Mario Corvasce
Mario Corvasce
La città

Un giornale svizzero parla del barlettano Mario Corvasce

«Un giornalista in borghese mi ha chiesto una spuntatina ai capelli. Pochi giorni dopo la splendida recensione»

La storia di Mario Corvasce è il presente dei giovani italiani, costretti a lasciare la propria terra in cerca di risposte. Si tratta di un racconto a lieto fine, perché il nostro concittadino è riuscito a realizzare il sogno di una vita: aprire un suo salone. Ha passione e coraggio da vendere, tanto da decidere sette anni fa di trasferirsi in Lausanne, Svizzera. Un giornalista in borghese si è presentato alla porta chiedendo di dare una leggera spuntatina ai capelli. Pochi giorni dopo, ecco la splendida recensione sul noto giornale svizzero. Ma lasciamo che sia Mario a raccontare la sua storia.

A quanti anni hai preso in mano forbici e rasoio? Cosa ti ha colpito di questo mondo?
«Prima di prendere forbici e rasoio ho dovuto per lungo tempo spazzare e osservare, d'altronde avevo solo 13 anni e mezzo. Ero stato stregato dalla creatività ed eccentricità di questo mondo. Qualche anno dopo ho conosciuto Carmine Cortellino al quale sarò sempre grato non solo per avermi formato ma soprattutto per avermi infuso amore e rispetto per questa splendida professione».

Come te, tanti sono i ragazzi che lasciano famiglia e amici per cercare fortuna altrove. Ti sei mai pentito della scelta?
«Io volevo restare perché nel mio sogno c'era la mia famiglia e la mia città. In realtà sembrava avessi imboccato la strada giusta quando ho aperto il mio secondo salone, ma era solo un'illusione. Distrutto e amareggiato, è cominciata la ricerca, quella che stanca e ti delude quasi sempre. Inaspettata è stata la chiamata dalla Svizzera, anche se le valige erano pronte da mesi. La solitudine iniziale è stata difficile da digerire, come del resto la lingua. Ma pian piano, da buon pugliese, ho costruito numerose amicizie. Anche se le mie radici restano a Barletta, qui ho conosciuto mia moglie che mi ha fatto dono di una bellissima bambina».

Dopo tanta fatica finalmente hai un'attività tutta tua e un famoso giornale del luogo ha recensito il tuo salone. Raccontaci come è andata.
«Dopo tanti sacrifici io e il mio collega napoletano abbiamo raggiunto il successo tanto atteso. Non si può negare, il barbiere italiano ha una marcia in più: l'empatia. I clienti restano affascinati dal nostro modo di fare scherzoso; e poi si sa, la Svizzera non è di certo famosa per essere calorosa. Esperienza e passione hanno ripagato i nostri sforzi e qualcuno lo ha notato. Qualche mese fa, un uomo distinto mi ha richiesto una spuntatina ai capelli, non avevo idea che fosse un giornalista. Lo ha confessato solo mentre andava via. Pochi giorni dopo è apparsa una brillante recensione all'interno di una rivista che promuove le attività di successo. Un grande orgoglio per me e per la mia famiglia».

Adesso Mario è felice. Ha costruito mattone dopo mattone il suo sogno, anche se non qui, non a Barletta. È stato costretto a portare la sua professionalità lontano dai nostri confini. Noi siamo orgogliosi della sua vittoria e non possiamo che auguragli una splendida carriera.
Mario Corvasce
  • Lavoro
  • Settore giovanile
Altri contenuti a tema
Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare Licenziata dopo il Covid, Alessandra torna a Barletta per ricominciare La storia di un ritorno e di un nuovo progetto di vita
PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione PON Inclusione: consegnati gli attestati ai partecipanti dei corsi di formazione La cerimonia al Castello di Barletta questa mattina
Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Vogliamo raccogliere le storie delle donne della nostra terra
Il nuovo assegno per il nucleo familiare in vigore dal primo luglio Il nuovo assegno per il nucleo familiare in vigore dal primo luglio I chiarimenti dell'esperto Giovanni Assi su un tema che in queste ore sta interessando milioni di italiani
McDonald's assume 14 persone per la sede di Barletta McDonald's assume 14 persone per la sede di Barletta L'azienda ha predisposto l'assunzione di 2.000 nuovi addetti in tutt'Italia
Agenzia Generali di Barletta e Trani offre lavoro Agenzia Generali di Barletta e Trani offre lavoro Partner di vita: l’agenzia è attiva sul territorio dal 1958
Ristori per ambulanti anche senza DURC: erogazioni da luglio Ristori per ambulanti anche senza DURC: erogazioni da luglio Caracciolo: «Un intervento rapido e preciso, una risposta concreta ai bisogni della categoria»
Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» Attività aperte il 1° maggio, ma «si stenta a comprendere il principio della facoltà di scelta» La nota di Mario Landriscina, direttore Confesercenti Bat
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.