Terra
Terra
Eventi

La Terra è mia

In scena lo spettacolo di due giovani attori barlettani. Ci racconta la nostra Italia moderna

E' andato in scena presso il circolo Arci "Carlo Cafiero" di Barletta lo spettacolo "La terra è mia" scritto ed interpretato da quattro giovani attori, Stefano Greco e Laura Pece e dai barlettani Savino Italiano e Olga Mascolo, dotati di una bella inventiva nell'affrontare tematiche certamente non facili. Lo spettacolo ha al proprio centro la terra e la brama di possesso che la terra scatena: recinti, muri, violenze e soprusi, tutto fatto per il possesso di quel fazzoletto di terra che ieri sera era rappresentato dal palcoscenico.

Nello spettacolo i protagonisti, due servi e due padroni, indossano maschere tipiche della tradizione popolare italiana. Gli attori scelgono un problema spinoso da trattare e di non facile interpretazione: la terra, che se da un lato è vita e sostentamento, dall'altro può significare morte e discordia.

Lo spettacolo cerca di "raccontare" anche i sentimenti e le reazioni umane legate alla terra ed al suo possesso: il desiderio sfrenato di possedere genera desolazione in chi desidera e possiede, ed il sopruso che ne consegue genera violenza; ed è proprio di questa che gli attori cercano di parlare, cosa difficile da fare perché la violenza è di per sé muta (muta perché laddove arriva la violenza non è potuta arrivare la parola, laddove vince la violenza nulla ha potuto il dialogo), quindi di difficile comprensione. Anche per questo è interessante l'utilizzo che dei dialetti si fa nello spettacolo: essi sono utilizzati dai servitori, sono il linguaggio del popolo che quasi sempre è al di fuori delle logiche del potere e non può che esprimersi con una lingua genuina, mai studiata ma sempre saputa, il dialetto. Contrapposto al dialetto dei servitori c'è l'italiano dei padroni. Essi, tranne qualche eccesso d'ira nei confronti dei loro servi, parlano italiano tra di loro: sono colti e sanno di esserlo, e sono colti a scapito dei loro servitori.

Lo spettacolo ci racconta, quindi, di territori contesi teatro di violenza nel mondo, dalla Palestina al Kashmir, ma anche, aggiungiamo noi, ci racconta la nostra Italia moderna dove, per questioni riguardanti proprio confini di terra, la settimana scorsa, in Calabria, una famiglia è stata annientata.

Consigliamo senz'altro di continuare a seguire questi giovani attori in futuro.
  • attore
  • Circolo Arci "Carlo Cafiero"
Altri contenuti a tema
Make Your Way, un furgone per portare l'innovazione tra i ragazzi Make Your Way, un furgone per portare l'innovazione tra i ragazzi La conferenza di chiusura del progetto si terrà oggi alle ore 18.30 nella sede dell’Arci Cafiero in via Paolo Ricci 153
Riapre il circolo Arci “Carlo Cafiero” Riapre il circolo Arci “Carlo Cafiero” Nuova sede in via Paolo Ricci 153-155
A Barletta il progetto “Make your way” A Barletta il progetto “Make your way” Tappa all’istituto “Cassandro-Fermi-Nervi”
Contro l'autonomia differenziata, iniziativa condivisa da CGIL, ARCI e ANPI Contro l'autonomia differenziata, iniziativa condivisa da CGIL, ARCI e ANPI Banchetto informativo in corso Vittorio Emanuele
“Storie di donne e di lotte”, l’evento di ARCI e ANPI “Storie di donne e di lotte”, l’evento di ARCI e ANPI Incontro organizzato per la giornata internazionale della donna
"Make your way", il progetto dedicato ai giovani e all'innovazione "Make your way", il progetto dedicato ai giovani e all'innovazione Ogni tappa sarà un grande evento socio-culturale che si svolgerà nelle piazze e nei cortili delle scuole pugliesi
Oggi la commemorazione di Carlo Cafiero a Barletta Oggi la commemorazione di Carlo Cafiero a Barletta Su organizzazione di diverse associazioni tra cui il Circolo Arci Cafiero
Quello zero alla voce "valorizzazione del territorio" per la Festa della Musica 2021 Quello zero alla voce "valorizzazione del territorio" per la Festa della Musica 2021 Le domande dell'associazione ARCI Cafiero dopo dodici anni dall'evento
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.