Soldi
Soldi
Eventi

“Tante persone nei bar si giocano la famiglia, gli affetti, il futuro, la speranza”

500 famiglie pugliesi si sono rivolte al fondo statale antiusura nel 2013

L'usuraio, figura mafiosa consunta e appartenente ad un immaginario passato, in realtà esiste ancora, soprattutto quando "di quartiere", come hanno confermato i dati trasmessi nel corso dell'incontro "Usura-Azzardo-Economia-Persona", durante il quale sono emerse notizie fortemente allarmanti sul piano della sicurezza cittadina e familiare. Sino ad oggi infatti 748 famiglie pugliesi si sono rivolte al fondo statale antiusura, sino ad oggi un numero in crescendo rappresenta le vittime del sovraindebitamento da azzardo, causa principale che spinge in ultima istanza i cittadini in difficoltà a rivolgersi alle associazioni mafiose dell'usura; il gioco attualmente riporta una spesa pro-capite nella provincia di Bari di 1.022 euro, con una forte propensione per slot machine e giochi automatici. A questo proposito Monsignor D'Urso(fondatore dell'associazione antiusura di Bari) ha lanciato un appello ai gestori degli esercizi commerciali affinchè rimuovano le "macchinette", ha proseguito dicendo che "Tante persone nei bar si giocano la famiglia, gli affetti, il futuro, la speranza".

Dal resoconto 2013 infatti provengono dati fortemente allarmanti dalla fondazione antiusura San Nicola-Santi Medici di Bari, con circa 500 famiglie pugliesi che hanno inoltrato nello scorso anno la loro richiesta di aiuto. Nonostante le innumerevoli campagne di sensibilizzazione, avviate sia a livello governativo che privato, continua a salire il numero di coloro che ripongono accidentalmente le loro ultime speranze in pratiche pericolose e illegali.

Nel 1994, anno in cui la fondazione fu avviata dal suo presidente, Monsignor Alberto D'Urso, furono 226 le famiglie che si rivolsero alla neo-fondazione, cifra in crescendo nel 2010, con la registrazione di 290 utenti bisognosi, nel 2011 con 300 utenti fino a giungere ai 350 del 2012. I dati, diffusi a Bari in occasione della tavola rotonda "Usura-Azzardo-Economia-Persona", provocano grande rabbia e preoccupazione nelle istituzioni e nelle stesse famiglie, con l'ulteriore considerazione che sino ad oggi sono stati erogati 42 milioni di euro, sotto forma di finanziamenti, attinti dal fondo antiusura dello Stato. L'usuraio di quartiere figura tuttora, secondo i relatori, tra "sale da gioco e compro-oro", iterando un percorso illecito e illegale, oltre che pericolosissimo per chi ne dovesse accidentalmente intraprendere la strada.
  • Usura
  • Gioco d'azzardo
Altri contenuti a tema
Attivato l’Osservatorio antiusura nel territorio della Bat Attivato l’Osservatorio antiusura nel territorio della Bat Soldani: «Ora bisogna superare i formalismi e dare risposte concrete con azioni immediate»
L'Antiracket è tornato ad incontrarsi a Barletta: numerose novità L'Antiracket è tornato ad incontrarsi a Barletta: numerose novità Una tavola rotonda per discutere delle iniziative da intraprendere dopo l'emergenza Covid
L'usura al tempo del Covid, un incontro dell'Azione Cattolica a Barletta L'usura al tempo del Covid, un incontro dell'Azione Cattolica a Barletta Appuntamento martedì 30 giugno alle ore 20
Usura ed estorsione, un protocollo per prevenire i fenomeni nella Bat Usura ed estorsione, un protocollo per prevenire i fenomeni nella Bat Il protocollo è stato sottoscritto questa mattina nella sede della Prefettura
1 Antiracket e antiusura, in Prefettura di Barletta la firma del protocollo Antiracket e antiusura, in Prefettura di Barletta la firma del protocollo Parteciperà il Commissario straordinario del Governo Annapaola Porzio
Simula una rapina dopo aver perso 4mila euro, denunciato un 46enne di Barletta Simula una rapina dopo aver perso 4mila euro, denunciato un 46enne di Barletta L’uomo avrebbe perso la forte somma in sala giochi, intervengono i carabinieri
Quando il gioco d'azzardo diventa patologico, a Barletta apre il Gap Quando il gioco d'azzardo diventa patologico, a Barletta apre il Gap Lunedì l'inaugurazione al primo piano del vecchio ospedale
1 Vince un milione di euro al Superenalotto ma non ha ancora riscosso la vincita Vince un milione di euro al Superenalotto ma non ha ancora riscosso la vincita La giocata fortunata ad un bar in via Parrilli lo scorso 23 giugno
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.