Digithon
Digithon
La città

DigithON 2018, Barletta arriva in finale con il progetto "Artctory"

L'obiettivo di Cinzia, Gioacchino e Luigi è valorizzare le piccole botteghe artigiane e i vecchi mestieri che stanno scomparendo

Sono oltre 200 le proposte arrivate da tutta l'Italia per la terza edizione del DigithON 2018. 100 le start-up finaliste che si contenderanno il premio di diecimila euro e fra esse vi è l'idea realizzata dai barlettani Cinzia Pastore, Gioacchino Doronzo, Luigi Damato con il progetto Artctory.

L'evento del DigithON si configura quale valido trampolino di lancio per nuovi progetti digitali che desiderano emergere e dunque collocarsi nel settore. Un meccanismo, quello della competizione, che valica il processo di selezione per il finanziamento in quanto le idee sono valutate direttamente dai comitati di investimento. Saranno quest'ultimi, insieme alle votazioni del pubblico della rete, a decretare i vincitori della nuova edizione che si terrà a Bisceglie presso la struttura delle Vecchie Segherie Mastrototaro da domani a domenica 9 settembre.

Ma scopriamo il progetto dei nostri concittadini. Il team è composto da tre amici, Cinzia Pastore, Gioacchino Doronzo e Luigi Damato appassionati del mondo digitale, con esperienze di studio e lavoro diverse che vanno dal commerciale all'informatica. Desiderosi di mettere a disposizione del nostro territorio le proprie competenze, quest'anno decidono di iscriversi al DigithON. Realizzano Artctory: una start-up il cui obiettivo è valorizzare le piccole botteghe artigiane e quei vecchi mestieri che piano piano stanno scomparendo. Si tratta di una piattaforma e-commerce, supportata da CONFARTIGIANATO, specializzata nella vendita e promozione di prodotti artigianali, interamente realizzati a mano all'interno di botteghe tradizionali presenti sul territorio italiano.

«Attraverso la nostra piattaforma – afferma il team barlettano - vogliamo dare visibilità alle piccole realtà imprenditoriali, al territorio di provenienza, alla ricchezza dei materiali utilizzati e alla singolarità dei prodotti, data dalla maestria espressa nella realizzazione. Per noi è stato determinante l'incontro con una artigiana di Locorotondo che, pur non essendo molto nota a livello locale, ha stregato il pubblico giapponese con la sua arte del ricamo, tanto da finire in prima pagina sulle più note riviste di arredamento nipponiche. Crediamo che di storie come queste ce ne siano tante, e meritino di essere raccontate».

Da venerdì 7 potrete votare gratuitamente la start-up Artctory. Occorre solo registrarsi sul sito: www.digithon.it e cliccare su: https://www.digithon.it/startups/artctory. Valorizziamo il nostro territorio puntando sui nostri giovani talenti.
  • Lavoro
  • Settore giovanile
Altri contenuti a tema
Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare La storia di un ritorno e di un nuovo progetto di vita
PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione La cerimonia al Castello di Barletta questa mattina
Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Vogliamo raccogliere le storie delle donne della nostra terra
Il nuovo assegno per il nucleo familiare in vigore dal primo luglio Il nuovo assegno per il nucleo familiare in vigore dal primo luglio I chiarimenti dell'esperto Giovanni Assi su un tema che in queste ore sta interessando milioni di italiani
McDonald's assume 14 persone per la sede di Barletta McDonald's assume 14 persone per la sede di Barletta L'azienda ha predisposto l'assunzione di 2.000 nuovi addetti in tutt'Italia
Agenzia Generali di Barletta e Trani offre lavoro Agenzia Generali di Barletta e Trani offre lavoro Partner di vita: l’agenzia è attiva sul territorio dal 1958
Ristori per ambulanti anche senza DURC: erogazioni da luglio Ristori per ambulanti anche senza DURC: erogazioni da luglio Caracciolo: «Un intervento rapido e preciso, una risposta concreta ai bisogni della categoria»
Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» La nota di Mario Landriscina, direttore Confesercenti Bat
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.