Crocifisso a scuola
Crocifisso a scuola
Scuola e Lavoro

«Una legge a difesa del crocifisso nelle aule scolastiche»

Il consiglio provinciale approva all'unanimità il documento. Interventi di Francesco Di Feo e Pompeo Camero

Un ordine del giorno per l'apposizione del crocifisso nelle aule scolastiche, con il quale si chiede ai presidenti di Camera e Senato di indire una legge a difesa del simbolo delle radici cristiane, è stato approvato stamani in consiglio provinciale su richiesta del Consigliere Francesco Di Feo.

«Lo Stato italiano e uno stato laico e non confessionale - si legge nel documento approvato -, le cui radici giudaico - cristiane sono parte integrante della sua storia ed il crocifisso, che è il simbolo per eccellenza di tali radici, incarna tutti i valori sociologici, umani, storici e culturali». In Italia, tuttavia, non esistono fonti legislative che impongano l'esposizione del crocifisso. Inoltre, dopo la recente udienza della Corte di Strasburgo, la Grande Camera della Corte Europea dei diritti dell'uomo deciderà nei prossimi mesi la legittimità o meno di esporre il simbolo della cristianità nei luoghi pubblici, al punto che la presenza del crocifisso nella aule, negli ospedali, nei tribunali ed in tutte le istituzioni è posta a serio rischio e con essa anche le radici dello Stato Italiano e dell'Europa.

Pertanto, il consiglio provinciale ha unanimemente impegnato il presidente della provincia di Barletta, Andria, Trani Francesco Ventola a farsi promotore presso il Governo ed il Parlamento, richiedendo al Ministro degli Esteri, al Ministro delle Politiche Europee ed ai Presidenti di Camera e Senato di promuovere una legge che salvaguardi il crocifisso, simbolo di primaria importanza per l'intero Paese in quanto portatore di valori inestimabili».

Sull'ordine del giorno presentato dal consigliere Di Feo ed approvato dal consiglio provinciale, è intervenuto in aula l'assessore provinciale alla pubblica istruzione Pompeo Camero. «Il crocifisso è simbolo della nostra storia e della cultura italiana e di conseguenza dell'identità del Paese - ha affermato Camero -. E' il simbolo dei principi di eguaglianza, libertà e tolleranza e del secolarismo dello Stato, nonché dell'identità cristiana dell'Italia e dell'Europa».
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Consiglio provinciale
  • Scuola
  • Religione
Altri contenuti a tema
Corso di formazione per segretari e collaboratori scolastici Oggi Corso di formazione per segretari e collaboratori scolastici
Nuovo anno scolastico, gli auguri dell'Amministrazione comunale di Barletta Nuovo anno scolastico, gli auguri dell'Amministrazione comunale di Barletta Il messaggio del sindaco Cannito agli studenti barlettani
Al via l'anno scolastico, il presidente della BAT: «Garantiremo l'assistenza specialistica» Al via l'anno scolastico, il presidente della BAT: «Garantiremo l'assistenza specialistica» Presidente De Toma: «Agli studenti auguro un anno scolastico proficuo e ricco di soddisfazioni»
"Dona la spesa": raccolta di materiale scolastico per le famiglie in difficoltà "Dona la spesa": raccolta di materiale scolastico per le famiglie in difficoltà L'iniziativa solidale si svolgerà domani presso l'Ipercoop di Barletta e Andria
Due alunni dell'istituto "Fermi" partono per le Olimpiadi nazionali di informatica Due alunni dell'istituto "Fermi" partono per le Olimpiadi nazionali di informatica Spadaro Michele e Capuano Lorenzo sono gli studenti in finale
Ristorazione scolastica, ecco come ricaricare le schede a Barletta Ristorazione scolastica, ecco come ricaricare le schede a Barletta La ricarica presso gli uffici comunali potrà essere effettuata fino al 31 dicembre 2019
In arrivo nuovi banchi e sedie per le scuole di Barletta In arrivo nuovi banchi e sedie per le scuole di Barletta Il Comune ha investito 80mila euro per i nuovi arredi scolastici
Mancata immissione in ruolo dei docenti in Puglia, Di Bari (M5S): «Risolta anomalia» Mancata immissione in ruolo dei docenti in Puglia, Di Bari (M5S): «Risolta anomalia» «Tutto si è risolto e l'ufficio scolastico regionale si adeguerà a quanto stabilito dal Ministero della Pubblica Istruzione»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.