Eraclio
Eraclio

«Carissimi barlettani, smettiamola di denigrare la nostra città!»

La lettera aperta di un cittadino

«Carissimi, approfitto del vostro giornale per scrivere alcune righe. Davvero cercherò di essere breve.

E' risaputo l'adagio sul nostro caro e amato santo patrono, San Ruggiero vescovo "Send Rggir je amend e f'rastir", ma il nostro santo patrono lo faceva per bontà, nel suo episcopio accoglieva viandanti e poveri di passaggio.

Ora vi spiego la motivazione di questa mia lettera aperta a tutti i barlettani.

Carissimi concittadini, smettiamola di denigrare la nostra città!

Forse non vi siete resi conto in che città straordinaria e "ricca" viviamo. Una città che ha tutti i servizi: ospedale, stazione ferroviaria, reti stradali e istituzioni di vario genere; una città ricca di storia e tradizioni: da Canne della Battaglia, alla Disfida, passando per lo storico legame con la Terra Santa che ci ha consegnato un pezzo raro della storia mondiale, ovvero un pezzo di croce conservata all'interno della straordinaria Basilica del Santo Sepolcro. Ma potrei proseguire per le meravigliose chiese dell'incantevole centro storico, la Cattedrale, il Palazzo della Marra, la pinacoteca DeNittis, il Castello, il Teatro Curci, due medaglie d'oro al valor civile e militare… credo che citarle tutte le nostre bellezze sarebbe impossibile.

Io sinceramente che abito nel centro storico, mi incanto ogni volta a vedere la città così piena e ricca di turisti. Ma talvolta siamo così miopi che non li vediamo. Ma dati alla mano il dato è che la nostra città è visitata e apprezzata da molti turisti.
Ma un passaggio devo farlo anche per le nostre meravigliose litoranee, le nostre generose campagne con prodotti unici e celebri nel mondo…

Tutto sicuramente merita più attenzione e un aggiornamento per i nostri tempi, e questo lo diamo in consegna ai nuovi amministratori locali, a quelli regionali e a quelli nazionali, ma il compito più arduo spetta a noi barlettani: smettiamola di lamentarci per ogni santa cosa, diamo il nostro contributo fattivo per questa città meravigliosa, che non ha nulla da invidiare ad altre. Anzi, che in tanti ci invidiano…

Uno scatto di orgoglio nell'essere barlettani, che è bellissimo! Avanti per il bene della città e per tutti noi barlettani!

Non a caso Ruggiero (ci tengo alla i che caratterizza l'essere barlettano) che "je amend e f'rastir" ma solo ai turisti che ci visitano...».

Un cittadino
  • Barlettanità
Altri contenuti a tema
8 Notte di San Lorenzo a Barletta: ritorno all’inciviltà Notte di San Lorenzo a Barletta: ritorno all’inciviltà Dal successo del Jova Beach al solito scempio dei carrelli della spesa rubati e delle pedane di legno abbandonate
Nonna Carmela compie 100 anni: festa sulle note di "Felicità" Nonna Carmela compie 100 anni: festa sulle note di "Felicità" 3 figli, 7 nipoti e 2 pronipoti, Carmela Dimiccoli è arrivata a quota 100 anni
Niente "fanove" a Barletta, il Covid interrompe il tradizionale rito Niente "fanove" a Barletta, il Covid interrompe il tradizionale rito «Mancheranno a tutti i fanov da Macul't, ma possiamo fare una cosa tutti noi in questa notte, la più buia dei nostri tempi: accendiamo un fuoco alla Vergine nel nostro cuore»
Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Edicola Curci addio, Barletta perde un altro tassello della propria tradizione Uno spazio ristretto, ma tanto ampio nei ricordi dei cittadini
3 Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Barletta anni '90, la nostalgia nelle vecchie fotografie Condivise sui social raccontano di una Barletta profondamente diversa
6 L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe L'arrivo della Madonna: la maggioranza dei barlettani soccombe Tra assembramenti e (poco) rigore, un fatto minimo mette a nudo l'intera città
1 Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Barletta, andrà tutto bene: storie e coraggio che ci uniscono Messaggi di positività e colori per sostenere la quarantena dei più piccoli
La cultura di Barletta non va in quarantena La cultura di Barletta non va in quarantena Dai nostri archivi, BarlettaViva propone ai lettori due rubriche culturali con la partecipazione di due barlettani d’eccezione
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.