Crollo in via Roma, i vigili del fuoco
Crollo in via Roma, i vigili del fuoco
Cronaca

Celeri i soccorsi in occasione del crollo

Intervista al dott. Cannito primario del pronto soccorso di Barletta. «Le stesse forze dell'ordine hanno partecipato col cuore»

Il numero dei feriti e in quali condizioni sono attualmente.
Abbiamo avuto sette ricoverati di cui due sono stati estratti dalle macerie, mentre gli altri cinque sono venuti qui per ferite banali, considerata la situazione emotiva del momento, ma non perché ci fossero motivi sanitari più preoccupanti. Per le due donne estratte dalle macerie la prognosi non è negativa.

Lei ha gestito le operazioni di pronto soccorso, eravamo attrezzati per un emergenza come questa?
Attrezzati sì. Purtroppo la sanità in questo caso è ancillare alla protezione civile, per cui fa d'ausilio alle forze dell'ordine.

Il loro intervento è stato tempestivo?
La protezione civile non è fatta dai vigili del fuoco bensì è fatta dai cittadini che partecipano; ci sono interventi più specialistici, più appropriati da parte dei vigili del fuoco. Non si può pretendere - da me che faccio il medico - che io svolga attività di protezione civile, per esempio i vigili del fuoco erano dotati di telecamera e sono stati eccezionali perché nell'ambito del loro corpo c'è una specializzazione di speleologi che sono stati quelli che hanno individuato la signora Fasanella. Uno dei grossi problemi che ho trovato, una critica, sottolineando che sono eventi che non capitano tutti i giorn, è che temevo che gli operatori della protezione civile non fossero in sicurezza. Temevo infatti che il costone del palazzo potesse venire giù, cosa che per fotuna non è avvenuta, ma quelle paure gli uomini non le avevano perché avevano fatto delle prove di staticità buttando giù dei massi su questo costone, per cui era stabile e potevano lavorare.

Quindi siamo stati efficienti?
Siamo stati efficienti, ma disorganizzati perché non si può in una situazione del genere arrivare ad avere 750 mila ambulanze. Io ho perso del tempo a bisticciare per far ritornare indietro alcune delle ambulanze che non erano necessarie. L'altra cosa che mi è dispiaciuta è stata un certo protagonismo e concorrenza tra le diverse associazioni di volontariato perché, causa un desiderio di visibilità, hanno cannibalizzato l'evento. I media invece si sono comportati bene. Coloro che non si sono comportati bene si volevano intrufolare anche quando non era necessario. Se l'avete notato, tutti i grandi mezzi non sono serviti a niente.

Le informazioni di cui è in possesso, i referti medici, riferiscono qualcosa rispetto alle condizioni di sicurezza dello stabile? Può già dirci qualcosa?
No, noi guardiamo il malato, non quello che ci dicono. Certo raccogliamo gli stati d'animo: "L'avevamo detto, avevamo già sollecitato l'intervento". Poi i parenti che accompagnavano i pazienti... pieni di rabbia. E in quel momento bisogna dire che la rabbia è giustificata. Anche se sarà poi compito della magistratura chiarire responsabilità.

Ci sono oggi delle emergenze rispetto alle quali la popolazione civile può essere d'aiuto (donazioni di sangue ecc.)?
No, per quanto riguarda il sangue, mi riferisce il dottor Peres, non abbiamo emergenze. C'è un bel gruppo di donatori. C'è una parte della società che ha una grande responsabilità perché si dispone alla solidarietà. Le stesse forze dell'ordine hanno partecipato col cuore. I carabinieri erano bianchi, non neri. I poliziotti erano affaticatissimi. Non so se fa parte dell'essere meridionali questa componente di partecipazione, solidarietà umana.

È intervenuto il medico legale? È già possibile individuare profili penali?
Le vittime sono state identificate dai parenti. Dopo il riconoscimento è stata fatta una constatazione di decesso quindi le vittime sono state condotte a Bari per l'autopsia. Si può già dire che quasi sicuramente la causa del decesso è stata la sindrome da schiacciamento che è tipica di questi episodi legata quasi sicuramente ad asfissia.

Questo ennesimo crollo La interroga come appassionato di politica oltre che come medico?
Devo dire la verità. In questo caso la politica c'entra poco. La politica ha compiti di programmazione. In questa condizione i palazzi hanno una solidarietà strutturale l'uno con l'altro. Quando viene minata questa solidarietà strutturale, è facile che un palazzo crolli. Il sindaco, il consiglio comunale non ha responsabilità. Se il tecnico porta un'ordinanza di sgombro, il sindaco la firma senza ombra di dubbio. L'ordinanza di sgombro è correlata ad un'indagine tecnica, di statica ecc. Ma se questa ordinanza non viene sottoposta affatto al sindaco, non gli si possono attribuire responsabilità.
  • Pronto soccorso
  • Intervista
  • Grandi emergenze
Altri contenuti a tema
15 Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo L'intervista al ricercatore barlettano, emigrato nel lontano Texas
16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio 16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio Intervista esclusiva al protagonista assoluto di una delle pagine storiche del Barletta Calcio
11 L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità Joseph Cardo è stato ospite sabato per l'evento del Rotaract Barletta. Ha firmato prestigiosi servizi fotografici con grandi star
Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» La barlettana è un’eccellenza del nostro territorio: ottimi risultati sportivi e tanti successi accademici che la condurranno Oltreoceano
«Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» «Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» La nostra città diventa "città dell'olio". Ne parliamo con Michele Paparella, brand manager LÓLIO
Coppia di Barletta racconta il dramma dell'alluvione in Emilia Romagna Coppia di Barletta racconta il dramma dell'alluvione in Emilia Romagna «Ci sono persone che hanno perso tutto», i due barlettani vivono a Cesena da 20 anni
Sicurezza e contrasto alla criminalità, intervista al Colonnello Alessandro Andrei Sicurezza e contrasto alla criminalità, intervista al Colonnello Alessandro Andrei Approfondimento con il comandante provinciale dei Carabinieri sulla situazione nella Bat
“Come Lolita Lobosco”, la vita in Commissariato della dirigente Falco “Come Lolita Lobosco”, la vita in Commissariato della dirigente Falco Intervista a Francesca Falco, dirigente del Commissariato di PS di Barletta: «Le donne conferiscono sensibilità alla divisa»
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.