Benessere
Benessere
Scuola e Lavoro

XIII edizione di Ecosistema Scuola Legambiente, in Puglia crescono i servizi

Bari è la città con le scuole meno sicure. Su 89 Comuni capoluogo monitorati, Lecce è la prima città del sud

Su 7.139 edifici scolastici italiani di competenza dei comuni capoluogo di provincia presi in esame, circa il 60% è stato costruito prima del 1974, anno dell'entrata in vigore della normativa antisismica. È questa la preoccupante fotografia scattata da Ecosistema Scuola 2012, il rapporto di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado di 96 capoluoghi di provincia. Guardando alla Puglia, il patrimonio immobiliare scolastico risulta per il 51,26% costruito prima del 1974 con una percentuale del 10,69% edificato tra il 1991 e il 2011: sotto la media nazionale il dato sugli investimenti per la manutenzione ordinaria, poco sopra quello per l'ordinaria. Sul fronte dell'adozione di pratiche relative al risparmio energetico, in Puglia gli edifici che utilizzano fonti rinnovabili sono il 13,57%. Nella classifica generale, su 89 Comuni capoluogo monitorati nel dossier, Bari si trova al 2° posto della classifica nazionale, mentre la migliore città pugliese a livello nazionale è Lecce, posizionata all'89° posto.

"Dal dossier Ecosistema Scuola 2012 – dichiara Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia – Lecce risulta la prima città del sud in graduatoria, piazzandosi al 23º posto della classifica generale, mentre Bari si colloca al 67º posto. Fra i capoluoghi pugliesi si distingue Brindisi, per la somministrazione di pasti interamente biologici nelle mense scolastiche. Invece fra le città più deficitarie sul fronte della messa in sicurezza nelle scuole troviamo Bari, al secondo posto della classifica nazionale, con scuole maggiormente esposte a fonti d'inquinamento interno come l'amianto e il radon, fonti d'inquinamento atmosferico, elettromagnetismo, inquinamento acustico e industriale. Sul fronte della raccolta differenziata, invece, la situazione in Puglia è positiva: vetro, pile, carta e toner nei capoluoghi sono tutti differenziati per il 70,56%, valore sopra la media degli stessi materiali mentre non è prevista la raccolta dell'organico e quella dell'alluminio si ferma all'11,21%".

"Per migliorare le condizioni dell'edilizia scolastica – conclude Tarantini – Legambiente chiede il monitoraggio costante degli edifici, risorse versate con continuità alle scuole e una ridefinizione delle competenze e dei ruoli degli Enti per completare definitivamente l'anagrafe scolastica. Se da un lato cresce la consapevolezza dell'importanza dell'edilizia scolastica come infrastruttura strategica del nostro Paese dall'altro occorre, però, andare oltre l'emergenza per parlare di come devono essere le nostre scuole del futuro: sicure, in classe energetica A, belle, educative e aperte al territorio. Per far questo bisognerà innanzitutto svincolare dal patto di stabilità gli interventi destinati alla messa in sicurezza delle scuole e poi avviare un dialogo con Ministero, Enti locali e soggetti della società civile per definire linee guida comuni verso le quali indirizzare la programmazione degli interventi e le risorse destinate ai nostri edifici scolastici".
  • Scuola
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte Nuovo parametro per le scuole, ecco perché a Barletta resteranno aperte L'analisi dei dati sui contagi in base alle nuove linee guida proposte dal Comitato tecnico scientifico al Governo
Emiliano al Governo: «Se vogliamo la scuola in presenza dobbiamo vaccinarla» Emiliano al Governo: «Se vogliamo la scuola in presenza dobbiamo vaccinarla» «Nel giro di 20 giorni al massimo, se ci impegniamo, potremmo vaccinare tutto il personale della scuola»
Scuola, gli psicologi pugliesi: «Famiglie nel caos» Scuola, gli psicologi pugliesi: «Famiglie nel caos» Vincenzo Gesualdo commenta la nuova ordinanza del governatore Emiliano dopo il ricorso al Tar del Codacons
1 Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Scuola in Puglia, ecco cosa prevede la nuova ordinanza firmata ieri notte Resta la DDI al 100% ma sparisce la percentuale del 50% di alunni in presenza per ragioni non diversamente affrontabili
4 Scuola, in arrivo nuova ordinanza: Emiliano reagisce alla decisione del Tar Scuola, in arrivo nuova ordinanza: Emiliano reagisce alla decisione del Tar «Dobbiamo tutelare la salute degli insegnanti e del personale scolastico»
In Puglia si torna a scuola, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano In Puglia si torna a scuola, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Si dovrebbe tornare in classe domani seguendo quanto stabilito dal Dpcm
Nuovo centro comunale di raccolta, la nota di Legambiente Barletta Nuovo centro comunale di raccolta, la nota di Legambiente Barletta «Una gestione che preveda il coinvolgimento di cittadini e associazioni può essere garanzia di assenza di disagi»
Studenti a casa fino al 5 marzo, arriva l'ordinanza di Emiliano Studenti a casa fino al 5 marzo, arriva l'ordinanza di Emiliano Da lunedì didattica digitale integrata per tutte le scuole in Puglia
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.