Gatto abbandonato
Gatto abbandonato
Cronaca

Gattini ritrovati in un sacco della spazzatura a Barletta: «Salvati da morte certa»

Massimiliano Vaccariello (ENPA-Barletta): «Sono i volontari a dover intervenire, sostituendosi alle istituzioni locali?»

Elezioni Regionali 2020
«Ascoltare la voce disperata e incazzata di una volontaria che ti chiama per segnalarti l'ennesimo ritrovamento sospetto di cuccioli è un inizio di giornata che non auguro a nessuno; soprattutto se la segnalazione è accompagnata da un video che ti fa immaginare quello che sarebbe potuto succedere a quei cuccioli se non fossero stati strappati via da un sacco della spazzatura e salvati da morte certa». Inizia così il racconto di Massimiliano Vaccariello, referente ENPA Barletta, sul ritrovamento di tre cuccioli di gatto in un sacco della spazzatura, nei pressi del castello di Barletta.«È vero, anche questa, non è che un'altra delle tante giornate che i volontari di ENPA Barletta (e non solo) si ritrovano a dover affrontare, ma è impossibile farci l'abitudine. Oggi è capitato che a dover essere salvati siano stati tre cuccioli di gatto che per chissà quale assurdo fato, o semplicemente per quale crudele mano, erano finiti in un sacco della spazzatura. Per fortuna, questa volta, i cuccioli sono stati rinvenuti prima che il sacco dell'indifferenziata finisse in discarica. Mai termine fu più calzante all'accaduto quanto quello "indifferenziata"; si perché il timore è che anche questa vicenda sia frutto non solo dell'indifferenza nei confronti della vita, ma anche dell'indifferenza nei confronti di chi dedica buona parte del proprio tempo alla propria città e al proprio territorio, i volontari».

Dettagliato, il resoconto che Vaccariello fa della vicenda: «Alle ore 11,00 circa, la Vice Presidente e volontaria della Sezione di Barletta dell'ENPA, Annarita Distaso, riceve (come accade frequentemente) l'ennesima telefonata dal Comando di Polizia Locale che chiede il suo intervento per dei cuccioli di gatto apparentemente abbandonati nei pressi del Castello Svevo di Barletta. Alla richiesta di intervento segue l'invio di un numero di telefono che le viene indicato come quello del segnalante».

«Dopo pochi minuti - prosegue Vaccariello - Annarita si reca, assieme ad altri volontari (Ciccio e Marisa), presso il Castello e riesce a mettersi in contatto con alcuni operatori ecologici che poi le riferiscono che il ritrovamento dei predetti cuccioli era avvenuto il giorno prima, nel corso delle operazioni di svuotamento dei cestini dell'immondizia ubicati all'interno del Castello Svevo, e che dopo il ritrovamento i cuccioli erano stati posizionati in una cuccia per randagi ivi presente. Quindi i volontari chiedevano di accedere al Castello Svevo di Barletta per poter verificare l'eventuale presenza della mamma gatta e chiedere ad un responsabile se l'area fosse videosorvegliata; tuttavia, agli stessi volontari veniva negato ogni tipo di collaborazione e persino l'accesso per il recupero dei cuccioli che veniva prelevati e consegnati agli stessi volontari "bloccati" all'entrata del castello. Infine, gli stessi volontari, non volendo lasciare i cuccioli privi di alcuna assistenza sul posto, li prendevano in custodia per sincerarsi delle loro condizioni di salute».

«Dalla vicenda, ma più in generale anche da quanto accade ormai da tempo in questa città, non possono che emergere alcuni dubbi/quesiti. Sono i volontari a dover intervenire, sostituendosi alle istituzioni locali, quando un cittadino segnala cucciolate in pericolo o abbandonate!?! Non è controproducente fare ostruzionismo a quei volontari che, gratuitamente e nell'esercizio delle attività statutarie dell'associazione di appartenenza, nonché "togliendo le castagne dal fuoco" alle amministrazioni locali, erogano un servizio che, oltre ad essere meritorio perché consente di salvaguardare il benessere di esseri viventi, è anche un servizio di utilità pubblica!?!».

«Tornando ai fatti di quest'oggi, ritengo che sia importante rendere pubblico ciò con cui i volontari, molto spesso, hanno a che fare; non solo affinché i cittadini ne siano a conoscenza, ma anche nella speranza che chi di competenza (e di dovere) si faccia promotore di approfondimenti su quanto accaduto (anche verificando i fatti tramite il personale dipendente che lavora nel Castello Svevo ed eventuali sistemi di sorveglianza). Infatti, sarebbe opportuno, oltre che doveroso, capire come sono finiti quei cuccioli in fondo ad un sacco della spazzatura ubicato all'interno di un bene culturale del nostro comune».

«Per il momento sia io che i volontari di ENPA Barletta abbiamo solo domande, ma speriamo che arrivino anche le risposte e che siano esaustive!!! Naturalmente, anche eventuali cittadini che avessero notato qualcosa che possa essere utile ad aver più chiaro quanto accaduto sono invitati a farsi avanti. Grazie ENPA Barletta e grazie a chi vorrà darci delle risposte».
  • Animali
Altri contenuti a tema
Rifugio comunale di Barletta, l'annuncio di Mennea: «Riapre la struttura» Rifugio comunale di Barletta, l'annuncio di Mennea: «Riapre la struttura» «Presto saranno comunicati giorni e fasce orario non solo per i volontari ma anche per gli adottanti»
Rifugio comunale di Barletta, Mennea: «Non possiamo lasciarli soli» Rifugio comunale di Barletta, Mennea: «Non possiamo lasciarli soli» «Gli animali possono rappresentare per l’uomo un supporto psicologico, soprattutto in questo momento contrassegnato da un forzato isolamento sociale»
10 Luna cerca casa, trovato a Barletta un cucciolo di sette mesi Luna cerca casa, trovato a Barletta un cucciolo di sette mesi Il cane è stato probabilmente abbandonato
Investito ad Andria, ora Ken attende adozione a Barletta: «Merita una famiglia» Investito ad Andria, ora Ken attende adozione a Barletta: «Merita una famiglia» A lanciare l'appello è stato il presidente dell’associazione ENPA di Barletta
Tutela animali e convivenza con i cittadini: depositata la bozza del regolamento Tutela animali e convivenza con i cittadini: depositata la bozza del regolamento Chiunque abbia interesse può prenderne visione e produrre osservazioni in merito
Senso civico e amore per Barletta, due iniziative dell'ENPA Senso civico e amore per Barletta, due iniziative dell'ENPA Ecco un vademecum per chi vuole adottare un cane in collaborazione con Bar.S.A.
Smarriti due cuccioli inseparabili in zona Barberini Smarriti due cuccioli inseparabili in zona Barberini «Non si sono mai allontanati da casa»
Trovato cane smarrito in via Canosa a Barletta Trovato cane smarrito in via Canosa a Barletta Si cercano informazioni per restituirlo al proprietario
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.