Ragazza
Ragazza
Servizi sociali

Basterebbe un po’ di sincera solidarietà

Dopo la lettera dei colleghi, vicinanza alla neo-assunta molestata. Manca ancora la querela della vittima, rifugiata nel silenzio

«Immaginiamo una ragazza, una giovane neo-assunta non ancora trentenne, vittima di una molestia sul luogo di lavoro: un luogo importante, autorevole, e una professione per cui ha speso fatica e impegno. Immaginiamo una storia infelice, privata, che – divenuta di dominio pubblico – ha portato la donna a rifugiarsi in casa, nell'anonimato e nel silenzio, senza denunciare mai l'accaduto».

Scrivevamo così lo scorso 15 marzo, quando il caso della molestia in provincia era appena scoppiato. Da allora quasi nulla è cambiato, se non la pubblicazione di un'angosciante lettera dei colleghi, in cui leggiamo istante dopo istante una dettagliata descrizione dell'accaduto, che ci restituisce tutta l'inquietudine e la sofferenza di questo episodio increscioso. Rimane un racconto a tinte fosche, dove scopriamo la recidività di un aggressore forte del proprio potere e del proprio ruolo, e l'assenza di una formale querela da parte della molestata.
Torniamo ancora indietro. «Immaginiamo una ragazza, vittima di una molestia. Sollecitiamo una denuncia per punire il colpevole e liberare finalmente dal silenzio la protagonista di questa vicenda, e forse non consideriamo il timore di una neo-assunta che rischierebbe così il proprio posto di lavoro, che uscendo allo scoperto verrebbe ancora una volta assalita da quel 'tam tam mediatico' di cui si parlava».

Forse allo stato attuale degli accadimenti dovremmo tornare a sollecitare una denuncia ufficiale, che darebbe chiarezza a tutti coloro che ne sono rimasti coinvolti, come i colleghi e come i lettori (pur senza esser in debito di nulla), ma soprattutto per individuare definitivamente il colpevole che – ancora adesso – rimane avvolto da un profondo silenzio e da una immorale omertà. E per dare voce e libertà all'unica vittima di questo biasimevole comportamento.

Vicinanza e solidarietà per la giovane ragazza tranese che vive con sé stessa e con questo incubo da quasi un mese: sono le uniche parole e gli unici sentimenti che ci rimangono di fronte ad un enigma così angoscioso. Pensare a quelle ore dolorose chiusa dentro un bagno, pensare alla solitudine pesante di chi non può confidare il proprio disagio, pensare ad un posto di lavoro che dovrebbe essere luogo di sacrificio a servizio della comunità provinciale. Pensare a quelle lacrime, e cercare di restare in silenzio: non si può. Allora si tenta, con i mezzi di cui si è a disposizione, di ambire ad un pur lieve bagliore di giustizia e comprensione, di solidarizzare come donna e come giovane lavoratrice, di alzare una voce seppur distante, seppur da parecchi osteggiata, pur di sperare remotamente che una conclusione positiva ad una vicenda così negativa ci possa essere.
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto Consiglio provinciale, assegnate le deleghe di supporto a Lodispoto L'andriese Lorenzo Marchio Rossi e lo spinazzolese Di Noia i vice-presidenti
Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito Calabrese e Tupputi eletti al consiglio provinciale, gli auguri di Cannito «Saranno loro a rappresentare Barletta tra i banchi della nostra Provincia»
Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Eletto il nuovo consiglio provinciale della Bat Ci sono anche i barlettani Rosa Tupputi e Gennaro Calabrese
“Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. “Violenza tra pari online e offline, strumenti di prevenzione e di contrasto”. Appuntamento il 19 maro nella sala Rossa del Castello
Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Elezioni provinciali Bat, consegnate le liste: si rinnova il consiglio Tra i candidati alla carica di consigliere provinciale i barlettani Gennaro Calabrese e Rosa Tupputi
15 Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Barletta capoluogo unico di provincia, «Noi non ci ritiriamo» Il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso per la "Provincia di Barletta". Interviene la Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone Il presidente della Bat Bernardo Lodispoto saluta il questore uscente Roberto Pellicone «Lascia un segno tangibile nella nostra comunità»
Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Cozzoli: «Ringrazio Lodispoto ma rinuncio per rispetto dei consiglieri» Rimessa la delega a Patrimonio e Bilancio
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.