Crocifisso a scuola
Crocifisso a scuola
Scuola e Lavoro

«Una legge a difesa del crocifisso nelle aule scolastiche»

Il consiglio provinciale approva all'unanimità il documento. Interventi di Francesco Di Feo e Pompeo Camero

Un ordine del giorno per l'apposizione del crocifisso nelle aule scolastiche, con il quale si chiede ai presidenti di Camera e Senato di indire una legge a difesa del simbolo delle radici cristiane, è stato approvato stamani in consiglio provinciale su richiesta del Consigliere Francesco Di Feo.

«Lo Stato italiano e uno stato laico e non confessionale - si legge nel documento approvato -, le cui radici giudaico - cristiane sono parte integrante della sua storia ed il crocifisso, che è il simbolo per eccellenza di tali radici, incarna tutti i valori sociologici, umani, storici e culturali». In Italia, tuttavia, non esistono fonti legislative che impongano l'esposizione del crocifisso. Inoltre, dopo la recente udienza della Corte di Strasburgo, la Grande Camera della Corte Europea dei diritti dell'uomo deciderà nei prossimi mesi la legittimità o meno di esporre il simbolo della cristianità nei luoghi pubblici, al punto che la presenza del crocifisso nella aule, negli ospedali, nei tribunali ed in tutte le istituzioni è posta a serio rischio e con essa anche le radici dello Stato Italiano e dell'Europa.

Pertanto, il consiglio provinciale ha unanimemente impegnato il presidente della provincia di Barletta, Andria, Trani Francesco Ventola a farsi promotore presso il Governo ed il Parlamento, richiedendo al Ministro degli Esteri, al Ministro delle Politiche Europee ed ai Presidenti di Camera e Senato di promuovere una legge che salvaguardi il crocifisso, simbolo di primaria importanza per l'intero Paese in quanto portatore di valori inestimabili».

Sull'ordine del giorno presentato dal consigliere Di Feo ed approvato dal consiglio provinciale, è intervenuto in aula l'assessore provinciale alla pubblica istruzione Pompeo Camero. «Il crocifisso è simbolo della nostra storia e della cultura italiana e di conseguenza dell'identità del Paese - ha affermato Camero -. E' il simbolo dei principi di eguaglianza, libertà e tolleranza e del secolarismo dello Stato, nonché dell'identità cristiana dell'Italia e dell'Europa».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Consiglio provinciale
  • Scuola
  • Religione
Altri contenuti a tema
Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale nell'economia del territorio» L'allarme lanciato dal Procuratore della Repubblica di Trani nel convegno «Commercialisti, gli strumenti di protezione dai rischi di riciclaggio»
"La strada non è una giungla": premiati gli studenti di Barletta "La strada non è una giungla": premiati gli studenti di Barletta Il progetto ha permesso agli studenti di sviluppare competenze trasversali, educandoli alla sostenibilità e al rispetto delle regole della strada
Violenza tra pari: tre giorni di riflessione per gli studenti di Barletta Violenza tra pari: tre giorni di riflessione per gli studenti di Barletta Hanno partecipato gli istituti “Moro”, “De Nittis”, “Fieramosca” e “Baldacchini”
Scuola, indetto sciopero nazionale: previste molte adesioni Scuola, indetto sciopero nazionale: previste molte adesioni Possibili disagi anche negli istituti di Barletta
Giornata di sensibilizzazione alla violenza per le scuole secondarie di Barletta Giornata di sensibilizzazione alla violenza per le scuole secondarie di Barletta L’iniziativa è stata promossa dal Settore Servizi Sociali della locale Amministrazione
Scuola: ok per l'inizio il 14 settembre Scuola: ok per l'inizio il 14 settembre La Giunta regionale ha fissato anche il termine delle attività
25 aprile: festeggiamenti per la Madonna di Canne e S.Ruggero Vescovo 25 aprile: festeggiamenti per la Madonna di Canne e S.Ruggero Vescovo Si terrà la messa dalle ore 11.00 alle ore 12.00 a cui seguirà la processione con le effigi
Polo Universitario di Barletta: ritornano le lezioni in presenza Polo Universitario di Barletta: ritornano le lezioni in presenza Le testimonianze degli iscritti
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.