Sparo
Sparo
Cronaca

Condannato all’ergastolo Massimo Sileno: trucidò Luigi Corvasce nel 2003

A dodici anni di distanza si è giunti alla sentenza di primo grado

E' stato arrestato, con l'accusa di omicidio, l'assassino di Luigi Corvasce, freddato il 29 aprile 2003 nonostante avesse tentato di fuggire rifugiandosi in un barbiere della zona. "Gino Karatè" non ebbe scampo, era questo il soprannome dell'uomo che pare fosse un fedele affiliato del clan Cannito e che fosse stato coinvolto nel duplice omicidio di via Baccarini del 1991. Nel momento del suo assassinio, il Corvasce era libero già da due anni, mentre sottostava agli obblighi della sorveglianza speciale.

Le indagini furono condotte all'epoca dal Nucleo operativo della Compagnia di Barletta, con l'investigazione di Saverio Santoniccolo. Pare che sin dall'inizio si pensò che l'omicidio fosse in qualche modo collegato alle faide tra clan mafiosi barlettani, essendo il Corvasce, inizialmente uomo di punta del clan Cannito, passato da qualche tempo nelle milizie di Savino Filannino, boss che tradendo i Cannito aveva costituito un clan a parte. Lo scorso ottobre è giunta la sentenza del giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Bari, Sergio Di Paola, con la condanna a dieci anni e sei mesi, del collaboratore di giustizia Geremia Curiello, 37enne barlettano, ritenuto il mandante dell'omicidio. Furono assolti dall'accusa di omicidio premeditato, lo scorso ottobre, per insufficienza di prove, Saverio Pellizzeri 35enne e Filippo Tatò 36enne, entrambi barlettani seppure fossero stati tirati in ballo dal pentito. La Procura Distrettuale Antimafia aveva chiesto la condanna di entrambi: 30 anni di carcere la pena chiesta per Tatò, 18 per Pellizzieri. Mentre era stato inviato a giudizio davanti alla Corte d'Assise di Trani un quarto imputato: Massimo Sileno, oggi 43enne. I quattro imputati, sono stati tutti ritenuti appartenenti al clan barlettano Cannito-Lattanzio. La Procura Antimafia barese sostenne che l'ordine alla sparatoria fosse stato impartito da Pellizzieri dal balcone della propria abitazione, mentre all'esecuzione materiale avrebbero provveduto Tatò, alla guida di una Vespa, e Sileno, armato di pistola calibro 9.

E' stato infatti condannato all'ergastolo con isolamento diurno di un anno, Massimo Sileno, 43enne, originario di Venosa, riconosciuto a tutti gli effetti colpevole dell'omicidio di Luigi Corvasce nella sentenza di primo grado. Quanto disposto dalla sentenza esemplare, lo scorso 27 febbraio, è stato riportato da Giulia Pavese, presidente della Corte d'Assise del Tribunale di Trani, con giudice a latere Lorenzo Gataleta. L'imputato, sotto la difesa dell'avvocato Vito Barbuzzi, è stato inoltre condannato al pagamento di spese processuali e di mantenimento in carcere, interdetto in perpetuo dai pubblici uffici e in interdizione legale durante l'esecuzione della pena.
  • Omicidio
  • Barletta
  • ergastolo
Altri contenuti a tema
Arrestato dai Carabinieri di Barletta il killer di Piazza Marina Arrestato dai Carabinieri di Barletta il killer di Piazza Marina L'uomo è ritenuto responsabile dell'omicidio premeditato avvenuto il 3 luglio 2016
19 Barletta regina del sabato Rai: ne parlano “Easy Driver” e “Sereno Variabile” Barletta regina del sabato Rai: ne parlano “Easy Driver” e “Sereno Variabile” La città della Disfida al centro dei programmi di viaggio più seguiti: disponibili su Rai Play
5 Furto ai bancomat e tentato omicidio, catturato a Barletta Furto ai bancomat e tentato omicidio, catturato a Barletta Il giovane è risultato destinatario di un ordine di cattura emesso dalle autorità tedesche
R-Evolution Summer Festival 2017, Barletta è pronta R-Evolution Summer Festival 2017, Barletta è pronta Appuntamento dal 12 al 16 luglio: il programma
Nove arresti in un solo giorno: omicidio Pellizzieri e caporalato Nove arresti in un solo giorno: omicidio Pellizzieri e caporalato La prefettura elogia le Forze dell'ordine per le azioni di contrasto
Omicidio Pellizzieri a Largo san Nicola, arrestati presunti mandanti, complici, esecutori Omicidio Pellizzieri a Largo san Nicola, arrestati presunti mandanti, complici, esecutori L'efferato gesto avvenne nell'ottobre 2012
1 Tre borse di studio per la storia di Barletta Tre borse di studio per la storia di Barletta Rivera Magos: «Recuperare parti dimenticate di memoria storica»
A Barletta sorgerà una "cittadella" della musica concentrazionaria A Barletta sorgerà una "cittadella" della musica concentrazionaria Dall’idea di Francesco Lotoro, nel cuore dell’ex Distilleria
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.