Alberi secchi
Alberi secchi
Territorio

Caputo: «Il verde in città, questione di punti di vista»

«Alberi secchi, un atteggiamento sconcertante»

«Da un po' di anni, a causa della cronica carenza di mezzi finanziari, non c'è Comune che non auspichi l'intervento del "privato" al fine di poter offrire più servizi a vantaggio dei cittadini. Succede spesso che quelle poche volte che tali aiuti si concretizzano le Amministrazioni Locali si rivelano incapaci di metterli a valore o di riuscirne a ottimizzare gli effetti, troncando sul nascere qualsiasi forma di seria sinergia pubblico-privato.

E' un po' quello che è successo per gli oltre 100 alberi di alto fusto piantumati la scorsa primavera 2018, a cura e spese della Cementeria di Barletta, nei pressi dell'uscita Patalini della 16bis, sulla base di una convenzione esistente da anni con il Comune di Barletta, che a quanto pare per quest'anno non sia stata rinnovata (…forse se ne comprende il perché!?). Un intervento teso principalmente a mitigare i notevoli problemi ambientali (disattesi dalla politica), dovuti alla presenza di polveri sottili e di forti rumori generati dall'intenso traffico di autoveicoli che transitano sulla statale, con pesanti danni per la salute dei cittadini residenti in zona. Un'azione meritoria avviata da un soggetto privato che un'Amministrazione più attenta e sensibile ai temi ambientali e alla qualità della vita dei cittadini avrebbe potuto estendere a quelle parti della 16bis che impattano sugli insediamenti della nuova 167. Neanche a dirlo, niente di tutto questo.

E' successo invece che circa il 30 - 40% degli oltre 100 alberi sono man mano seccati nell'indifferenza dell'Amministrazione Comunale e della Bar.SA. Le uniche "attenzioni" si sono drammaticamente concretizzate poche settimane fa con un taglio netto alla base dei malcapitati alberi per i quali, a quanto pare, non è previsto alcun rimpiazzo. Un atteggiamento a dir poco sconcertante. Un sgradevole sgarbo istituzionale nei confronti di un Ente privato che ha investito diverse migliaia di euro a beneficio della cittadinanza, oltre all'ennesima beffa verso cittadini di di "serie B" residenti in periferia.

E' lecito chiedersi: perché mai, pur trattandosi di un intervento di forte impatto visivo nessun Assessore o Consigliere Comunale (di maggioranza o di opposizione) si sia accorto di tantissime piante agonizzanti sin dalla scorsa estate? Resta il fatto che quegli alberi lasciati perire nei pressi della più frequentata arteria extraurbana gridano vendetta ancor più per un'Amministrazione che si definisce attenta all'ambiente. La stessa che, in tema di verde pubblico, vagheggiava tra i suoi primi obiettivi la fruizione delle modeste aree della Scuola Elementare "Musti", poi caduta nel dimenticatoio. Si dirà (legittimamente) che ci sono altre priorità. Va bene, non c'è che dire. Ma sarebbe altrettanto lecito domandare: quali sono le priorità, in quale documento sono racchiuse, quali i criteri adottati!? E' sin troppo evidente invece che l'Amministrazione Cannito soprattutto su temi come l'igiene urbana, l'arredo e la cura del verde muove le sue confuse azioni con il solito "dualismo" che vede privilegiate le aree del centro, pur in presenza di una tassazione indifferenziata.

Se poi i criteri di priorità sono quelli desumibili dalle dichiarazioni del Sindaco in occasione dell'avvio dei lavori di riqualificazione dell'area tra Via L. Da Vinci e Via Palmitessa, in cui affermava:"Abbiamo accolto la richiesta dei residenti a riqualificare questa zona, che era al buio e, per questo, pericolosa ….", allora è bene che siano resi noti quantomeno termini e modalità di inoltro delle "richieste dei residenti" nonché gli uffici di riferimento. Insomma si dica chiaramente alla cittadinanza se si vuole procedere con "interventi spot" più o meno estemporanei, o se invece si intende adottare e finanziare, secondo trasparenti logiche di programmazione, un piano strutturale di interventi che guardi indistintamente l'intero territorio cittadino. "Una città non si misura dalla sua lunghezza o larghezza, ma dall'ampiezza della sua visione e dall'altezza dei suoi sogni" (Herb Caen)».
  • Ambiente
  • Salvaguardia ambientale
Altri contenuti a tema
Barletta invasa da fumo e puzza, due incendi tra Ariscianne e Salinelle Barletta invasa da fumo e puzza, due incendi tra Ariscianne e Salinelle Numerose le lamentele dei cittadini sui social: arriva risposta ufficiale dal Comune
Jova Beach Party, la denuncia di LIPU: «Anche a Barletta impattante» Jova Beach Party, la denuncia di LIPU: «Anche a Barletta impattante» Chiesta la tutela del fratino, «abbiamo scritto più volte al Comune, nemmeno uno straccio di risposta»
Parte la seconda fase del monitoraggio ambientale della città di Barletta Parte la seconda fase del monitoraggio ambientale della città di Barletta Interviene il consigliere regionale Filippo Caracciolo
Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Incontro a Bari alle ore 19.30
1 Monitoraggio ambientale a Barletta, il punto della situazione Monitoraggio ambientale a Barletta, il punto della situazione Il sindaco Cannito: «La città è controllata costantemente»
1 Tempi duri per l'ambiente, la riflessione di Democrazia Cristiana Barletta Tempi duri per l'ambiente, la riflessione di Democrazia Cristiana Barletta «I piani di tutela scritti sulla carta dagli Enti preposti vanno applicati»
Stop alla plastica usa e getta, ​Barletta manifesta in spiaggia Stop alla plastica usa e getta, ​Barletta manifesta in spiaggia Dopo la pulizia della costa, volontari e studenti hanno disegnato sulla sabbia una balena che rigurgita plastica
Barletta avrà un regolamento su manomissioni e ripristini di suolo e sottosuolo Barletta avrà un regolamento su manomissioni e ripristini di suolo e sottosuolo Commissioni consiliari a lavoro sul documento che passerà dal consiglio comunale
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.