Scintille
Scintille
La città

Botti e spari a Capodanno, tradizione malsana anche a Barletta

Una serie di consigli della Polizia di Stato per evitare pericoli e incidenti

Mancano ormai poche ore allo scoccare della mezzanotte, ma già nell'aria si sentono distintamente esplosioni e botti. Nonostante la grande opera di sensibilizzazione delle forze dell'ordine e l'ordinanza del sindaco che ne vieta la vendita e l'utilizzo in caso di materiale illegale e pericoloso, Barletta non rinuncia a una tradizione che potremmo definire malsana, perché comporta rischi non solo per chi adopera gli esplosivi pericolosi, ma anche per la comunità cittadina e per chi involontariamente potrebbe essere vittima di qualche incidente.

Anche in queste ore prosegue incessante l'attività delle forze dell'ordine per contrastare il fenomeno al fine di prevenire spiacevoli incidenti e garantire sicurezza ai cittadini. Numerosi i sequestri di tale materiale anche nel nostro territorio, come quello avvenuto proprio ieri a Barletta in un condominio di via Scommegna.

Su questo argomento, nel mese di novembre, il Questore di Bari Carmine Esposito, in collaborazione con l'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, ha avviato una serie di incontri, realizzati presso alcune scuole di Bari e delle provincie di Bari e Bat, con la partecipazione dei poliziotti del Nucleo Artificieri e della Squadra Cinofili dell'U.P.G.S.P., al fine di illustrare la differenza tra fuochi pirotecnici di libera vendita ed illegali, sulle normative che regolano la disciplina della compravendita, sulle modalità di accensione in sicurezza e sui pericoli legati al loro incauto utilizzo.

Il Ministero dell'Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dirama annualmente le informazioni circa l'utilizzo e la vendita di giochi pirotecnici e materiale esplodente, proprio al fine di non incorrere in reati e quindi di creare pericolo per sé e per la collettività:
  • Acquistare i botti solo dai negozi autorizzati (mai ambulanti);
  • Non comprare prodotti senza etichetta con l'autorizzazione del Ministero dell'Interno, dove è apposto il numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria e le indicazioni d'uso da seguire attentamente;
  • I prodotti provvisti della marcatura CE, simbolo utilizzato dalla Comunità Europea, hanno la C e la E distanziate tra loro nella misura pari a una terza lettera, mentre quelli della Chinese Export, sono stampati vicini, circostanza questa che potrebbe implicare un'alta pericolosità del prodotto;
  • Mai usare i fuochi d'artificio per nessun motivo al chiuso;
  • Allontanarsi e ripararsi in un luogo sicuro quando nelle vicinanze vi sono utilizzatori di fuochi d'artificio;
  • Non raccogliere i fuochi inesplosi;
  • Non manipolare e accorpare i fuochi tra loro;
  • Allontanarsi quando la miccia è stata accesa;
  • Non indirizzare gli artifizi contro le persone, le finestre e i balconi dei palazzi vicini;
  • Maneggiare candeline o stelline, distanti dai vestiti, dalle tende, divani e dagli occhi e non indossare indumenti di pile, di fibra sintetica o acetati;
  • Non maneggiare mai fuochi in prossimità di fiamme libere o vicino liquidi o contenitori di gas infiammabili.
Altro aspetto da considerare riguarda il fatto che i giochi pirotecnici di c.d. libera vendita (Cat. 1) possono essere acquistati da tutti coloro che hanno più di 14 anni nei negozi con licenza per la vendita di giocattoli, mentre quelli di Cat. 2 solo da chi abbia già compiuto i 18 anni. Nessun gioco pirotecnico è destinato ai bambini sotto i 14 anni.

Infine, la vendita di botti conosciuti con i nomi di "Pallone di Maradona, Bomba Osama Bin Laden, Zeuss, la Mezza Botta, la Cipolla, il Track e Kamikaze" sono assolutamente vietati. Molti di questi pericolosi botti o bombe carta, a causa del contenuto di polvere pirica o esplodente, possono causare gravi ustioni, perdita di arti o persino della vita.

Il consiglio è di attenersi a poche semplici ma importantissime regole per garantire l'incolumità propria e altrui, e permettere a tutti di vivere questi festeggiamenti con serenità e pace.
  • Botti di Capodanno
Altri contenuti a tema
Capodanno senza feriti per Barletta Capodanno senza feriti per Barletta Il bilancio del Capodanno 2020
Fareambiente: festeggiare in difesa dell'ambiente e degli animali Fareambiente: festeggiare in difesa dell'ambiente e degli animali Miscioscia: «Non c’è ordinanza di divieto che tenga contro i botti, se non nasce in noi la consapevolezza che una festa non può trasformarsi in tragedia»
No ai botti a Barletta, tanti gli appelli inascoltati No ai botti a Barletta, tanti gli appelli inascoltati Le associazioni animaliste Bat: «I divieti imposti, neppure tanto pubblicizzati, non seguono attività di prevenzione e sanzioni»
Capodanno di fuoco, auto in fiamme in via Cialdini Capodanno di fuoco, auto in fiamme in via Cialdini Beffata l'ordinanza anti-botti del sindaco
Botti illegali, sequestri anche nella provincia di Barletta-Andria-Trani Botti illegali, sequestri anche nella provincia di Barletta-Andria-Trani In azione anche i militari del Gruppo di Barletta della Guardia di Finanza
Stop ai botti a Barletta, ecco l'ordinanza contro i fuochi d'artificio illegali Stop ai botti a Barletta, ecco l'ordinanza contro i fuochi d'artificio illegali Il sindaco Cannito: «L'utilizzo di prodotti pirotecnici illegali rappresenta un pericolo per l’incolumità»
No ai botti, ma le scuole della Bat disertano l'iniziativa No ai botti, ma le scuole della Bat disertano l'iniziativa Nessuna adesione tra gli istituti della nostra provincia
41 Niente botti di Capodanno a Barletta, arriva l'ordinanza del sindaco Niente botti di Capodanno a Barletta, arriva l'ordinanza del sindaco Feste più sicure: si tenta così di mettere un freno alla pericolosa tradizione
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.