Scuola e Lavoro

Il "Garrone" di Barletta e il "Colasanto" di Andria chiedono. Solo Andria ottiene.

L'ufficio scolastico regionale opera una scelta poco comprensibile. «Stessi istituti, stessi criteri, risposte diverse»

«Gli istituti professionali "Garrone" di Barletta e "Colasanto" di Andria, hanno chiesto l'attivazione di una sezione di liceo artistico per la grafica per il 2011 - 2012. La provincia è d'accordo, l'ufficio scolastico regionale solo in parte: ad Andria dice sì, a Barletta nega l'assenso». Questo l'inizio della nota che il consigliere Franco Pastore ha inteso inviare alla nostra redazione in merito a quello che pensiamo essere un vero e proprio metodo di "due pesi e due misure", conosciamo bene l'impegno e la didattica di una scuola come il nostro "Garrone", vivace e ben collocato sul territorio. Cosa mai potrebbe ingenerare un scelta del genere, francamente poco comprensibile?

«Eppure gli istituti sono i medesimi, le domande e i criteri pure e il parere della provincia lo stesso. La motivazione è che esiste già un tale indirizzo di studi ad Andria. E io allora mi chiedo, e non sarebbe lo stesso invertendo le cose? Qual è il principio vero della scelta, del discrimine? Tutto quanto riguarda la scuola già diventa ogni girono che passa un rebus, con regole che cambiano, scuole e indirizzi che esistono a intermittenza, poi cambiano nome, un po' anche sostanza, maestri più o meno unici, in un precariato assoluto, in tutto e per tutto, poi a demolirla ci si mette pure la burocrazia e i pareri di chi, da Bari, fa i conti solo con i numeri, i parametri o chissà che altro. Come consigliere regionale e cittadino vorrei avere una risposta, vorrei che dall'assessorato regionale all'istruzione, che detiene il mandato politico e non burocratico, si spieghi il motivo di tale discrimine, a me e ai ragazzi che frequentano il "Garrone" di Barletta (le ore di grafica andranno a farle ad Andria da ora in poi?), agli insegnanti del "Garrone" che fanno i conti con un monte ore smagrito da chi, dal governo centrale a Bari, non sa di cosa parla e su cosa decide».

«A riprova della schizofrenia delle politiche legate alla scuola sul nostro territorio, del fatto che, da una parte si toglie quello che c'è e dall'altra si clona inutilmente l'esistente, vi è la vicenda dell'istituto alberghiero a Trani. Pare che tutti lo vogliano, il comune che l'ha proposto, la provincia che ha accolto la proposta, l'ufficio scolastico regionale. Tutti tranne Margherita di Savoia. E se legittima è la volontà di Trani, altrettanto lo è quella del comune ofantino. Un istituto alberghiero nel centro termale esiste infatti dal 1998, conta circa 900 studenti, la metà dei quali provengono dai capoluoghi, Barletta, Andria e Trani. Se si dovesse dimezzare l'utenza di quell'istituto cosa accadrebbe? Si tratta di una scuola che bene si inserisce nel contesto economico – produttivo cittadino che vive di turismo, grazie al mare, alle terme e alla zona umida delle saline. Senza pensare poi alla necessità di riequilibrare l'offerta formativa sul territorio, prevedendo eventuali integrazioni ed evitando interferenze e sovrapposizioni. Bisogna evitare che una scelta che dovrebbe essere dettata solo dall'opportunità reale di essere compiuta, diventi motivo di dissidi, fra città e fra enti a discapito dei fruitori dell'istituto, gli studenti, che godono di servizi e di una offerta formativa eccellenti, e dei lavoratori, che sarebbero trasferiti».
  • Andria
  • Regione Puglia
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Covid in Puglia, oltre 8600 decessi dall'inizio dell'emergenza Prosegue l'aumento degli attualmente positivi e dei ricoverati
Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Covid in Puglia, boom di ricoverati nelle ultime ore Attualmente positivi sempre in aumento
Covid in Puglia, sale la curva dei contagi Covid in Puglia, sale la curva dei contagi Attualmente positivi vicini nuovamente a superare quota 25 mila
Covid in Puglia, oltre il 20% di positività nelle ultime ore Covid in Puglia, oltre il 20% di positività nelle ultime ore Sale il numero degli attualmente contagiati ma resta inferiore a 25 mila
L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici Le domande per i progetti scadranno il 5 settembre 2022
Covid in Puglia, lieve calo dei ricoverati Covid in Puglia, lieve calo dei ricoverati 2 i decessi registrati nelle ultime ore
Attualmente positivi al Covid in Puglia, leggero rialzo Attualmente positivi al Covid in Puglia, leggero rialzo Scende a 13 il numero dei pazienti in terapia intensiva
Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia Vaiolo delle scimmie, accertato il primo caso in Puglia Il 36enne si era rivolto al Policlinico per delle lesioni sospette
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.