Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Botti illegali, sequestri anche nella provincia di Barletta-Andria-Trani

In azione anche i militari del Gruppo di Barletta della Guardia di Finanza

È di 6 persone denunciate e di oltre mezza tonnellata di giochi pirici illegali l'offensiva condotta dalle Fiamme Gialle nel nord barese.

Anche per il corrente anno, infatti, notevole è stato lo sforzo operativo posto in essere dai Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bari che, impegnati quotidianamente nei servizi di controllo economico del territorio e di contrasto ai traffici illeciti, svolgono un'importante azione di prevenzione e repressione anche nell'ambito della produzione, detenzione e commercializzazione di artifici pirotecnici.

In tale contesto, sono stati eseguiti controlli finalizzati al rispetto della normativa di Pubblica Sicurezza nonché delle ordinanze comunali ricadenti nell'area metropolitana di Bari e della provincia di Barletta-Andria-Trani, che hanno portato al sequestro complessivo di circa 550 kilogrammi di artifici pirici destinati ai festeggiamenti di Capodanno.

In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Trani hanno rinvenuto e sequestrato all'interno di un deposito articoli pirotecnici - tra i quali razzi, petardi, artifizi ad effetto scoppio del tipo "batterie di petardi" e del tipo "batterie tubo di lancio mono getto" - dal peso complessivo di circa 440 kilogrammi ed una massa attiva di circa 90 kilogrammi di polvere pirica, appartenenti alla categoria V gruppo C, ossia fuochi pirotecnici, potenzialmente pericolosi, vendibili solo presso esercizi appositamente autorizzati (mai ambulanti) a persone maggiori di anni 18 che esibiscano un documento di riconoscimento al venditore, il quale deve annotarne gli estremi sul registro di polizia e il cui possesso deve essere sempre denunciato all'Autorità di Pubblica Sicurezza.

Inoltre, i Finanzieri della Compagnia di Andria e della Tenenza di Molfetta, sempre nell'ambito di mirati controlli svolti nei confronti di alcuni esercizi commerciali, hanno proceduto al sequestro di circa 110 kilogrammi di fuochi d'artificio illegali, venduti senza il possesso delle prescritte licenze di pubblica sicurezza.

Complessivamente sei soggetti sono stati denunziati alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di detenzione e commercio abusivo di materie esplodenti.

L'attività di servizio si inquadra nel più generale dispositivo di salvaguardia dell'incolumità pubblica e di tutela del commercio legale incentrato, in questo periodo dell'anno, alla repressione della vendita illegale dei fuochi.
  • Botti di Capodanno
Altri contenuti a tema
Capodanno di fuoco, auto in fiamme in via Cialdini Capodanno di fuoco, auto in fiamme in via Cialdini Beffata l'ordinanza anti-botti del sindaco
Stop ai botti a Barletta, ecco l'ordinanza contro i fuochi d'artificio illegali Stop ai botti a Barletta, ecco l'ordinanza contro i fuochi d'artificio illegali Il sindaco Cannito: «L'utilizzo di prodotti pirotecnici illegali rappresenta un pericolo per l’incolumità»
No ai botti, ma le scuole della Bat disertano l'iniziativa No ai botti, ma le scuole della Bat disertano l'iniziativa Nessuna adesione tra gli istituti della nostra provincia
7 Botti e spari a Capodanno, tradizione malsana anche a Barletta Botti e spari a Capodanno, tradizione malsana anche a Barletta Una serie di consigli della Polizia di Stato per evitare pericoli e incidenti
41 Niente botti di Capodanno a Barletta, arriva l'ordinanza del sindaco Niente botti di Capodanno a Barletta, arriva l'ordinanza del sindaco Feste più sicure: si tenta così di mettere un freno alla pericolosa tradizione
Bancarelle improvvisate di botti e petardi Bancarelle improvvisate di botti e petardi «Non è il massimo della legalità»
Botti natalizi, rischio per gli adolescenti tra i 10 e i 14 anni Botti natalizi, rischio per gli adolescenti tra i 10 e i 14 anni La Polizia di Stato lancia un appello a non utilizzare giochi pirotecnici pericolosi
Botti illegali, «dov'erano le forze dell'ordine?» Botti illegali, «dov'erano le forze dell'ordine?» Chi si occupava di controllare nella notte di Capodanno?
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.