici anni si è innamorata della sua migliore amica
Monica: tra le prime maturande vaccinate a Barletta Monica: tra le prime maturande vaccinate a Barletta A due giorni dalla promessa di vaccinare anche i giovani, ecco i primi vaccinati che affronteranno la maturità
Arianna Todisco, giovane fotoreporter barlettana finita sul Washington Post Arianna Todisco, giovane fotoreporter barlettana finita sul Washington Post La storia di Arianna e del suo lavoro per raccontare la comunità dei Caminanti
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.