Cementeria
Cementeria
Cronaca

Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti

Il Tribunale di Trani ha assolto anche i nove imputati che non optarono per il rito abbreviato

Si è concluso presso il Tribunale di Trani il processo sul presunto disastro ambientale attribuito alla cementeria Buzzi Unicem di Barletta. I nove imputati sono stati assolti "perché il fatto non sussiste".

Diverse settimane fa, a conclusione del giudizio abbreviato, il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Trani Morelli ha assolto otto imputati tra dirigenti e funzionari. I restanti nove imputati hanno atteso la sentenza dell'8 ottobre, poiché non optarono per il rito abbreviato.

L'inchiesta è stata avviata in quanto ci sarebbero state "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti superiori al limite di legge prevista nell'ambito della tipologia dei rifiuti, trattandosi di un impianto ubicato nei 200 metri da insediamenti residenziali, con esposizione della popolazione al rischio d'inalazione di fattori inquinanti dannosi alla salute". A vario titolo e a seconda delle rispettive presunte responsabilità dei 17 imputati (tra i due procedimenti) il pm Savasta mosse le accuse di "delitto colposo di danno, delitti colposi contro l'ambiente, falso ideologico, abuso d'ufficio e violazione della normativa in tema ambientale sancita dal Decreto Legislativo n.152/2006".

A seguito delle indagini, il Tribunale di Trani ha dichiarato lunedì scorso la completa assoluzione dei seguenti indagati "per non aver commesso il fatto": Silvio Picca e Pietro Buzzi, amministratori della Buzzi Unicem di Casale Monferrato (Torino); Giuseppe Angelo Dalena legale rappresentante della srl Dalena Ecologia, Ruggiero Rosario Bruno legale rappresentante della TRA.SMA.R sas, l'architetto Pasquale Antonio Casieri, l'ingegner Giancarlo Chiaia e Giampaolo Sechi, membri del Comitato Tecnico della Provincia Bat, Giuseppe Tedeschi e Paolo Francesco Garofoli dirigenti della Regione Puglia.

A settembre furono assolti l'ingegner Giuseppe Gravina, il dott. Roberto Giua, Salvatore Ficocelli, Massimiliano Maurelli, Carmelo Capoccia, il dott Francesco Contento, il geologo Andrea Salvemini, la dott.ssa Francesca Seccia.
  • Cementeria
Altri contenuti a tema
Biomonitoraggio a Barletta: «Sono preoccupato come padre e medico» Biomonitoraggio a Barletta: «Sono preoccupato come padre e medico» La dichiarazione del dottor Antonio Zagaria in vista della manifestazione del 30 luglio
99 Biomonitoraggio a Barletta, Buzzi Unicem: «Confermate le carenze dello studio» Biomonitoraggio a Barletta, Buzzi Unicem: «Confermate le carenze dello studio» La nota dell'azienda dopo l'incontro sullo studio condotto in città
Biomonitoraggio a Barletta, Buzzi Unicem: «Evidenti carenze nello studio» Biomonitoraggio a Barletta, Buzzi Unicem: «Evidenti carenze nello studio» La nota dell'azienda: «Si rilevano evidenti carenze in grado di viziare lo studio in oggetto»
2 Incendio alla Buzzi Unicem, Cianci: «Salute di Barletta questione pubblica» Incendio alla Buzzi Unicem, Cianci: «Salute di Barletta questione pubblica» La lettera al direttore della Buzzi Unicem
Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria I mezzi pesanti diretti dal porto alla Buzzi Unicem utilizzeranno l’ex cunicolo ferroviario di viale Regina Elena
4 Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre
3 Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta «Speriamo che in questo enorme spazio possano sorgere percorsi e viali alberati»
Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati La sentenza sarà pronunciata il 18 settembre
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.