Montagna di lapidi abbandonate in campagna
Montagna di lapidi abbandonate in campagna
Cronaca

Lapidi abbandonate in zona Ariscianne a Barletta

La segnalazione di una cittadina tranese scatena l'allerta, il sindaco Bottaro: «Risalire all'autore non sarà difficile»

Un episodio amaro proprio nel giorno della commemorazione dei defunti. Lapidi ancora intere, altre rotte tra i calcinacci, nomi dei defunti coperti dalla polvere, un vero e proprio cumulo grigio accatastato alla rinfusa nelle campagne di Barletta.

È questo il macabro panorama che domina la zona di Torrente Ariscianne. La lapide di Michele Marchese è spaccata in più parti ma il nome si può leggere ancora, così come la sua data di nascita e il giorno della sua morte. A segnalare questa montagna di lapidi abbandonate è stata una cittadina tranese su Facebook. Sono state scaricate sul ciglio della strada tra rifiuti vari ma da dove provengono? Chi le ha portate lì?

Immediata è stata la risposta del sindaco di Trani Amedeo Bottaro che, interpellato, ha riferito: «Abbiamo localizzato - ha scritto - il luogo dove è stato perpetrato questo scempio. Polizia locale ed Amiu stanno intervenendo. Non sarà difficile arrivare ai responsabili e dopo aver accertato ogni singola responsabilità agiremo in danno. Ringrazio chi, come sempre (ora in campagna elettorale di più) ha attribuito subito colpa al sindaco senza conoscere i regolamenti e le normative. Ai cittadini chiedo un grande favore: bene le segnalazioni ma sui canali ufficiali, li abbiamo creati apposta per questo utilizzo». E poi ha precisato: «Tu che hai commesso questa bestialità e che stanotte ti sei preso anche il fastidio di andare a spaccare tutte le lapidi scaricate per non rendere riconoscibili i nomi, sappi che ti è andata male. Il luogo ricade nel territorio di Barletta. La nostra Polizia Locale sta provvedendo a notiziare dell'accaduto il Comando barlettano. Risalire all'autore non sarà difficile. E saranno dolori. Rinnovo l'invito ai cittadini ad utilizzare per le segnalazioni il canali social istituzionali, è fondamentale per acquisire tempestivamente le informazioni necessarie per gli interventi».

Insomma, u
Montagna di lapidi abbandonate in campagnaMontagna di lapidi abbandonate in campagnaMontagna di lapidi abbandonate in campagnaMontagna di lapidi abbandonate in campagna
  • Rifiuti illeciti o pericolosi
Altri contenuti a tema
Lapidi come rifiuti, sequestrata l'area dell'abbandono a Barletta Lapidi come rifiuti, sequestrata l'area dell'abbandono a Barletta Scattano i sigilli in zona Ariscianne dopo un'azione condivisa della Polizia locale di Barletta e Trani
Abbandono illecito rifiuti, in due mesi immortalati 70 trasgressori a Barletta Abbandono illecito rifiuti, in due mesi immortalati 70 trasgressori a Barletta Le immagini e le targhe dei mezzi usati sono al vaglio della polizia municipale per le conseguenti sanzioni
2 Rifiuti bruciati in via Galvani, l'angolo più squallido di Barletta Rifiuti bruciati in via Galvani, l'angolo più squallido di Barletta Ritrovate anche siringhe: la strada diventa sempre più sporca e pericolosa
2 Bisogno di pulizia in via Rizzitelli, a Barletta arriva il lavabo sociale Bisogno di pulizia in via Rizzitelli, a Barletta arriva il lavabo sociale Alla campana di vetro strani rifiuti, ma un motivo c’è
Tra buche e immondizia nella periferia di Barletta, la denuncia di Carlo Leone Tra buche e immondizia nella periferia di Barletta, la denuncia di Carlo Leone Dalle foto si può notare come questa zona sia diventata una vera discarica a cielo aperto
2 Maxi discarica di rifiuti speciali, quadro criminale da Barletta a Margherita di Savoia Maxi discarica di rifiuti speciali, quadro criminale da Barletta a Margherita di Savoia Dodici soggetti coinvolti e 7 milioni di euro sequestrati in beni immobili
2 Ponte in via Vecchia Andria: una discarica a cielo aperto Ponte in via Vecchia Andria: una discarica a cielo aperto «Oltre al degrado ambientale vi è il rischio di incendio a causa dell'accumulo di paglia»
Allarme di Coldiretti, la Puglia è una discarica a cielo aperto Allarme di Coldiretti, la Puglia è una discarica a cielo aperto Siamo al primo posto per infrazioni nel ciclo della spazzatura
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.