Libera
Libera
Scuola e Lavoro

In ricordo delle vittime di mafia, un pullman da Barletta

L'impegno dell'Unione degli Studenti per l'iniziativa promossa da "Libera"

Il 21 marzo 2017 ricorre la XXII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di mafia, promossa dall'associazione "Libera - Associazioni, Nomi e Numeri Contro le Mafie" e da pochi giorni istituzionalizzata con un voto unanime del Parlamento. In occasione di tale giornata, Libera Puglia e la Rete della Conoscenza Puglia scenderanno in piazza a Bari, per portare nelle strade del capoluogo pugliese il forte messaggio di volontà di liberazione dalle mafie che parte da ogni città del territorio, utilizzando lo slogan scelto da Libera per quest'anno: "Luoghi di speranza, testimoni di bellezza".

Nell'ultimo periodo l'Unione degli Studenti Barletta in collaborazione con il presidio di Libera Barletta sta lavorando per portare all'attenzione delle scuole e della cittadinanza il tema dell'antimafia, promuovendo il profondo senso di questa manifestazione, che assume un'importanza particolare in una regione, come la puglia, in cui le mafie, ormai ben radicate, sfruttano il nostro territorio e lo controllano, trafficando droga, opprimendo e sfruttando disumanamente i lavoratori e i migranti nelle nostre campagne e lì sversando rifiuti tossici . Per quanto in questi anni si è tentato di sconfiggere le mafie, con inchieste giudiziarie e operazioni delle forze dell'ordine, non possiamo non rilevare come preoccupante l'incendio di un paio di giorni fa appiccato al Million Cafè in Via Minervino, le sparatorie in pieno giorno a Trani e i rischi di un ritorno al pizzo e all'usura, elementi che ci danno il segno di un ritorno pressante dell'organizzazione mafiosa nei nostri territori.

È per questo che il 21 marzo scenderemo in piazza a Bari, perché crediamo che solamente attraverso i saperi liberi e la loro circolazione è possibile fermare la forte crescita dei fenomeni mafiosi e sradicare dal nostro territorio ogni forma di mafia. È necessario partire dalle nostre città e dai luoghi in cui la crisi ha colpito di più per abbattere la cultura mafiosa, che proprio in questi spazi trova terreno fertile. Saremo ribelli e costruiremo una carovana dei saperi contro tutte le mafie, e invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare. Per stimolare la cittadinanza alla partecipazione, si organizza un pullman per il corteo regionale di Bari, che partirà dallo stadio della Vittoria, luogo di sbarco della Vlora, per poi concludersi in centro città.
  • Movimento studentesco
  • Libera
Altri contenuti a tema
1 Mobilitazione nazionale, gli studenti di Barletta scendono in piazza Mobilitazione nazionale, gli studenti di Barletta scendono in piazza Oggi la manifestazione per il diritto allo studio e per un codice etico nell'edilizia scolastica
Libera Barletta, due incontri per dire no alle mafie Libera Barletta, due incontri per dire no alle mafie Anche a Barletta arriva l'iniziativa "Addiopizzo"
Riscaldamento a scuola, gli studenti del "Cafiero" a colloquio col sindaco Cascella Riscaldamento a scuola, gli studenti del "Cafiero" a colloquio col sindaco Cascella «Occorre far fronte alle persistenti difficoltà, senza interrompere le attività didattiche»
Blocco Studentesco: flop dell'alternanza scuola-lavoro Blocco Studentesco: flop dell'alternanza scuola-lavoro Protesta in atto anche a Barletta
Tutti a scuola con il freddo, studenti di Barletta in rivolta Tutti a scuola con il freddo, studenti di Barletta in rivolta Accese le polemiche sui social, tanti gli interventi a mezzo stampa
500 studenti barlettani in piazza per dire "no" 500 studenti barlettani in piazza per dire "no" Ieri la mobilitazione studentesca: «Facciamo sentire la nostra voce»
Unione degli Studenti: «Vergognoso propugnare ideali di odio e violenza» Unione degli Studenti: «Vergognoso propugnare ideali di odio e violenza» «Manifestazione organizzata da associazioni studentesche di stampo neofascista»
Gioventù Nazionale: «Noi pacifici e apolitici, loro con la bandiera rossa» Gioventù Nazionale: «Noi pacifici e apolitici, loro con la bandiera rossa» «Violenza verbale, perché siamo stati apostrofati come "individui pericolosi"?»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.