Fratino
Fratino
Territorio

Alziamo l'asticella, interventi per la salvaguardia del "Fratino"

Tutelare il “Charadrius alexandrinus” per la stupefacente biodiversità del territorio

A volte più piccolo è l'essere vivente, più grande è l'indifferenza verso la sua esistenza e, quindi, via con trattori e ruspe a sradicarne la vita da questo pianeta. Per fortuna c'è chi non condivide e non si fa infettare da quell'indifferenza e preferisce la vita; proprio per questo, anche quest'anno, dopo esserne stati precursori l'anno scorso rispetto a tutto il territorio nazionale, i volontari delle locali articolazioni di Barletta dell'Ente Nazionale Protezione Animali e di Legambiente, non potevano esimersi dal riproporre le iniziative messe in campo nel corso del 2019, per tutelare e salvaguardare questa fantastica specie di volatile che è il "Charadrius alexandrinus", comunemente detto "Fratino".

Sicuramente, chi ha avuto la fortuna, come noi, di soffermarsi ad osservare uno di quegli esserini minuscoli che zampettano su alcuni tratti delle nostre spiagge non potrà che restare sorpreso di come una creatura così piccola possa esprimere tanta energia. Ed è proprio l'amore per il nostro territorio e per la sua stupefacente biodiversità a guidarci e spingerci a portare avanti iniziative come questa. Inoltre, come afferma Raffaele Corvasce, Presidente del Circolo di Barletta di Legambiente "era doveroso alzare l'asticella e aumentare il nostro impegno prefiggendoci ancora più importanti obiettivi quali ad esempio quello di incrementare numericamente le aree da sottoporre a delimitazione". Infatti, a seguito di alcune verifiche effettuate dai volontari delle due associazioni, è stato riscontrato un numero maggiore di presenze di coppie di fratino, oltre che ulteriori tratti di spiagge scelti dai piccoli trampolieri per la nidificazione. Tali circostanze ci hanno convinti ad estendere le richieste di delimitazione di aree di rispetto a più tratti di spiagge, per un totale di circa 18000 mq.

Per la precisione le iniziative formulate a tutela del fratino e descritte nella nostra istanza, accolta con provvedimento del 29.04.2020 da parte dell'Amministrazione Comunale di Barletta che ringraziamo, consistono nelle richieste di:
  1. posticipare la pulizia meccanizzata della sabbia delle spiagge del Comune di Barletta, almeno fino al 1° giugno p.v.;
  2. autorizzare, in alcuni tratti geo localizzati l'apposizione di paletti collegati da corde e picchetti segnaletici con cartelli informativi, allo scopo di individuare e delimitare aree di rispetto non fruibili e non accessibili;
  3. ottenere il benestare, il patrocinio e la collaborazione dell'Amministrazione locale per le attività informazione e sensibilizzazione dei cittadini sul tema. Precisa l'Avv. Massimiliano Vaccariello, quale referente dell'ENPA, "ci auguriamo di ottenere ulteriori e migliori risultati, rispetto a quelli conseguiti con l'impegno dell'anno scorso che, lo si ricorda, sono di gran rilievo tenuto conto che stiamo parlando di una specie di volatile ad alta priorità di conservazione e che, grazie all'intervento di ENPA Barletta e Legambiente Barletta, le coppie di fratino che nidificarono nel 2019 furono ben 12 contro le sole 2 coppie negli anni precedenti e fino al 2018".
Ricordiamo, per chi non conoscesse questa specie di volatile, che il fratino è un piccolissimo pennuto che si può riconoscere dalla parte superiore del suo corpo di colore grigio sabbia, il suo ventre bianco e un grazioso collarino alla base del collo; rientra tra le specie migratorie e parzialmente svernanti in tutto il bacino del Mediterraneo e il suo habitat preferito è rappresentato dalle coste basse e sabbiose, litorali ciottolosi, distese di limo in prossimità dell'acqua, presenti lungo alcune coste italiane, in particolar modo quelle di Puglia, Lazio, Veneto, Toscana, Marche, Abruzzo e Basilicata. Il grazioso pennuto dall'abito fortemente mimetico, trova negli ambienti sabbiosi, lungo i quali lo si può osservare correre instancabilmente tra battigia e dune, il luogo preferito per la nidificazione; ciò avviene soprattutto nei tratti in cui lo scarso affollamento invernale e la ridotta manutenzione delle spiagge in tale periodo consente al volatile di prepararsi alla nidificazione direttamente sulla sabbia. Per informazioni ulteriori è possibile visitare i nostri profili Facebook e Instagram o contattarci via email.
  • Natura
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
5 Arriva la tutela monumentale per il pino di Barletta: «È stato riscritto il finale» Arriva la tutela monumentale per il pino di Barletta: «È stato riscritto il finale» Legambiente: «Non è ancora certezza matematica, ma crediamo fortemente nel lieto fine»
1 Pino via Vittorio Veneto, la perizia: «Non è in condizioni di imminente schianto» Pino via Vittorio Veneto, la perizia: «Non è in condizioni di imminente schianto» «Nessun rischio se ben gestita visto il suo grande valore paesaggistico e di monumentalità»
1 Cosa insegna il pino di Barletta? Legambiente: «Si continua a sentire senza ascoltare» Cosa insegna il pino di Barletta? Legambiente: «Si continua a sentire senza ascoltare» La sezione cittadina di Legambiente denuncia abbattimenti in città
Per il pino di Barletta Legambiente scrive «una pagina di storia del nostro territorio» Per il pino di Barletta Legambiente scrive «una pagina di storia del nostro territorio» «Ne usciamo con la consapevolezza che Barletta ha bisogno di cambiare passo sulla gestione del verde urbano»
1 La perizia dà nuova speranza al pino di via Vittorio Veneto La perizia dà nuova speranza al pino di via Vittorio Veneto Positivi gli accertamenti condotti sull'arbusto condannato all'abbattimento
Pino di via Vittorio Veneto, oggi la perizia di Legambiente Barletta Pino di via Vittorio Veneto, oggi la perizia di Legambiente Barletta «Un monumento simile ha meritato e merita tutto il nostro impegno e la nostra energia»
1 Il pino resta lì, almeno per adesso: Barletta guadagna tempo sull'abbattimento Il pino resta lì, almeno per adesso: Barletta guadagna tempo sull'abbattimento Il Comune attende la perizia di Legambiente e l'intervento della Soprintendenza
2 Sospensione dell'abbattimento del pino di via Vittorio Veneto Sospensione dell'abbattimento del pino di via Vittorio Veneto La comunicazione del Comune di Barletta, a gennaio arriverà una perizia di Legambiente
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.