LEredit
LEredit
Eventi

Una 22enne barlettana al quiz show "L'Eredità"

Le parole della concorrente: «Abbandonare la timidezza per realizzare i propri sogni»

Voglia di mettersi in gioco e un sogno chiuso nel cassetto sono il bagaglio inseparabile di Alessandra, ragazza 22enne di Barletta che, superando la timidezza e l'imbarazzo, ha deciso di partecipare al quiz show in onda su Rai 1 "L'Eredità". Laureata in Mediazione Linguistica ed Interculturale e con la grande aspirazione di diventare giornalista, l'abbiamo incontrata per indagare i motivi della sua scelta di prendere parte al gioco televisivo e le dinamiche alle spalle di quella che lei stessa ha definito «una macchina perfetta».

Com'è nata l'idea di iscriverti a "L'Eredità"?
«La voglia di mettermi in gioco mi ha spinta a candidarmi come possibile concorrente di questo game show che ho sempre seguito ma per il quale non ho mai avuto il coraggio di far richiesta, non riuscendo ad immaginare me stessa in TV ed alle prese con un gioco in cui la rapidità è fondamentale. Poi ho ripensato ai miei 22 anni e ho detto a me stessa di provarci, abbandonando la timidezza che impedisce a molti giovani della mia età di inseguire le proprie aspirazioni per paura di fallire. Ho fatto un provino e dopo soli quattro giorni d'attesa sono stata scelta come concorrente».

Quali sono le dinamiche alle spalle del "gioco" offerto ai telespettatori?
«Si viene ospitati in un albergo, pagato dalla produzione e si passa poi agli studi Rai dove si incontrano gli autori per un piccolo briefing sul gioco e su come si svolgerà. Si cerca da parte loro in ogni modo di mettere a proprio agio i concorrenti, facendoli entrare in un ambiente quasi famigliare data anche la dimensione ridotta dello studio in cui si svolgono le riprese. Non ci sono stati, da parte mia, momenti di ansia o panico e credo che il merito sia anche del conduttore Flavio Insinna che, oltre ad essere un uomo di grande cultura, è una persona genuina e ritengo che le critiche mossegli negli ultimi tempi siano assolutamente infondate poiché, essendo anch'egli un essere umano e non un automa, un momento di rabbia incorniciato da qualche parola di troppo sia decisamente comprensibile anche da un uomo di classe, qual è. Voglio svelare inoltre che lo stesso Insinna, a telecamere spente, si è congratulato con me augurandomi di proseguire sulla strada verso il mio sogno di diventare giornalista».

Esperienza a tutto tondo quella vissuta dalla giovane barlettana alla conquista del premio in denaro più ambito dell'ultimo decennio. Va ricordato infatti che Alessandra è giunta sino al duello finale, preludio della tanto temuta quanto conosciuta "Ghigliottina" e se la citazione «Comunque vada sarà un successo» è ancora valida, rispecchia perfettamente la sua performance in una situazione dal grande impatto emotivo che richiede una prontezza intellettuale non indifferente.
  • Trasmissione televisiva
Altri contenuti a tema
Burrata di Andria IGP star della TV, domani su Rai 2 Burrata di Andria IGP star della TV, domani su Rai 2 L'eccellenza made in Bat sarà la protagonista della rubrica "Eat Parade"
1 "Cronache del Rinascimento", Rai Storia racconta Barletta e la sua Disfida "Cronache del Rinascimento", Rai Storia racconta Barletta e la sua Disfida Su Rai Play disponibile la puntata integrale del 21 maggio
Non solo Gabibbo, Lorenzo Beccati racconta la sua passione per la scrittura Non solo Gabibbo, Lorenzo Beccati racconta la sua passione per la scrittura L'intervista ai microfoni di BarlettaViva; alle 18:30 la presentazione del suo ultimo libro
Sulle tracce di Federico II di Svevia, la Rai ancora innamorata di Barletta Sulle tracce di Federico II di Svevia, la Rai ancora innamorata di Barletta Insieme a Trani e Andria, ecco il backstage del programma "Paese che vai"
6 Da Art Attack a Sereno variabile, avvistato a Barletta Giovanni Mucciaccia Da Art Attack a Sereno variabile, avvistato a Barletta Giovanni Mucciaccia L'amato conduttore è stato immortalato in centro con le telecamere della Rai
1 "La musica rende liberi", Barletta su Rai 2 con le note salvate dai lager "La musica rende liberi", Barletta su Rai 2 con le note salvate dai lager Nel programma “Sorgente di vita” approfondimento sulla Cittadella della musica concentrazionaria
81 Tric e Trac per Amadeus, da Barletta parte una “Reazione a Catena” Tric e Trac per Amadeus, da Barletta parte una “Reazione a Catena” Simpatia e sregolatezza made in Città della Disfida
5 Alla ricerca di Raffaella Daloiso, in campo "Chi l'ha visto" Alla ricerca di Raffaella Daloiso, in campo "Chi l'ha visto" L'appello del figlio Christian per ritrovare la madre a Milano
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.