Lavoratori in piazza
Lavoratori in piazza
Scuola e Lavoro

Economia allo stremo, il grido di aiuto da Barletta: «Noi la crisi non la paghiamo»

«Nessuno si salva da solo» scandiscono i lavoratori rinnovando il loro grido d’aiuto al Governo centrale

Ristori certi e rapidi per consentire a chi ha dovuto abbassare le saracinesche, a causa dell'emergenza sanitaria, di sopravvivere ad una seconda e ugualmente feroce emergenza. Quella economica.

È quanto chiedono anche i lavoratori di Barletta, da ieri in zona arancione insieme al resto della regione Puglia, che questa mattina sono scesi in piazza "Aldo Moro". «Nessuno si salva da solo» scandiscono, rinnovando il loro grido d'aiuto al Governo centrale che pure, ha annunciato ieri, si dice pronto a ristorare le categorie più colpite già dalla prossima settimana.
Social Video4 minutiI lavoratori di Barletta chiedono ristori al GovernoCosimo Giuseppe Pastore
«Vogliamo sottolineare le contraddizioni del Dpcm che massacra ancora una volte le categorie che già sono in ginocchio – dice Antonio Quarto (A.P.E. Barletta) – Chiediamo che i ristori siano corposi, importanti e soprattutto puntali perché ci sono ancora dipendenti che aspettano la cassa integrazione da marzo».

Non solo ristorazione. A chiudere, ancora una volta, è l'intero settore della cultura e dello spettacolo. La riapertura estiva del sipario, infatti, è stata solo la parentesi di una ripresa sempre più distante per i lavoratori del comparto. «Quella che è stata solo una falsa ripartenza – osserva Michela Diviccaro in rappresentanza della categoria – adesso ha subito un ennesimo arresto e noi chiediamo che si mettano a parte tutti i fondi previsti dalla cultura e ci si inventi un piano di sostegno fino a dicembre 2021».

Nella medesima situazione si trova lo sport e con esso le palestre che, ribadisce Antonio Lisi, rappresentano anche un presidio medico indispensabile per la salute degli iscritti: «Chiediamo sussidi concreti perché noi abbiamo riaperto a giugno cioè quando la gente non va in palestra, ma al mare. Quindi è come se fossimo stati chiusi da marzo ad agosto, lavorando un po' solo a settembre ed ottobre. Un'attività che lavora solo 3 mesi su 12 è destinata a chiudere».

Ad unirsi alle richieste anche le strutture ricettive, formalmente aperte, ma di fatto vuote a causa delle chiusure. «La nostra categoria che risulta aperta è come se fosse chiusa come le altre attività – la constatazione di Raffaele Rizzi (Barletta Ricettiva) – Abbiamo bisogno di sostenere almeno le spese basilari nelle nostre strutture perché le spese ci sono comunque anche se la gente non arriva».
  • Lavoro
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1429 contenuti
Altri contenuti a tema
Variante inglese Covid-19, 47,5% nella rilevazione in Puglia Variante inglese Covid-19, 47,5% nella rilevazione in Puglia Non sono state individuate né la variante “brasiliana”, né la variante “sudafricana
La Puglia resta gialla, l'indice Rt rimane sotto 1 La Puglia resta gialla, l'indice Rt rimane sotto 1 Nella settimana dal 17-23 febbraio +3,9% casi totali contro 4,6% settimana scorsa
Covid, oltre mille casi in più nelle ultime 24 ore Covid, oltre mille casi in più nelle ultime 24 ore Sono 75 i nuovi residenti della Bat positivi
Domani e domenica si conclude la vaccinazione del personale scolastico di Barletta Domani e domenica si conclude la vaccinazione del personale scolastico di Barletta Ecco il calendario con le scuole convocate sabato 27 e domenica 28 febbraio in diverse fasce orarie
La Puglia tornerà arancione? Decisione in bilico La Puglia tornerà arancione? Decisione in bilico Oggi si discute sulla bozza del nuovo DPCM
Covid, Lopalco: «Entro fine marzo saranno vaccinati 170mila over 80 pugliesi» Covid, Lopalco: «Entro fine marzo saranno vaccinati 170mila over 80 pugliesi» L'assessore alla sanità pugliese assicura di concludere la campagna vaccinale per i prenotati alle somministrazioni
Emiliano al Governo: «Se vogliamo la scuola in presenza dobbiamo vaccinarla» Emiliano al Governo: «Se vogliamo la scuola in presenza dobbiamo vaccinarla» «Nel giro di 20 giorni al massimo, se ci impegniamo, potremmo vaccinare tutto il personale della scuola»
Più di mille nuovi contagi da Covid-19 oggi in Puglia Più di mille nuovi contagi da Covid-19 oggi in Puglia Sono 78 quelli registrati nella provincia Bat
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.