Immigrazione
Immigrazione
Territorio

Il mondo arabo fra grammatica e cultura

Corso di lingua araba organizzato dal Centro Studi Normanno-Svevi di Bari. Previste 10 borse di studio per i barlettani che aderiranno

Un'opportunità per conoscere non solo la lingua e la grammatica di un popolo lontano dal nostro, ma anche per sconfiggere un atavico pregiudizio nei confronti di una cultura ricca e preziosa di pari dignità al mondo europeo. Con questi presupposti sono state progettate una serie di lezioni per conoscere il mondo arabo, dall'alfabeto alla letteratura, dalle nozioni di grammatica ad approfondimenti sul versante religioso, organizzato e fortemente voluto dal Centro Studi Normanno-Svevi di Bari, in collaborazione con il Comune di Bari, il Comune di Barletta e la facoltà di Lingue dell'Università degli Studi di Bari. In particolar modo, il Comune di Barletta ha messo a disposizione 10 borse di studio per i barlettani che vorranno aderire all'iniziativa. Per tutti gli altri il costo di iscrizione corrisponde a 50 euro, per una durata complessiva di 60 ore che si svolgeranno da inizio febbraio presso le aule della Facoltà di Lingue. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato ai partecipanti, mentre gli studenti universitari avranno modo di ricevere crediti formativi.

Le lezioni forniranno un'infarinatura di base di lingua, non abbastanza per poter parlare fluentemente arabo, ma necessarie per leggerlo e comprenderlo: durante il corso verranno letti stralci di poesie, testi in lingua, supportati dalla lettura in traduzione di interi brani, per approfondire la conoscenza teorica della letteratura e della storia della civiltà arabo-islamica, con un particolare riferimento ai rapporti fra mondo arabo e la nostra regione.

Un'opportunità che il Centro Studi Normanno-Svevi di Bari ha fortemente propugnato per coinvolgere una fascia di possibili interessati che non si limiti ai soli studenti dell'università, ma che possa stimolare l'interesse di comuni cittadini di qualsiasi età: anzi, sarebbe auspicabile una viva partecipazione da parte di quelle categorie – forze dell'ordine, insegnanti, ecc. – che più di altri per il loro mestiere sono fisicamente a contatto con cittadini di origine araba. Così il corso sarebbe un incentivo a prevenire scortesi disparità, a scardinare falsi pregiudizi, ad avvicinare la mentalità di un comune cittadino pugliese al mondo culturale spesso discriminato dell'arabo.
  • Corsi
  • Immigrazione
Altri contenuti a tema
37 Progetto "S.PR.INT": potenziare il sistema di governance dell'immigrazione sul territorio Progetto "S.PR.INT": potenziare il sistema di governance dell'immigrazione sul territorio Verrà attivato un Polo Sociale per l'inclusione
Equofront, il comune di Barletta lancia il servizio civile universale Equofront, il comune di Barletta lancia il servizio civile universale Quattro volontari selezionati forniranno supporto e risposte agli immigrati
"Romanzo Caporale", Gagliani racconta a Barletta le catene del migrante "Romanzo Caporale", Gagliani racconta a Barletta le catene del migrante La morte dei dodici braccianti e migranti, avvenuta nelle campagne del foggiano, ha ispirato il libro sul caporalato pugliese
Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Appuntamento giovedì prossimo nell'antiteatro dei Giardini del Castello
Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Contro il decreto sicurezza la posizione di gruppi e associazioni di Barletta Si allarga l’adesione al coordinamento per i diritti umani
4 No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat No al decreto sicurezza di Matteo Salvini nella Bat Dalla sede della Cgil Bat l'appello ai sindaci: «Rispettate la Costituzione»
5 Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta Decreto sicurezza: l'appello della Comunità Oasi2, gestore SPRAR di Barletta «L’applicazione pedissequa del decreto rischia di danneggiare decine e decine di persone»
No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani No al “Decreto sicurezza”, nella Bat nasce un coordinamento per i diritti umani Oggi ad Andria la presentazione del documento-appello
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.