Stazione di Barletta
Stazione di Barletta
Territorio

Maffei sulla fermata Eurostar: «Va bene, ma è un treno pressochè inutile»

Agrodolce analisi del primo cittadino, conti alla mano. «I barlettani continuino a rivendicare i propri diritti»

«Ringrazio anche io il Ministro Matteoli per essersi interessato direttamente al ripristino della fermata Eurostar nella stazione di Barletta che è al servizio dell'intero territorio della nostra Provincia e di un'utenza superiore alle 400.000 unità». Questa la constazione del riconfermato sindaco di Barletta Nicola Maffei, prima di dichiarare che sussiste un dispiacere dai toni politici oltre che agrodolci. Il primo cittadino non condivide nemmeno facile entusiasmi del centrodestra e incalza: «mi spiace solamente dover evidenziare che, dopo oltre due anni passati tra risposte evanescenti e promesse inesauste da parte del Governo Berlusconi e dei responsabili di Trenitalia, a cominciare dall'Amministratore Delegato Mauro Moretti, sia le Ferrovie che il Ministro stesso abbiano ritenuto opportuno ripristinare un treno pressoché inutile e mi risulta difficile condividere le dichiarazioni di soddisfazione espresse da tanti rappresentanti politico-istituzionali del territorio».

«Con il ripristino del treno delle 7.42, infatti, non si risolve il problema dei molti cittadini che hanno necessità di raggiungere la Capitale in un orario favorevole per svolgere le mansioni necessarie alle proprie professioni o all'attività politico-istituzionale e tornare a Barletta nell'arco delle ventiquattrore. Anzi, salvo ritardi, i cittadini giungeranno a Roma alle 11.30 circa, troppo tardi per riuscire a partecipare a qualsiasi riunione in tempo utile o svolgere con comodità i propri uffici professionali. E' inutile evidenziare che questo causerà comunque lo slittamento al pomeriggio di qualsiasi programma lavorativo e costringerà i cittadini barlettani e dell'intera Provincia ad anticipare comunque la partenza al giorno prima con gli stessi aggravi su costi e pernottamento nella Capitale. Se veramente si fosse voluto rendere un servizio a questo territorio, restituendo un diritto sacrosanto ai cittadini, il Ministro Matteoli avrebbe dovuto favorire il ripristino del treno precedente, quello che partendo alle 6.00 del mattino circa e giungendo a Roma alle 10.00 avrebbe consentito la fruizione di un reale servizio. Invece ancora una volta questo territorio si ritrova a raccogliere le briciole delle dissennate politiche economiche di questo Governo tutte rivolte a salvaguardare gli interessi del Nord Italia».

«Al contrario in Puglia il Centrosinistra sta ampiamente dimostrando di essere buongoverno e nei prossimi anni anche il nostro sistema infrastrutturale legato alla mobilità si rinnoverà con sapienza grazie alle misure messe in campo dalla Regione attraverso il progetto del potenziamento della linea ferrotranviaria Bari-Nord, nel quale è prevista la possibilità di raggiungere direttamente l'aeroporto di Bari partendo dalla nostra Stazione centrale. Esorto, pertanto, i barlettani ad andare avanti nella rivendicazione dei nostri diritti e a confidare nella programmazione della regione Puglia che, nel breve volgere di qualche anno, ci consentirà di usufruire di una vera e propria rivoluzione della mobilità».
  • Sindaco
  • Nicola Maffei
  • Fermata Eurostar
Altri contenuti a tema
È venuto a mancare l'ing. Gabriele Lionetti, fu sindaco di Barletta È venuto a mancare l'ing. Gabriele Lionetti, fu sindaco di Barletta Scomparso all'età di 90 anni
Barletta: i sindaci del terzo millennio Barletta: i sindaci del terzo millennio Le storie e i protagonisti della politica barlettana dal 2000 in poi
1 Nuovo Dpcm, scettici i sindaci d’Italia. Decaro: «Bisognava partire un mese fa» Nuovo Dpcm, scettici i sindaci d’Italia. Decaro: «Bisognava partire un mese fa» Il presidente Anci e primo cittadino di Bari: «Non credo servirà a contenere i contagi, ma ora stop alle polemiche»
1 Una preghiera per i defunti di Barletta, il sindaco con la mascherina al cimitero Una preghiera per i defunti di Barletta, il sindaco con la mascherina al cimitero Il primo cittadino e il vescovo insieme per omaggiare i defunti
2 A lavoro per la Disfida di Barletta 2020, le parole del sindaco A lavoro per la Disfida di Barletta 2020, le parole del sindaco «Stiamo dialogando con le altre istituzioni, progettando partenariati e individuando risorse»
Rapina sventata alla gioielleria Bonadies, il plauso del Sindaco ai due vigili urbani Rapina sventata alla gioielleria Bonadies, il plauso del Sindaco ai due vigili urbani «Mi auguro che le indagini avviate portino presto a individuare i responsabili e ad assicurarli alla giustizia»
Ylmaz Orkan di UIKI Onlus in visita a Barletta Ylmaz Orkan di UIKI Onlus in visita a Barletta Nella stessa giornata Ylmaz Orkan sarà ricevuto dal sindaco di Barletta a palazzo di città
4 «Ecco perché non asfaltiamo le nostre strade»: una lettera del sindaco Cannito «Ecco perché non asfaltiamo le nostre strade»: una lettera del sindaco Cannito «Resta inteso che è stata appostata una somma pari 1.050.000 euro per asfaltare le strade»
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.