Ricamo
Ricamo
Scuola e Lavoro

Artigianato manifatturiero pugliese a rischio

Le aziende chiudono, produzione quasi ferma, domanda interna scarsa. Perdite del 7,6% nel settore della stampa

In quattro anni, dal 2009 al 2013, si sono «perse», solo in Puglia, ben 2.360 attività manifatturiere, pari all'11,7 per cento in meno. Ce ne erano 20.146. Oggi sono 17.786. Rappresentano il 23,6 per cento circa della totalità delle imprese artigiane (75.376). E' quanto emerge dalla prima indagine congiunturale sull'artigianato manifatturiero, condotta dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia.

In particolare, le ditte e le società che si occupano di «confezioni di articoli di abbigliamento» sono crollate del 27,9 per cento. Erano 2.668, oggi sono 1.923, con un saldo negativo di 745 unità. Le fabbriche di mobili sono diminuite del 24 per cento (da 915 a 695). Il saldo è negativo di 220 unità. In questo comparto sono comprese numerose attività che rappresentano quasi tutte le tipologie di mobili (soggiorno, letto, cucina, ufficio, materassi, eccetera), con una prevalenza per le poltrone e i divani.

Segue l'industria tessile che ha «perso» 110 imprese, con un tasso negativo del 16,9 per cento (da 652 a 542).
Le fabbriche di «altri prodotti della lavorazione di minerali» sono diminuite del 9,7 per cento: da 1.276 a 1.152. Ce ne sono 124 in meno. Si contano 329 fabbriche di prodotti in metallo (esclusi i macchinari) in meno rispetto a quattro anni fa (da 3.504 a 3.175). In termini percentuali, il 9,4 in meno. Racchiude, prevalentemente, le unità che operano nella produzione di elementi da costruzione affiancate da lavorazioni di trattamento e rivestimento del metallo; poco significativa la metallurgia.

Nello stesso quadriennio (2009-2013), la «stampa e riproduzione di supporti registrati» scende di 65 unità, pari al 7,6 per cento (da 857 a 792). Le altre industrie manifatturiere si sono contratte, in media, del 6,7 per cento (da 2.003 a 1.869). Questo settore è residuale rispetto ai precedenti e, di conseguenza, è molto variegato: le produzioni più significative sono quelle della lavorazione di minerali non metalliferi (vetro, ceramica, pietre) e della carto-tecnica (stampa e lavorazione della carta e del cartone). Da segnalare anche quelle della produzione di attrezzature mediche e dentistiche, delle lavorazioni di gioielleria e oreficeria, dell'installazione, manutenzione e riparazione di macchinari industriali.

Stabile, tutto sommato, il settore alimentare che «perde» appena l'uno per cento ed è, in termini assoluti, il più rappresentativo (3.179 attività). L'unica nota positiva riguarda la «riparazione, manutenzione ed installazione di macchine» che registra una performance del 35,1 per cento, con un saldo attivo di 217 unità (da 618 a 835).

«L'artigianato manifatturiero - spiega il presidente di Confartigianato Imprese Puglia, Francesco Sgherza - rappresenta una realtà estremamente importante e dinamica nella nostra regione. Si contano, infatti, quasi 18mila imprese nel solo settore dell'artigianato manifatturiero e dei servizi alla persona. Tuttavia - aggiunge - la domanda interna, che rappresenta la fetta più grossa degli ordinativi delle imprese locali, resta bassa, troppo bassa per intravedere a breve una ripresa».

Dati per province - La provincia Bat, aggregata a quella di Bari, se confrontata con le altre, ha sofferto in modo più intenso gli effetti della recessione. Le imprese manifatturiere del capoluogo regionale, infatti, sono diminuite del 13,9 per cento (da 9.209 a 7.926). Segue Lecce che ha «perso» 569 attività (-11,2 per cento), Foggia 252 unità (-9,8 per cento), Brindisi 157 aziende (-9,6 per cento) e Taranto 99 società (-6 per cento).
  • Lavoro
  • Artigianato
  • Confartigianato
Altri contenuti a tema
A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali» La mobilitazione pacifica di questa mattina
1 Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta Lavoratori agricoli esclusi dai sostegni economici, la mobilitazione a Barletta I sindacati: «Zero sostegni, zero diritti. In piazza per fa sentire la nostra voce»
«I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» «I commercianti, gli artigiani e i piccoli imprenditori definiti “non essenziali” non sono untori» Le Strade dello Shopping scrivono ai sindaci della provincia Bat
Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Parrucchieri e barbieri, «perché mettere in ginocchio tanti professionisti?» Il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese presenterà un mozione
1 Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Lockdown di aprile, passa anche da Barletta la protesta di commercianti e partite IVA Le scelte delle istituzioni scatenano l’ira dei negozianti
Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Sostegni economici: «Il governo rivolga attenzione alle aziende pugliesi» Le parole dell'assessore regionale allo sviluppo economico
Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Servizi sociali, a Barletta percorsi formativi per contrastare la povertà Le iniziative per acquisire una qualifica professionale o un attestato di frequenza
Ristorazione e Coronavirus, come uscire dall'emergenza Ristorazione e Coronavirus, come uscire dall'emergenza L’incontro pubblico dell’Imahr all’Ottagono di Andria per fare il punto
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.