Pizza
Pizza
Scuola e Lavoro

Carenza di pizzaioli in Italia

Nonostante la crisi, i giovani sono troppo restii a fare quest’antico mestiere. Un paradosso tutto italiano, anche se la domanda di pizza è in aumento

È di qualche giorno fa la notizia secondo cui nella patria della margherita, del calzone e della capricciosa vi sia carenza proprio di quel capitale umano che ci ha fatto conoscere nel mondo anche per questa tradizione culinaria nata proprio in Italia e diffusasi in ogni angolo del pianeta, come riporta in una nota Giovanni D'Agata dello "Sportello dei Diritti". Si tratta di un vero e proprio paradosso, infatti, se in un momento di grave crisi economica ed occupazionale la Fipe (la federazione degli esercenti che aderisce a Confcommercio) ha lanciato per bocca del suo presidente, Enrico Stoppani, un grido d'allarme circa la mancanza all'appello di ben 6000 pizzaioli su 240mila addetti complessivamente nel settore nel Nostro Paese. Ciò, nonostante il costante aumento della domanda di pizza giacché sempre come effetto della crisi cambiano le abitudini alimentari anche perché l'8% dei consumatori, a seguito di un'indagine statistica del centro studi Fipe, ha detto di mangiare volentieri pizza anche per cominciare la giornata. Vi è da dire che il vero e proprio boom della domanda, infatti, riguarda la "pizza al taglio" e tutti i prodotti connessi d'asporto, divenuti un must della pausa pranzo, specie nelle grandi città dove si concentra la manodopera del terziario disposta a spendere solo pochi euro senza rinunciare a saziarsi anche nel break lavorativo.

Mentre i nostri giovani non si prestano ad "abbassarsi" a fare i pizzaioli per un orgoglio tutto italico che non ha più alcuna ragione d'essere, a comprendere la necessità di sopperire alla carenza di manodopera e all'evoluzione delle Nostre diete, sono stati per primi i lavoratori immigrati, specialmente di nazionalità egiziana che a seguito anche di anni d'esperienza hanno accumulato bravura nella produzione e nella vendita diretta e stanno prendendo sempre più piede con attività di proprietà, tanta è la credibilità raggiunta presso l'esigente clientela dei nostri connazionali.

La notizia in questione, ha fatto il giro del mondo in poco tempo a rappresentare, quasi il paradosso tutto italiano, che nonostante una disoccupazione giovanile giunta al 38,4 %, un record negativo, cui non siamo in grado di far fronte, con politiche del lavoro che incentivino il recupero di mestieri tradizionali.
  • Lavoro
  • Giovani e adolescenti
  • Disoccupazione
Altri contenuti a tema
A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» La mobilitazione pacifica di questa mattina
1 Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta I sindacati: «Zero sostegni, zero diritti. In piazza per fa sentire la nostra voce»
«I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» «I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» Le Strade dello Shopping scrivono ai sindaci della provincia Bat
Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese presenterà un mozione
1 Davide, infermiere di Barletta guarito dal Covid: «I pazienti sono soli» Davide, infermiere di Barletta guarito dal Covid: «I pazienti sono soli» La storia del giovane infermiere, in corsia dall'inizio della pandemia
1 Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Le scelte delle istituzioni scatenano l’ira dei negozianti
Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Le parole dell'assessore regionale allo sviluppo economico
Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Le iniziative per acquisire una qualifica professionale o un attestato di frequenza
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.