eCommerce
eCommerce
Eventi

Anche in Puglia arriva il «baratto» pubblicitario

Il primo meeting è oggi a Barletta, organizzato da Wake Up in partnership con MP7 Italia SpA

Pubblicità sui principali media nazionali senza esborso di denaro, risparmio sui costi legati all'immobilizzo delle rimanenze e semplificazione amministrativa. Un sogno impossibile? No, è il «bartering», meglio noto come cambio merce pubblicitario. E' la nuova formula del baratto declinata in chiave marketing, una soluzione approdata per la prima volta nei paesi anglosassoni e che ora prende piede anche in Italia. L'attività di Bartering è la nuova frontiera nel mercato della pubblicità soprattutto in contesti economici caratterizzati da scarsa liquidità finanziaria. Già negli anni Ottanta era consuetudine, da parte delle concessionarie di pubblicità, accettare in determinate circostanze che gli inserzionisti pagassero le campagne pubblicitarie con le proprie merci anziché in denaro. Oggi questo format del «cambio merci pubblicitario» sta diventando una nuova tendenza grazie ai numerosi vantaggi che offre agli investitori. Si tratta, infatti, di un investimento pubblicitario che non richiede l'esborso di denaro e allo stesso tempo valorizza le rimanenze di magazzino di un'azienda. In altre parole, facendo ricorso al baratto pubblicitario, qualsiasi azienda agroalimentare o manifatturiera anche di piccola-media dimensione avrà la possibilità di pagare le campagne pubblicitarie fornendo le proprie merci anziché sborsando denaro contante.

«Grazie al cambio merce — aggiunge Fabio Mazzocca, presidente dell'agenzia Wake Up — qualsiasi azienda che abbia esigenza di pianificare una campagna pubblicitaria e che abbia esaurito il proprio budget può scegliere di smobilizzare le eccedenze di magazzino per trasformarle in spazi pubblicitari immediatamente disponibili anche sui media nazionali.» Le fatture tra inserzionista (merce) e barter (pubblicità) essendo dello stesso importo si compensano, eliminando qualsiasi flusso di cassa, semplificando le pratiche amministrative e azzerando l'esposizione finanziaria. Ci penserà poi il barter a vendere la merce, in Italia o all'estero, attraverso i canali distributivi concordati con l'inserzionista, quindi sempre in coerenza con l'identità e le politiche commerciali dell'azienda che «paga» con i propri prodotti. «Offrire nella nostra regione un punto di riferimento così importante nel settore del barter — spiega Marco Divenuto, Marketing Director di Wake Up — significa dare alle aziende pugliesi un'opportunità concreta di massimizzare i propri investimenti in immagine e comunicazione e quindi continuare a crescere anche nei periodi di crisi economica o di scarsa liquidità finanziaria.»

Lo scambio merci pubblicitario ora arriva anche in Puglia. L'agenzia di comunicazione Wake Up di Barletta diventa partner esclusivo per la Puglia di MP7 Italia SpA società internazionale specializzata nello scambio merce pubblicitario. Proprio alla formula del "Barter", Wake Up dedica un meeting di studio in programma questa sera a Barletta presso la sala conferenze di CiEmme Alimentari (Via Foggia 28, Barletta). Il forum è aperto agli imprenditori del territorio interessati a questa nuova opportunità di crescita. Ospiti d'eccezione dell'evento saranno Sergio Fontana presidente Confindustria BAT e Giorgio Carlo Ferrari, amministratore delegato di MP7 Italia S.p.A. Per Sergio Fontana presidente Zona territoriale BAT di Confindustria Bari-BAT «l'innovazione dev'essere sempre al centro dello sviluppo e del rilancio delle nostre aziende e questo vale tanto nei processi produttivi, quanto negli investimenti in comunicazione e marketing. La Puglia e il nordbarese, in particolare, hanno il compito di intercettare la ripresa economica e farsi trovare pronti alla sfida della competizione: investire in pubblicità smobilzzando le rimanenze di magazzino ritengo sia una soluzione congeniale che va proprio in questa direzione.»
  • Pubblicità
Altri contenuti a tema
Autotecnica cambia volto e si rinnova Autotecnica cambia volto e si rinnova Domani l'inaugurazione della nuova concessionaria a Barletta
Da grande voglio fare l'influencer, ma occhio alla pubblicità occulta Da grande voglio fare l'influencer, ma occhio alla pubblicità occulta L'Autorità Garante della Concorrenza interviene sul fenomeno di web marketing più richiesto del momento
2 Nel mirino di Vanity Fair una pubblicità made in Barletta Nel mirino di Vanity Fair una pubblicità made in Barletta Quando le campagne commerciali inneggiano al sessismo
Pubblicità estiva. Garribba: «Assordante silenzio del sindaco Cascella» Pubblicità estiva. Garribba: «Assordante silenzio del sindaco Cascella» Il professore dell'Istituto "Garrone" torna a chiedere risposte
Pubblicità estiva, nuova replica del prof. Garribba Pubblicità estiva, nuova replica del prof. Garribba «La Bar.S.A. ha commissionato un lavoro a un’agenzia che ha utilizzato illegalmente un’immagine»
Pubblicità estiva a Barletta: la polemica continua Pubblicità estiva a Barletta: la polemica continua Il prof. Garribba continua la sua denuncia e mostra su Fb una nuova foto
Pubblicità estiva a Barletta: originalità ed efficacia vanno d’accordo? Pubblicità estiva a Barletta: originalità ed efficacia vanno d’accordo? Gli interrogativi sulla campagna di sensibilizzazione “Tu differenziati”
Affissioni e pubblicità, nuove regole dal consiglio comunale Affissioni e pubblicità, nuove regole dal consiglio comunale Sono stati introdotti anche nuovi mezzi pubblicitari
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.